Google+

La patria delle scorciatoie e dei pareggi fuori casa

giugno 16, 2017 Fred Perri

Adesso, per esempio, leggo tutti questi discorsi sulla differenza reti per arrivare primi nel girone di qualificazione al Mondiale e quindi evitare l’insidioso spareggio

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Siamo il paese delle scorciatoie, compagni, amici e bastardi di ogni genere e grado. Pensiamo sempre a come sfuggire di sguincio alla coda, alla fila, all’ingorgo, ma anche alla logica difficoltà della salita, uno su mille ce la fa (copyright Gianni Morandi) e quell’uno vorremmo essere noi, sfilandoci dalla pazza folla. Quante volte l’abbiamo sentita/seguita questa tendenza al piccolo cabotaggio: prendi per di là che facciamo prima, conosco uno che ci trova i biglietti, sono amico dello steward che ci fa passare per l’entrata di servizio.

Adesso, per esempio, leggo tutti questi discorsi sulla differenza reti per arrivare primi nel girone di qualificazione al Mondiale e quindi evitare l’insidioso spareggio. Tutti questi discorsi presumono che, con una migliore differenza reti, il 2 settembre a Madrid basterebbe un pareggio e sarebbe fatta. Come se il pareggio fosse già previsto. E invece no. Possiamo anche beccare e allora tutti questi conti sulla differenza reti a cosa sarebbero serviti? A una cippa. Il discorso andrebbe rivoltato: a Madrid andiamo per vincere e quindi che ci frega della differenza reti?

Ragazzi, bisogna saper osare. Come per il sistema elettorale. Ognuno cerca di crearne uno che gli possa andar bene, con cui possa sfangarla e possibilmente impedire agli avversari di fare bingo. Belin ma se tu sei convinto di essere migliore, di essere forte, di avere le capacità per vincere, vayas con Dios. Bisogna sempre stare lì a fare calcoli, a cercare di entrare dalla porta di servizio? Si va in campo per vincere. Ma noi ci accontentiamo solo di sopravvivere. Hasta la victoria siempre, ma anche un pareggio non è male, come diceva il Che.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

In quattro anni se ne possono preparare tante di novità e i ragazzi californiani non si sono certo risparmiati. A partire dal telaio, che dalla lega di alluminio è passato alla fibra di carbonio, nello specifico UHC Advanced con specifiche Felt, per poter meglio distribuire rigidezza e flex nei punti giusti. NUOVO TELAIO  La fibra […]

L'articolo Felt Compulsion m.y. 2018 proviene da RED Live.

Ispirata dalle moto café racer (e non solo), questa edizione limitata vuole segnare un'epoca. Con una personalizzazione originale e stilosa, sia fuori sia dentro l'abitacolo

L'articolo DS 3 Café Racer, quando la DS suona il rock proviene da RED Live.

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.

La terza generazione della Volkswagen Touareg si butta nella mischia dei SUV premium forte di numerosi accessori hi-tech. Disponibile per ora solo con motore 3.0 V6 TDI, ha prezzi che partono da 61.000 euro

L'articolo Prova Volkswagen Touareg 2018 proviene da RED Live.