Google+

La nostra reazione bellissima e sconfortante all’attentato di Manchester

giugno 10, 2017 Giuliano Ferrara

#onelovemanchester. C’è qualcosa di anestetico, di rassegnato nel nostro modo di reagire, o troppa calma o forsennata paura

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Che cosa ci succede nell’animo dopo Manchester e Londra, dopo tutto quel che irrompe, dopo Nizza, dopo Berlino e naturalmente dopo l’anno nero di Parigi? Qualcosa succede, è inevitabile. La mappa delle città europee è la nostra mappa del cuore. L’Italia per adesso è risparmiata, ed è una vecchia storia la nostra (relativa) impermeabilità alle correnti truculente della storia moderna della violenza, tipo dirottamenti e attentati di matrice mediorientale, abbiamo fatto molto per tenerci al sicuro e insieme siamo terra di nessuno, oppure abbiamo fatto così poco che dobbiamo temere poco, ma senza stupidi sensi di impunità. Per come siamo fatti, per come ci dislochiamo, per come altri prende di petto la faccenda e si mette in prima linea, in qualche modo, ma non si sa fino a quando, possiamo sentirci rassicurati, un crocevia in apparenza lontano dalla linea del fronte. Però Londra, Manchester, Parigi, Berlino e Nizza sono roba di casa per la gioventù europea dell’Erasmus, quel che succede ha il segno del luogo d’abitudine e una presenza anche sentimentale fortissima.

Trovo insieme bellissimo e sconfortante che la reazione si concentri nel replay musicale, #onelovemanchester eccetera, con le arene di nuovo riempite e sognanti tra nuvole o bolle di marijuana. C’è qualcosa di coatto, di anestetico, di rassegnato e balordo nel nostro modo di reagire, o troppa calma o testa calda e forsennata paura. A vederla cupamente è come se i tifosi della sgangherata e tragica fuga di Torino chiedessero una nuova partita da festeggiare in piazza San Carlo. Serietà vorrebbe, come ha scritto giustamente Paolo Mieli, che ci venissero risparmiate le frasi a effetto, di circostanza. Non è vero che siamo tutti Charlie, non è vero che abbiamo tutti una dissacrante matita in mano per rifare le vignette che i fucilati di Parigi non rifaranno più, non è vero che Ariana Grande è grande perché piange e canta, e quasi nulla del dopo ha senso alla luce del prima, in particolare gli “ora basta” di Theresa May o le provocazioni grottesche di Trump contro il sindaco di Londra.

Qualcosa di stordente
A parte considerazioni politiche note, e l’invocazione di una strategia di intervento militare, economica e tecnologica, capace di affrontare il male alla sua radice, non in difesa ma in attacco, e mi rendo conto che sono cose che a ripeterle stancano, si consumano e logorano, non saprei che altra via prendere io stesso. Ma sento che offrire parole e musica in abbondanza a gente che uccide ogni senso di armonia o anche di dissonanza musicale, a gente che vive mentalmente oltre i confini dell’amore che noi promettiamo in cambio dell’odio, non è la risposta giusta, non risolve alcun problema, crea le premesse di una rassicurazione imperfetta, con un fondo torbido, morboso, che dovremmo riscattare con comportamenti diversi. La difesa del diritto all’evento, di fronte a eventi di tanto superiori con botti, sgozzamenti e travolgimenti, in attesa che imparino a usare i droni per scopi terroristici, ha qualcosa di stordente, ci allontana dall’intelligenza e dalla prudenza.

Chiudere le frontiere è una ovvia cretinata. Non risolve il problema decisivo, perché al novanta per cento questi casi di partito armato jihadista maturano dentro un’ondata che non è immigrazionista ma di insediamento, che ha già le sue robuste affiliazioni nelle periferie urbane e nella madrassa universale tollerata dal dialogo tra le religioni, un dogma intoccabile.

Sulla linea del subire
Anche la speranza che una competizione sul terreno della cultura, dell’istruzione, dell’educazione collettiva sortisca risultati a breve e medio termine mi sembra evanescente. Né d’altra parte ci troviamo di fronte a un caso in cui la coscrizione obbligatoria restaurata o la formazione di brigate internazionali per combattere l’odio e i suoi portatori avrebbero un seguito e un significato profondi.
Siamo sulla linea del subire, del prendere tempo, dell’interrogarsi laicamente e liberalmente mentre altri rispondono in nome del loro Dio, che è potenza di fuoco e splendore di tenebra, perché il risveglio della spiritualità politica islamica non è uno scherzo, non è una cosa criminale o anche solo terroristica – è tanto che ce lo diciamo di fronte a testimonianze inoppugnabili – è qualcosa che chiama in causa il nostro essere, qualcosa di più del nostro modo di vita e del nostro amore per la musica, chiama in causa il nostro non sapere più dirci cristiani, forse.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

La sfida che attende la nuova Seat Arona, al debutto tra le SUV compatte, ricorda quella di Kung Fu Panda contro le “Leggende Leggendarie”. Una outsider dalle dimensioni contenute, agile, scattante e con tante frecce al proprio arco che affronta senza alcun timore reverenziale i “mostri sacri” della categoria. Forte di una vitalità, sia estetica […]

L'articolo Prova Seat Arona proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download