Google+

Mosca ricorda Stalin: «Mio nonno, capo di un gulag, credeva nel comunismo. Non mi vergogno di lui»

marzo 6, 2013 Leone Grotti

Uno spettacolo teatrale al museo Andrei Sakharov di Mosca per il 60esimo anniversario della morte di Stalin ha scatenato polemiche tra i parenti delle vittime dei gulag comunisti.

Uno spettacolo teatrale al museo Andrei Sakharov di Mosca per il 60esimo anniversario della morte di Stalin ha scatenato polemiche tra i parenti delle vittime dei gulag comunisti. Nella rappresentazione il dittatore che ha guidato l’Unione Sovietica dal 1924 al 1953, causando la morte di almeno 20 milioni di morti, è stato ricordato dai discendenti degli ufficiali che facevano parte del regime. Degli attori leggevano le testimonianze anonime.

TESTIMONIANZA. «Mio nonno è stato il responsabile della costruzione del Mosca-Volga», legge una testimonianza che ricorda il canale che collega il fiume Moskva al fiume Volga costruito dai prigionieri dei gulag negli anni 30, migliaia dei quali sono morti per le condizioni inumane in cui erano costretti a lavorare. «Non è bello essere a capo di un campo di concentramento – continua – ma mio nonno credeva nella sua missione in modo sincero. In fin dei conti, non provo vergogna per lui».

LA RUSSIA NON CONDANNA STALIN. Tra il pubblico, secondo quanto riferisce l’Afp, si è levata la protesta di Tatiana Pravdina, 85 anni, il cui padre è stato rinchiuso in un gulag siberiano. «Non condannano gli errori dei loro cari» ha gridato. La Russia, sostengono altri che hanno assistito allo spettacolo ma non hanno espresso pubblicamente il loro disappunto, «non è pronta per una condanna categorica di Stalin».

STALIN EROE E CRIMINALE. Secondo un sondaggio, il 50 per cento dei russi pensa che Stalin sia stato «un leader saggio» che ha portato «prosperità all’Unione Sovietica». «Allo stesso tempo» però, «il 68 per cento concorda sul fatto che sia stato un crudele tiranno, colpevole della morte di milioni di innocenti». Tuttavia il 60 per cento afferma che la figura di Stalin è storicamente più importante per avere vinto la seconda guerra mondiale che per i suoi crimini. Non a caso «i comunisti russi hanno raccolto centomila firme per una petizione che ridia a Volgograd il nome di Stalingrado».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. giuliano says:

    l’Italia è piena dei suoi fedeli rossi

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi