Google+

La nostra reazione bellissima e sconfortante all’attentato di Manchester

giugno 10, 2017 Giuliano Ferrara

#onelovemanchester. C’è qualcosa di anestetico, di rassegnato nel nostro modo di reagire, o troppa calma o forsennata paura

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Che cosa ci succede nell’animo dopo Manchester e Londra, dopo tutto quel che irrompe, dopo Nizza, dopo Berlino e naturalmente dopo l’anno nero di Parigi? Qualcosa succede, è inevitabile. La mappa delle città europee è la nostra mappa del cuore. L’Italia per adesso è risparmiata, ed è una vecchia storia la nostra (relativa) impermeabilità alle correnti truculente della storia moderna della violenza, tipo dirottamenti e attentati di matrice mediorientale, abbiamo fatto molto per tenerci al sicuro e insieme siamo terra di nessuno, oppure abbiamo fatto così poco che dobbiamo temere poco, ma senza stupidi sensi di impunità. Per come siamo fatti, per come ci dislochiamo, per come altri prende di petto la faccenda e si mette in prima linea, in qualche modo, ma non si sa fino a quando, possiamo sentirci rassicurati, un crocevia in apparenza lontano dalla linea del fronte. Però Londra, Manchester, Parigi, Berlino e Nizza sono roba di casa per la gioventù europea dell’Erasmus, quel che succede ha il segno del luogo d’abitudine e una presenza anche sentimentale fortissima.

Trovo insieme bellissimo e sconfortante che la reazione si concentri nel replay musicale, #onelovemanchester eccetera, con le arene di nuovo riempite e sognanti tra nuvole o bolle di marijuana. C’è qualcosa di coatto, di anestetico, di rassegnato e balordo nel nostro modo di reagire, o troppa calma o testa calda e forsennata paura. A vederla cupamente è come se i tifosi della sgangherata e tragica fuga di Torino chiedessero una nuova partita da festeggiare in piazza San Carlo. Serietà vorrebbe, come ha scritto giustamente Paolo Mieli, che ci venissero risparmiate le frasi a effetto, di circostanza. Non è vero che siamo tutti Charlie, non è vero che abbiamo tutti una dissacrante matita in mano per rifare le vignette che i fucilati di Parigi non rifaranno più, non è vero che Ariana Grande è grande perché piange e canta, e quasi nulla del dopo ha senso alla luce del prima, in particolare gli “ora basta” di Theresa May o le provocazioni grottesche di Trump contro il sindaco di Londra.

Qualcosa di stordente
A parte considerazioni politiche note, e l’invocazione di una strategia di intervento militare, economica e tecnologica, capace di affrontare il male alla sua radice, non in difesa ma in attacco, e mi rendo conto che sono cose che a ripeterle stancano, si consumano e logorano, non saprei che altra via prendere io stesso. Ma sento che offrire parole e musica in abbondanza a gente che uccide ogni senso di armonia o anche di dissonanza musicale, a gente che vive mentalmente oltre i confini dell’amore che noi promettiamo in cambio dell’odio, non è la risposta giusta, non risolve alcun problema, crea le premesse di una rassicurazione imperfetta, con un fondo torbido, morboso, che dovremmo riscattare con comportamenti diversi. La difesa del diritto all’evento, di fronte a eventi di tanto superiori con botti, sgozzamenti e travolgimenti, in attesa che imparino a usare i droni per scopi terroristici, ha qualcosa di stordente, ci allontana dall’intelligenza e dalla prudenza.

Chiudere le frontiere è una ovvia cretinata. Non risolve il problema decisivo, perché al novanta per cento questi casi di partito armato jihadista maturano dentro un’ondata che non è immigrazionista ma di insediamento, che ha già le sue robuste affiliazioni nelle periferie urbane e nella madrassa universale tollerata dal dialogo tra le religioni, un dogma intoccabile.

Sulla linea del subire
Anche la speranza che una competizione sul terreno della cultura, dell’istruzione, dell’educazione collettiva sortisca risultati a breve e medio termine mi sembra evanescente. Né d’altra parte ci troviamo di fronte a un caso in cui la coscrizione obbligatoria restaurata o la formazione di brigate internazionali per combattere l’odio e i suoi portatori avrebbero un seguito e un significato profondi.
Siamo sulla linea del subire, del prendere tempo, dell’interrogarsi laicamente e liberalmente mentre altri rispondono in nome del loro Dio, che è potenza di fuoco e splendore di tenebra, perché il risveglio della spiritualità politica islamica non è uno scherzo, non è una cosa criminale o anche solo terroristica – è tanto che ce lo diciamo di fronte a testimonianze inoppugnabili – è qualcosa che chiama in causa il nostro essere, qualcosa di più del nostro modo di vita e del nostro amore per la musica, chiama in causa il nostro non sapere più dirci cristiani, forse.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana