Google+

La prossima coniglietta di Playboy apparirà vestita solo col burqa?

settembre 27, 2016 Redazione

La rivista celebre per aver spogliato le donne più belle del mondo e per le sue battaglie libertine mette in copertina una ragazza con un copricapo che, nel mondo musulmano, è segno di sottomissione

hijab-playboy

“La sottomissione chic” l’ha definita con un titolo felice il Foglio. Si tratta della scelta di Playboy di mettere in copertina la giovane giornalista americana di origini libiche Noor Tagouri. Noor è musulmana e si è fatta ritrarre non solo vestita, ma mentre mostra orgogliosa il suo hijab, il fazzoletto che copre il capo. Insomma, la rivista celebre per aver spogliato le donne più belle del mondo e per le sue battaglie libertine a favore dell’amore e il sesso libero mette in copertina una donna vestita e con un copricapo che, nel mondo musulmano, è segno di sottomissione. Un bel cortocircuito.

MODA ISLAMICA. Molti plaudono all’iniziativa. È un modo per mostrare l’emancipazione dell’islam, dicono. Noor, in effetti, pare totalmente occidentalizzata. Ha 22 anni, è bella, è in carriera, ha successo. Tutto nelle sua immagine è fatto per tranquillizzarci e venire incontro ai nostri canoni estetici. Ha il chiodo in pelle, la t-shirt bianca, i jeans scuri, calza sneakers e il rossetto le brilla sulle labbra.
Altri insistono sull’aspetto economico della vicenda e sul grande successo che, nel campo della moda, stanno avendo i copricapi e gli indumenti islamici. H&M ha lanciato una campagna con modelle velate, Dolce&Gabbana hanno disegnato una collezione di hijab, la stilista Anniesa Hasibuan ha presentato a New York un’applaudita collezione di abiti “islamicamente corretti”. Si fanno affari, insomma. Dopo le polemiche estive, Aheda Zanetti, l’ideatrice del burkini, ha visto aumentare le vendite del 200 per cento.

L’OCCIDENTE SUPERFICIALE. Sarà. Ma come nota sempre il Foglio, l’aspetto curioso della vicenda è che una grande fetta di acquirenti di questi capi è composta da donne non musulmane e occidentali. «Il velo come causa politica. Gli islamisti hanno perfettamente capito la psicologia dominante tra le élite occidentali terrorizzate di essere tacciate di “islamofobia”». C’è anche questo in questa strana moda che rivela molto della superficialità occidentale nel trattare la causa islamica, secondo categorie mentali che non le appartengono. Per il Foglio «un giorno, i fondamentalisti islamici imporranno il velo e burkini a queste donne occidentali». Ma secondo noi non ce ne sarà nemmeno bisogno. Avranno fatto già tutto da sole, applaudendo la prossima copertina di Playboy, dove una sensualissima pin-up apparirà ricoperta da un burqa all’ultima moda.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. beppe scrive:

    se sperate che da questi paraculati venga una qualche difesa dell’occidente…..aspetta e spera.

  2. Sebastiano scrive:

    Cosa non ci si inventa per campare…
    Siccome la pornografia dilagante su internet, accessibile a chiunque senza controlli e praticamente a costo zero, ha un volume che sarà di qualche centinaio di migliaia più grande di quella mascherata di playboy, stanno sondando nuovi mercati…
    Altro che emancipazione: si tratta, più miseramente, di vile pecunia.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

La sfida che attende la nuova Seat Arona, al debutto tra le SUV compatte, ricorda quella di Kung Fu Panda contro le “Leggende Leggendarie”. Una outsider dalle dimensioni contenute, agile, scattante e con tante frecce al proprio arco che affronta senza alcun timore reverenziale i “mostri sacri” della categoria. Forte di una vitalità, sia estetica […]

L'articolo Prova Seat Arona proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download