Google+

La seconda vita di “Giustizia”, l’opera definitiva di Friedrich Dürrenmatt

maggio 30, 2012 Daniele Ciacci

Il romanzo più intenso del genio svizzero torna in libreria edito da Adelphi. Un’amara riflessione sul senso della virtù in un mondo dominato dal caso.

Friedrich Dürrenmatt si è fatto conoscere come popolare scrittore di noir. Eppure, nella sua ampia bibliografia – più di racconti e opere teatrali che di romanzi – il genere poliziesco viene sempre perennemente ribaltato. Espediente piacevole per i lettori dal palato fine, benché le parole che scorrono sulle pagine siano adatte soltanto a una rigida selezione di duri di stomaco. Perché disillusione, cinismo, lucida definizione del caos dell’esistenza sono sciorinate con la stessa consequenzialità di una tesi scientifica, con risultati di una tristezza tanto nauseante quanto convincente.

Dell’autore svizzero morto nel 1990 è stata pubblicata l’intera opera. Ma i milanesi di Adelphi hanno deciso di ristampare, 7 anni dopo i cugini della casa Marcos y Marcos, Giustizia, il romanzo di una vita (Adelphi, Milano, 2011, p. 211, 18 euro). Iniziato negli anni ’50, l’opera accompagna l’autore fino all’84, sul finire dei suoi settant’anni. E ne traduce, a più riprese, le sue riflessioni sulle istituzioni umane, sulle pretese giustizialiste di un sistema – quello elvetico – incapace di raggiungere la verità. Ma non è un problema politico, bensì antropologico. Un’inefficienza costitutiva, non accidentale, dell’essere umano.

La storia vede al centro Isaak Kohler, ricco ex-consigliere cantonale, che uccide a sangue freddo, in un locale stracolmo di gente, il professor Winter. L’evento paradossale è la completa, assoluta mancanza di motivazione. Kohler non accampa scuse, né cerca alibi. Va in carcere, diventa un detenuto modello e avanza a Spat, avvocato in perenne bolletta, la richiesta di «riesaminare il caso partendo dall’ipotesi che l’omicida non sia lui». Una sfida irragionevole, ma che si rivelerà vincente. Suo malgrado, Spat consegnerà una serie di prove atte a scagionare il colpevole attentatore. E il giovane avvocato morirà di alcol e di rimorsi. Il suo taccuino di appunti verrà ripreso da un anonimo narratore, che a sua volta scoprirà l’inedita verità che sta dietro le mosse di Kohler.

Dürrenmatt si dimostra un autore attento alle ambientazioni – la Svizzera, tronfia della sua snobistica neutralità e del proprio passato calvinista, cupa nel suo terribile inverno – e alle psicologie dei personaggi – come quella di Spat, nel perenne contrasto tra voglia di rivalsa, donne, alcol e desiderio di fare giustizia. Giustizia: un titolo che vuole dire l’esatto contrario di se stesso. Perché, come fa notare Dürrenmatt, non è data giustizia umana se il mondo è governato dal caso. E i tentativi terreni di darsi un ordine sfociano in un’ultima, triviale violenza.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana