Google+

La nostra canzone per Mosul. Intervista a Francesco Lorenzi (The Sun)

giugno 28, 2015 Chiara Pasqualin

Parla il cantante della band che ha dedicato una canzone del suo nuovo album alla sofferente situazione della popolazione irachena

THE_SUN_CUORE_APERTO_COVER-300x300Giovedì 18 giugno è stato pubblicato il nuovo album della band The Sun dal titolo Cuore aperto, che darà inizio al “Cuore Aperto Tour 2015″. Ne abbiamo parlato con Francesco Lorenzi, cantante del gruppo.

Da dove nasce il vostro nuovo album Cuore Aperto? Qual è il messaggio che volete comunicare?
L’album Cuore Aperto vuole comunicare un modo più vero di vivere e di essere umani insieme ad alcuni valori, primo fra tutti quello dell’amore, che vogliamo comunicare anche ai giovani di oggi.

Nel suo blog, nell’intervento intitolato: “Le case di Mosul” dice che «non bisogna essere complici di questo silenzio che uccide». Cosa significa? Perché questo vostro interesse per le persecuzioni in Medio Oriente?
Il fatto che non si parli molto di alcuni avvenimenti non significa che non esistono. Penso che oggi si dia troppo spazio al superfluo, anche nel mondo della musica, ma io credo nella sostanza di certi valori che sono alla base della vita. Oggi vedo una umanità che si è dimenticata della sua natura più alta, il mio scopo è ricordarla, rendere le persone più consapevoli. La canzone: “Le case di Mosul” nasce principalmente dalla storia del professore Mahmoud Al’Asali, docente di legge al dipartimento di pedagogia della università di Mosul. Fu assassinato da alcuni islamisti del califfato semplicemente per avere difeso i diritti dei cristiani e altre minoranze religiose presenti nel suo territorio. Attraverso la sua storia di vita possiamo interrogarci anche su noi stessi, con le nostre canzoni vogliamo utilizzare la musica in modo emozionale ma anche concreto come uno spunto di riflessione. «Il problema non sta nell’Islam, ma nella mancanza di educazione all’Amore, alla verità, al rispetto, alla pacifica convivenza e all’empatia, di generazione in generazione, di epoca in epoca».

Nella canzone “Le case di Mosul” che apre l’album alle domande «dov’è l’amore? La compassione? La verità? La distinzione tra il Bene e il Male?» viene detto: «Nessuno risponde. Ma io credo in Te». Cosa vuol dire concretamente per lei questa frase?
Queste domande molto profonde oggi non se le pone più nessuno, la gente è indifferente e appunto “nessuno risponde”. Noto invece come, in contesti più estremi e difficili, c’era la necessità e l’urgenza di trovare una risposta. Tutto questo emerge bene dai racconti del libro La guerra dei nostri nonni di Aldo Cazzullo e dai dialoghi con i miei nonni. La canzone “Le case di Mosul” nasce anche dalle loro testimonianze. La frase finale «ma io credo in te» ha molti significati. Anche se nessuno risponde c’è una fiducia, un’energia e una speranza innanzitutto nell’uomo che può trovare una risposta. Per me il fatto più grande è che, di fronte alle problematiche, noi ci siamo, l’uomo c’è e può fare una parte, l’altra parte la compie Dio. La vita stessa ci dona esperienze incredibili e, il fatto stesso che ci capitino, è una cosa grandissima. Spesso incontro persone inermi, indifferenti e senza speranza. Noi abbiamo una responsabilità nei confronti di queste persone.

Nella canzone “Non ho paura” descrive un cambiamento avvenuto nella sua vita. Potrebbe brevemente raccontarlo anche a noi?
Tutto è successo in un momento particolare della mia vita: avevo realizzato tutti i miei sogni ma nonostante questo non ero felice. Vivevo un momento di crisi a cui non sapevo dare risposta. Fortunatamente, grazie a una proposta di mia madre, sono andato a un incontro di catechesi nella mia parrocchia nonostante non fossi più credente da tempo; ho deciso di fidarmi. Lì ho incontrato persone che mi hanno dato spunti e raccontato esperienze di vita autentica, erano semplici, entusiaste e sincere. Ho visto un ambiente diverso che ho sempre cercato e desiderato di amicizia e libertà, il loro incontro fu indispensabile per il mio cambiamento.


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. SUSANNA ROLLI scrive:

    Bravi ragazzi, testimoniate la bellezza di essere “nuovi” dentro; mamma Susanna è con voi…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana