Google+

Cosa ha fatto di grande Englaro per meritarsi il plauso di Lecco?

ottobre 13, 2011 Chiara Sirianni

Un ex segretario della Cgil vuole dare una benemerenza civica a Beppino Englaro perché il padre di Eluana «ha evitato scorciatoie e compromessi per ottenere ciò di cui aveva diritto». La medaglia, secondo Lucia Bellaspiga, la meriterebbero piuttosto «tutti quegli eroi silenziosi che dignitosamente si prendono cura del propri cari. Senza clamore»

Beppino Englaro, volente o nolente, torna a far discutere. La città di Lecco si sta infatti spaccando a causa delle onoreficenze legate al Santo patrono locale: oggetto del contendere la proposta di Alberto Anghilieri, ex segretario cittadino della Cgil, di assegnare la benemerenza civica al padre di Eluana, rimasta in stato vegetativo per 17 anni e morta nel 2009 per interruzione della nutrizione artificiale. «Englaro ha evitato scorciatoie e compromessi per ottenere ciò di cui aveva diritto» ha spiegato Anghilieri. «Oggi invece si è diffusa una cultura dove l’importante non è il rispetto delle leggi, ma farla franca».

Per il primo cittadino Virginio Brivio, il problema è di metodo e di merito: «le benemerenze devono unire la comunità non dividerla. Se siamo a questo punto forse ci sono parecchie cose su cui dobbiamo riflettere tutti». In effetti la polemica è esplosa, nonostante il riconoscimento sarà di difficile assegnazione, dato che sono necessari i quattro quinti dei voti, e alcuni gruppi hanno già manifestato una forte opposizione. La ferita, nella città, è ancora aperta: a settembre, il comune lecchese ha bocciato la proposta di delibera per l’istituzione del registro del testamente biologico. 

Lucia Bellaspiga, giornalista di Avvenire che ha seguito il caso da vicino (ha raccolto le sue impressioni in “Eluana, i fatti”, edito da Ancora) tenta un giudizio scevro da valutazioni politiche e religiose: «Non voglio condannare il suo gesto. Però, data che si tratta di un’onorificenza, mi chiedo: cosa ha fatto, questo povero padre, di grande? Con tutta la pietà che posso avere per la sua figura umana, non è noto alle cronache per particolari meriti, per scoperte scientifiche, per aver salvato delle vite. Ma per non aver avuto la forza di accudire sua figlia, una ragazza certo gravemente disabile, ma non sofferente».

La medaglia, secondo Bellaspiga, la meriterebbero piuttosto «tutti quegli eroi silenziosi, che dignitosamente, con sacrifici, spesso con scarsi mezzi, si prendono cura del propri cari e familiari. Senza clamore».

 Certo, l’accanimento terapeutico è l’estremo opposto dell’eutanasia, sono gli estremi dello stesso delirio di onnipotenza. Ma il punto, secondo la giornalista, è che il modo in cui il caso Englaro è stato trattato mediaticamente ha creato molta confusione nell’opinione pubblica. «Troppe le menzogne, i luoghi comuni, le facilonerie. La ricerca scientifica ci sta ponendo davanti, assieme ai suoi limiti, una serie di squarci sul mistero. Un esperimento, tra quelli a cui ho assistito, mi ha molto colpito: a una serie di malati in stato vegetativo permanente sono stati fatti indossare dei caschi, identici a quelli che hanno i piloti dei caccia americani, con rilevatori di coscienza che in caso di svenimento fanno partire il pilota automatico. Hanno risposto agli stimoli. Il che dimostra che anche se noi li percepiamo come cadaveri, come vegetali, loro hanno dentro un mondo interiore di cui sappiamo poco o nulla». E allora «perché non diamo la benemerenza a chi studia questi casi, non per motivi religiosi o ideologici, ma semplicemente perché sono pazienti, come tutti?».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana