Google+

«La sentenza del tribunale di Firenze è folle e ideologica: vuole introdurre l’eutanasia»

gennaio 14, 2011 Benedetta Frigerio

Parla a Tempi il costituzionalista fiorentino Andrea Simoncini, che commenta la decisione del tribunale di Firenze di riconoscere il diritto di Francesco Santoni, 70 anni, di nominare un «amministratore di sostegno» che nel caso di incapacità di intendere e volere decida di «non permettere che io continui a vivere se attaccato a una macchina»

Il tribunale di Firenze ha riconosciuto il diritto di Francesco Santoni, 70 anni, di nominare un «amministratore di sostegno» che nel caso di incapacità di intendere e volere, per via di eventuali malattie o incidenti, decida di «non permettere che io continui a vivere se attaccato a una macchina». Il tutore sarà la moglie. L’avvocato è la figlia. E il tribunale scelto dai ricorrenti quello di Firenze, di cui si conoscono perfettamente le posizioni in materia etica.

«Insomma – spiega il costituzionalista fiorentino Andrea Simoncini – ci si sceglie i giudici e si fa tutto in famiglia».
Il fatto, inoltre, non sembra capitare a caso, proprio quando il Parlamento sta legiferando in materia. «Mi pare inoltre che i giudici in Italia osteggino di continuo il Parlamento, e quindi la volontà popolare, come niente fosse e questo è davvero scandaloso. Succede solo qui».

Nel merito, poi, la decisione è davvero «al limite del razionale, perché si avvale di uno strumento legislativo che ha tutt’altri fini, pensato per servire casi totalmente diversi: la norma sull’amministratore di sostegno vale infatti per chi è completamente incapace di intendere e di volere, non per chi lo è. Perciò, oltre che folle, la decisione pare totalmente ideologica: non risponde ad un’esigenza reale (l’uomo è in salute) e cerca di introdurre con un colpo di sentenza l’eutanasia».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Forse non sarà la supercar più aggraziata sulla faccia del Pianeta, ma è senza dubbio la McLaren più estrema mai realizzata. Il suo nome è Senna, in omaggio all’indimenticabile pilota brasiliano, e il peso a secco è da urlo: 1.198 kg. L’erede della hypercar P1, contrariamente ai rumors che la volevano ibrida come l’antenata, rinuncia […]

L'articolo McLaren Senna: la più estrema di sempre proviene da RED Live.

Il preparatore americano Hennessey sembra avere un’unica missione nella vita: lasciare a bocca aperta. Dopo aver creato sia la Venom GT, hypercar in grado di toccare i 435 km/h grazie a un V8 7.0 biturbo da 1.451 cv, sia l’evoluzione Venom F5, accreditata sulla carta di una velocità massima di oltre 480 km/h, ora si […]

L'articolo Hennessey VelociRaptor 6×6: forza bruta proviene da RED Live.

La nuova Multistrada 1260 cambia radicalmente con le novità che riguardano circa il 30% del progetto; smussa gli spigoli vivi del motore precedente motore e guadagna nella guida ora più fluida e rotonda meno reattiva.

L'articolo Prova Ducati Multistrada 1260 proviene da RED Live.

Per le piccole inglesi supersportive è già tempo di pista. Al freddo dell'autodromo di Cremona partono i primi test della stagione. Il nuovo calendario prevede anche una trasferta al Paul Ricard. C'eravamo anche noi

L'articolo MINI Challenge, è già 2018 proviene da RED Live.

La 5 porte giapponese saluta da lontano le quattro generazioni che l’hanno preceduta, mostrando linee più slanciate e tante possibilità di personalizzazione. Si dota inoltre di dispositivi di controllo appannaggio di auto di segmento superiore. Prezzi a partire da 16.700 euro

L'articolo Prova Nissan Micra N-Connecta IG-T proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download