Google+

La prossima svolta femminista della sinistra? «Abortion is Great»

ottobre 18, 2014 Redazione

Hanna Rosin, autrice di “La fine degli uomini”, critica il movimento pro choice per avere accettato la “mostrificazione” della pratica. Mentre dovrebbe sostenere che «una donna povera o della classe operaia abortendo fa una scelta saggia»

Abortire non solo è un diritto, ma un mezzo per combattere la povertà. I sensi di colpa? Non bisogna averli. Sono inculcati da una minoranza di assolutisti pro life che considerano il feto una persona. È il pensiero Hanna Rosin, scrittrice, femminista, autrice de La fine degli uomini (ascesa delle donne). Abortire, scrive la Rosin, non solo è legittimo, ma è un bene quando «avere un altro bambino non è un buon affare». Ne è convintissima l’autrice dell’articolo pubblicato da Slate che somiglia tanto a un “cambio di passo” del movimento pro choice americano (a cominciare dal titolo: “Abortion is Great”). Nemmeno l’esperienza personale dell’interruzione di gravidanza è servita a farle cambiare idea: avere un aborto – scrive – non deve essere per forza la tragedia che descrivono, lei ne è uscita solo più «consapevole del grande potere di dare la vita, ma anche del fatto che posso fidarmi di me stessa per usarlo con attenzione».

NON È IL MOMENTO GIUSTO. «Tre donne americane su dieci hanno un aborto, prima della menopausa», constata la Rosin nel suo commento, che prende spunto dal libro iper-abortista di un’altra femminista americana, Katha Pollitt. Ebbene, prosegue la Rosin, è un fatto che queste donne «generalmente non sono vittime di incesti o stupri, e non abortiscono a causa di una situazione miserabile da cui devono essere salvate»: nella maggior parte dei casi, molto banalmente, «prendono una ragionevole e ammirevole decisione, ritenendo di non poter crescere un bambino in quel momento». Ma perché tutto ciò è così difficile da ammettere per il movimento pro aborto?, si chiede la femminista. «“Questo secondo me non è il momento giusto per avere un bambino” dovrebbe essere una ragione sufficiente per abortire», afferma la scrittrice. «Dirlo ad alta voce dovrebbe respingere l’idea persistente che è innaturale per la donna scegliere se stessa invece di altri». Del resto «noi donne non ci aspetteremmo mai che un uomo molli tutto e accetti una vita di speranza incerta a causa di una sola eiaculazione».

ASSOLUTISMO PRO-LIFE. Per l’autrice de La fine degli uomini è assurdo che ancora oggi gli americani «non sono certi che l’aborto sia un diritto importante». È un mistero che Katha Pollitt nel suo libro prova a spiegare con una tesi condivisa dalla Rosin: «Essenzialmente siamo stati tutti plagiati da una piccola minoranza di attivisti pro-life». Gli americani che invocano il divieto totale di aborto sono appena una fettina compresa tra il 7 e il 20 per cento del totale, dicono i sondaggisti, «ma quella minoranza rumorosa – commenta la Rosin – ha battuto il resto di noi». «Con i loro feti sui manifesti, il loro assolutismo e la loro infiltrazione nella politica americana» hanno convinto tutti che l’aborto, libero o meno, sia un fatto negativo. L’aborto è un «bene sociale», basta con la sua «awfulization». Rappresentandolo come una cosa terribile non si fa altro che aumentare il numero di ragazze madri, sostiene la Rosin, «una nuova generazione di donne che lottano contro la miseria e di bambini che crescono in povertà».

NUOVA MORALE. «L’aborto non è separato dalle questioni economiche, ma è indissolubilmente legato», prosegue la Rosin. Che poi osserva, riprendendo le idee di un’altra femminista, Isabel Sawhill: «Le donne educate al college hanno i bambini quando sono pronte. Aspettano di avere una laurea e di essere sposate, per averli»; invece «non fanno così le donne povere, quelle che Sawhill chiama “vagabonde”, le quali accettano la genitorialità senza pensarci più di tanto». Come risolvere il problema? I pro choice, secondo la Rosin, dovrebbero finalmente liberarsi dei loro freni intellettuali e dire una volta per tutte che «una donna povera o della classe operaia abortendo fa una scelta saggia per il suo futuro». Ecco che allora, si legge nell’articolo-manifesto, «la sinistra sarebbe portavoce non solo dell’uguaglianza di genere e di reddito, ma anche di una nuova era dei valori della famiglia».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

15 Commenti

  1. Lela scrive:

    L’aborto è sempre un dramma. No, è una scelta che non lascia sensi di colpa. No, nessuno decide di abortire per futili motivi. No, basta non volere un figlio adesso. No, è una scelta difficile, non bisogna turbare le donne che l’hanno compiuta. Ma va, non è il dramma che dicono…SI DECIDESSERO PER UNA LINEA COMUNE le loro idee potrebbero perlomeno mantenere una parvenza di logica e rispettabilità.

    • lucillo scrive:

      Le loro di chi?
      Non è che il movimento femminista sia un monolite; esistono molte posizioni e ricca articolazione di pensiero su vari temi, fra cui questo.

      • yoyo scrive:

        Lieto delle sfumature di Lena. Signfiica che anche lei non parla di aborto a cuor legero.

        • Filomena scrive:

          Peccato che non sia Lena ma Lela e che si tratti di persone diverse. Almeno leggi prima di spararle a zero e scambiare sfumature per colori.

    • Toni scrive:

      Ormai hanno abbandonato lo spot del “dramma” e sono passati alla “salute riproduttiva”. E’ dura far sostituire la parola “aborto” che suona male musicalmente… , anche sussurrandola, provoca un effetto disgustoso… chissà se Filomena dirà se c’è una lista di parole in corso di valutazione per colpire l’immaginazione delle persone in maniera diversa …più leggera.
      PS – Neanche gli acronimi vanno bene …sono freddi.

  2. Laura scrive:

    Simile a quell’infermiera che, pare, ha accoppato un mucchio di pazienti che per varie ragioni non le garbavano, facendosi poi fotografare trionfante a fianco del cadavere.
    Come Dio, al posto di Dio, ovvero psicopatica.

  3. giuliano scrive:

    gli psicopatici (maschi e femmine) sono sempre stati numerosi sul pianeta, ma da quando il comunismo li ha arruolati sono diventati anche assassini, scrivono anche su questa rubrica.

  4. Filippo81 scrive:

    La Rosin è patetica, è la classica giornalista radicalborghese ,ossequiosa del potere e rappresentante del pensiero unico.Parla di classe operaia, ma i proletari secondo me li ha visti solo in qualche documentario.Ridicola all’infinito,parla di un mondo che non conosce.L’esaltazione dell’aborto che fa,poi, la rende addirittura grottesca.Più che inutile, dannosa.

  5. LaOltreInCao scrive:

    La madre della Rosin (ammesso che ragionasse come sua figlia) non ha comunque messo in pratica “particolari” desiderata; la gravidanza é stata accettata e portata avanti. E adesso sorbiamoci le elucubrazioni prevaricanti, contingenti ed umorali della figlia.
    E si, é “bello” abortire; le dirette interessate, potranno confermarlo… Ed é “utile”, abbiamo scoperto il sistema per eliminare la povertà… E’ anche un “affare”, siamo in attesa dei primi consulenti per la mediazione… Infine “responsabilizza” la donna, che ora scopre di fare la differenza non perché da la vita ma soprattutto perché la può togliere…
    E si, tutto facile e banale, come tagliare una rosa prima che sbocci. Tanto i boccioli non contano una mazza, prima di fiorire.

  6. Ambrogio scrive:

    Paralogismi? Paracarri? Ma con chi ce l’ha ‘sto dissennato? Parla da solo?

  7. lucillo scrive:

    Chi poi parla di paralogismo paraculandosi neanche nell’anonimato ma nella parasimulazione d’identità meriterebbe senz’altro un paracarro? Dove? a libera fantasia. Ma attenzione, potrebbe godere.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana