Google+

La Palestina diventerà uno Stato? Halevi: «Necessità e minaccia» – RS

settembre 20, 2011 Redazione

Oggi Abu Mazen chiederà all’Onu il riconoscimento dello stato palestinese. Usa pronti a porre il veto nel Consiglio di sicurezza. L’intellettuale israeliano Klein Halevi: «Gli israeliani vedono lo stato palestinese in termini contraddittori: una necessità esistenziale per preservare uno stato ebraico democratico e una minaccia esistenziale, con i missili su Tel Aviv»

“Tutti ci provano, ma Abu Mazen è irremovibile. Vuole andare fino in fondo con la richiesta di riconoscimento dello stato palestinese presso l’Onu, vuole tentare la mossa più azzardata, la sfida agli Stati Uniti nel consesso internazionale più potente del mondo – il Consiglio di sicurezza Onu – e non ammette passi indietro. (…) L’Amministrazione Obama ha annunciato che porrà il veto se la richiesta di riconoscimento arriverà al Consiglio di sicurezza, ma sta facendo di tutto perché ciò non accada. Non vuole e non può mettersi nella condizione di pronunciare quel fatidico no, che risuonerebbe nelle piazze arabe in modo facilmente prevedibile” (Foglio, p. 1).

“In attesa del voto all’Assemblea, Ue e Stati Uniti hanno chiesto al premier israeliano Netanyahu di evitare le rappresaglie drastiche, qualora l’Onu deluda le sue ottimistiche aspettative. (…) Il Wall Street Journal dice che la battaglia condotta con blitz diplomatici non può essere vinta, perché i palestinesi non vogliono soltanto dimostrare di avere il consenso internazionale ma anche ampliare gli strumenti di pressione contro Israele all’Onu e alla Corte internazionale dell’Aia. «L’Amministrazione Obama, che ha buttato via sei mesi implorando i palestinesi di cambiare idea, dovrebbe annunciare che la dichiarazione di uno stato palestinese a New York porterà alla chiusura della sede di rappresentanza a Washington. Il Congresso dovrebbe adottare la proposta della repubblicana Ileana Rops-Lehtinen che dice di tagliare i fondi all’Onu se accetta lo stato palestinese». Le maniere forti hanno già funzionato, conclude il Wall Street Journal, l’ultima volta che i palestinesi provarono la strada del riconoscimento all’Onu, ai tempi di Bush padre” (Foglio, p. 1).

“«I palestinesi hanno detto chiaramente che non vogliono ebrei nel loro stato, al massimo si terranno degli ebrei antisionisti ultraortodossi come cartolina, per dire ‘siamo contro i sionisti, non gli ebrei’» dice Klein Halevi, figura di spicco della classe intellettuale israeliana, politicamente un ‘centrista’, editorialista di Wall Street Journal, New York Times e New republic. «Il progetto palestinese prevede la rimozione degli ebrei dalla terra. Per gli israeliani la domanda cruciale è quale sia il fine del movimento nazionale palestinese. Creare uno stato che via in pace con il vicino israeliano? Oppure uno stato in Cisgiordania e Gaza che poi porti al rovesciamento ultimo dello stato ebraico, magari con mezzi demografici come i profughi? La risposta è la seconda. La mia sensazione è che se il movimento palestinese emerge da un voto con una unanimità pressoché virtuale potrebbe interpretarlo con il permesso per una Intifada contro Israele. Gli israeliani come me vedono lo stato palestinese in termini contraddittori: una necessità esistenziale per preservare uno stato ebraico democratico e una minaccia esistenziale, con i missili su Tel Aviv»” (Foglio, p. 1).

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana