Google+

La politica dei rancori avvelena anche te

febbraio 20, 2017 Alessandro Giuli

Per quanto infragiliti e mediamente impopolari, i partiti sono tornati protagonisti dopo il 4 dicembre. Lo scirocco neo proporzionalista offre molteplici combinazioni possibili

vignetta-vincino-salvini-grilloArticolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)

Non sempre bisogna amarsi per convolare a nozze. A maggior ragione in politica. E nuove coppie, e ritorni di timida fiamma, s’annunciano infatti in questa specie di grande hotel rigopiano (tutto minuscolo, per rispetto all’originale) che è diventata l’Italia post referendaria e pre elettorale; o anche meta-renziana, se volete.

Guardiamo al magico mondo berlusconiano, per esempio. Di là dalle baruffe lessicali, dalle sbruffonate reciproche, dagli arabeschi riluttanti tessuti nell’attesa di capire con quale sistema di voto si andrà alle urne, è verosimile che il Cav. prodigo e il suo delfino rinnegato Angelino Alfano torneranno alleati. Prove generali: le prossime amministrative, in modo speciale nel laboratorio di rimescolamenti politici chiamato Sicilia (a Palermo urne aperte in primavera, per la regione in autunno). Stesso discorso dovrebbe valere per la Lega delle destre guidata da Matteo Salvini e Giorgia Meloni di Fratelli d’Italia.

I due populisti autoproclamati hanno scarse possibilità d’intesa con il Movimento Cinque Stelle, la cui fobia verso le contaminazioni esterne è al tempo stesso un ostacolo sulla via del governo e un destino di minoranza a vocazione maggioritaria. Oltretutto, sia Meloni sia Salvini sono espressione di culture o sottoculture regionalistiche ma, queste sì, di governo. La Lega non vendemmia al di sotto del Tevere, i FdI zoppicano al di fuori del raccordo anulare: entrambi però hanno esperienza di potere locale e nazionale interna all’orizzonte del centrodestra, Alfano compreso.

Dice: ma non vedi come litigano ogni giorno fra di loro? Un tintinnar di stoviglie che non preclude affatto la riorganizzazione di un disegno comune in vista delle politiche 2018, sopra tutto considerando il simmetrico movimento di riaggregazione sulla sponda della sinistra post renziana, nella quale il mito dell’autarchia bullesca sta lasciando spazio a una renaissance tardo ulivista.

Azzardiamo. Più che le impolitiche mozioni degli affetti e della nostalgia o del rancore, sarà la categoria politica del “Realismo anaffettivo” a orientare le scelte dei partiti nell’immediato futuro: per quanto infragiliti e mediamente impopolari nella percezione pubblica, sono tornati protagonisti dopo la bocciatura delle riforme costituzionali renziane. Lo scirocco neo proporzionalista che soffia a Palazzo offre molteplici possibilità combinatorie, ovviamente.

Ma prima dell’ordalia elettorale è lecito auspicare un ritorno alla aristotelica teoria dei luoghi naturali: popolari e sovranisti da una parte, democratici e liberal dall’altra, grillini con sé stessi (e malvolentieri perfino così). Tripolarismo biodegradabile. Dopodiché, liberi tutti di darsi alla pazza danza grancoalizionista o di menar le mani alla cieca.

Vignetta Vincino

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

La sfida che attende la nuova Seat Arona, al debutto tra le SUV compatte, ricorda quella di Kung Fu Panda contro le “Leggende Leggendarie”. Una outsider dalle dimensioni contenute, agile, scattante e con tante frecce al proprio arco che affronta senza alcun timore reverenziale i “mostri sacri” della categoria. Forte di una vitalità, sia estetica […]

L'articolo Prova Seat Arona proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download