Google+

La politica ha fatto disastri, ma Monte dei Paschi va salvata

gennaio 31, 2013 Massimo Giardina

Il fallimento di Mps sarebbe disastroso per Siena e molto problematico per l’Italia. Occorre andare avanti con le indagini, ma nello stesso tempo far di tutto per salvare la banca di Siena.

Mps, diamo qualche numero: oltre 30 mila dipendenti; terzo gruppo bancario italiano; raccolta diretta (ovvero i capitali versati dai clienti) pari a 135 miliardi di euro composto principalmente dai conti correnti per 58 miliardi e da obbligazioni per un valore di 56 miliardi; raccolta indiretta per 122 miliardi; mutui concessi ai clienti vicini ai 75 miliardi che rientrano nell’aggregato dei crediti verso la clientela che conta 145 miliardi. Questi sono alcuni valori di Monte dei Paschi di Siena: una banca radicata in tutto il territorio nazionale con le sue 2780 filiali (di cui 40 estere) e con un bilancio in perdita che registra il cosiddetto Roe – indicatore che misura la capacità di generare ricchezza per i soci – ad un valore intorno al -20 per cento (dato di settembre 2012) e che oggi, a seguito delle scoperte delle perdite su derivati tenuti “in cassaforte”, peggiorerà notevolmente.

UN FALLIMENTO DA EVITARE. Basta leggere questi semplici numeri per comprendere cosa comporterebbe il fallimento di Monte Paschi: disoccupazione, perdite su crediti (considerato anche il fondo interbancario di garanzia) e aziende che si troverebbero senza linee di credito nell’immediato. L’impatto sul Pil non sarebbe indolore e peggiorerebbe notevolmente tutti gli indicatori domestici con gravi ripercussioni per tutto il sistema Italia.
Molti si sono scagliati contro i Monti bond, altri chiedono il fallimento della banca che, senza nascondersi dietro ad un dito, qualche problemino nella gestione ce l’ha. Occorre però distinguere le indagini della magistratura dalla doverosa rinascita della banca ed evitare un fallimento che renderebbe irrisorio il prestito dei Monti Bond di 3,9 miliardi di euro.

TUTELARE LA RISTRUTTURAZIONE. La magistratura faccia il suo lavoro. Un sistema fallimentare va giudicato con i criteri del codice penale. Distribuzioni di utili inesistenti, manager accusati di guadagnare il 5 per cento su ogni operazione, raggiri dei criteri di vigilanza e soprattutto una gestione senza delle vere e proprie competenze finanziarie che ha generato perdite pericolose.
Per quel che riguarda la gestione della banca, essa dovrà subire tagli, ridurre gli sportelli e i costi. In particolare, nella propria regione, il gruppo Monte Paschi si trova con esuberi evidenti. È il caso di Firenze dove, di fronte ad una filiale di Mps, risiede un’altro sportello che apparteneva alla banca Toscana comprata nel 2002 dal gruppo senese. La stessa cosa vale per le sovrapposizioni di filiali nate con l’acquisizione di Antonveneta.

TAGLIARE E CAPITALIZZARE. Una ristrutturazione è oggetto del gruppo di lavoro guidato da Alessandro Profumo e l’impossibilità di un aumento di capitale non gioca a favore. Basti ricordare che la stessa operazione per Unicredit ad inizio 2012 è avvenuta con successo e la banca ha raccolto 7,5 miliardi di euro che hanno patrimonializzato l’azienda e hanno permesso di svalutare in bilancio alcune partite scomode come gli avviamenti delle partecipate. Per Mps l’aumento di capitale non è praticabile, perché il problema principale risiede nel suo socio di maggioranza, ovvero la fondazione composta dal Comune e dalla provincia di Siena, che per far fronte alle perdite hanno dovuto cedere la maggioranza assoluta di Mps passando al 34,94 per cento. Ergo non hanno liquidità, anzi ne hanno bisogno e nuovi soci, finché la situazione contabile non sarà perfettamente trasparente, non vorranno investire. Tuttavia, riferiscono alcuni rumors di mercato, una realtà importante come Mps potrà far nascere qualche appetito e pare che qualcuno ci stia già pensando.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana