Google+

La sanguinosa tradizione del bombardamento prenatalizio dei cristiani siriani

dicembre 23, 2015 Redazione

Maharda e Meqelbia, località cristiane della provincia di Hama, sono state colpite da fazioni islamiste. Un modo d’agire ormai consolidato

siria-aleppo-ansa

Da quattro anni a questa parte, ogni giorno che Dio manda in terra la Siria patisce decine di lutti per i combattimenti che attraversano il paese da una parte all’altra, in particolare per i bombardamenti sia dei governativi e dei loro alleati sia dei ribelli. Non ha fatto eccezione l’inizio della settimana di Natale: fra lunedì e martedì i governativi hanno causato una vittima e feriti a Barzeh, quartiere ribelle di Damasco nord; lo Stato islamico ha causato la morte di nove studentesse e il ferimento di altre venti bombardando una scuola di un quartiere di Der Ezzor nell’est del paese; aerei russi hanno bombardato nelle province di Idlib e di Homs causando vittime fra i combattenti e fra i civili e nella Ghouta orientale (est di Damasco); i governativi hanno continuato ad attaccare Palmyra per riprenderla dalle mani dell’Isis, Madamiyeh, sobborgo di Damasco e al-Madiq nella provincia di Latakia; nella provincia di Hasakeh un ragazzo e morto e molti altri sono rimasti feriti per l’esplosione di una mina dell’Isis.
Secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani (Sohr) con base a Londra e simpatizzante per la causa dei ribelli, nella sola giornata del 21 dicembre in Siria sono state uccise 134 persone, delle quali 35 civili e gli altri combattenti. In quella giornata l’Isis ha compiuto tredici esecuzioni capitali di prigionieri e presunte spie.

BOMBE SUI CRISTIANI. In un contesto del genere fa poco notizia il bombardamento di Maharda e Meqelbia, località cristiane della provincia di Hama, lunedì scorso da parte di fazioni islamiste. Eppure il fatto merita di essere messo in evidenza per una fondamentale ragione: conferma un paradigma di azione consolidato da parte dei ribelli islamisti, che da un paio di anni a questa parte colpiscono intenzionalmente civili dei quartieri cristiani e le loro chiese in occasione delle principali feste cristiane.
Nell’aprile scorso, durante la settimana santa ortodossa, i ribelli islamisti di Aleppo hanno bombardato il rione attorno a piazza Farhat nel quartiere di Sdeide, accanendosi contro i cinque edifici ecclesiastici che si trovano nella zona (fra i quali la prestigiosa chiesa armena apostolica dei Quaranta Martiri) e che ora sono distrutti o inagibili. L’Isis nella provincia di Hasakeh aveva distrutto la chiesa della Vergine Maria la domenica di Pasqua della Chiesa assira orientale.
I bombardamenti prenatalizi di Maharda e Meqelbia, che hanno causato la morte di due civili e il ferimento di altri venti, alcuni dei quali in condizioni critiche per la mancanza di assistenza sanitaria nella zona, rientrano nella sanguinosa tradizione che i ribelli islamisti hanno inaugurato qualche tempo fa e che sembrano voler rispettare.

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Sebastiano scrive:

    Ma i “ribelli islamisti” non saranno mica – per caso – quelli che il comico di Washington pretende di mettere al posto di Assad?
    E quale sarebbe la differenza tra loro e l’isis?

    • Filippo81 scrive:

      Di fatto nessuna, Sebastiano, e obama e soci vogliono collocarli al posto di Assad,Poi ci si domanda perche tanti occidentali simpatizzino per Putin !

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana