Google+

Mosca ricorda Stalin: «Mio nonno, capo di un gulag, credeva nel comunismo. Non mi vergogno di lui»

marzo 6, 2013 Leone Grotti

Uno spettacolo teatrale al museo Andrei Sakharov di Mosca per il 60esimo anniversario della morte di Stalin ha scatenato polemiche tra i parenti delle vittime dei gulag comunisti.

Uno spettacolo teatrale al museo Andrei Sakharov di Mosca per il 60esimo anniversario della morte di Stalin ha scatenato polemiche tra i parenti delle vittime dei gulag comunisti. Nella rappresentazione il dittatore che ha guidato l’Unione Sovietica dal 1924 al 1953, causando la morte di almeno 20 milioni di morti, è stato ricordato dai discendenti degli ufficiali che facevano parte del regime. Degli attori leggevano le testimonianze anonime.

TESTIMONIANZA. «Mio nonno è stato il responsabile della costruzione del Mosca-Volga», legge una testimonianza che ricorda il canale che collega il fiume Moskva al fiume Volga costruito dai prigionieri dei gulag negli anni 30, migliaia dei quali sono morti per le condizioni inumane in cui erano costretti a lavorare. «Non è bello essere a capo di un campo di concentramento – continua – ma mio nonno credeva nella sua missione in modo sincero. In fin dei conti, non provo vergogna per lui».

LA RUSSIA NON CONDANNA STALIN. Tra il pubblico, secondo quanto riferisce l’Afp, si è levata la protesta di Tatiana Pravdina, 85 anni, il cui padre è stato rinchiuso in un gulag siberiano. «Non condannano gli errori dei loro cari» ha gridato. La Russia, sostengono altri che hanno assistito allo spettacolo ma non hanno espresso pubblicamente il loro disappunto, «non è pronta per una condanna categorica di Stalin».

STALIN EROE E CRIMINALE. Secondo un sondaggio, il 50 per cento dei russi pensa che Stalin sia stato «un leader saggio» che ha portato «prosperità all’Unione Sovietica». «Allo stesso tempo» però, «il 68 per cento concorda sul fatto che sia stato un crudele tiranno, colpevole della morte di milioni di innocenti». Tuttavia il 60 per cento afferma che la figura di Stalin è storicamente più importante per avere vinto la seconda guerra mondiale che per i suoi crimini. Non a caso «i comunisti russi hanno raccolto centomila firme per una petizione che ridia a Volgograd il nome di Stalingrado».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. giuliano says:

    l’Italia è piena dei suoi fedeli rossi

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.