Google+

La Libia “festeggia” due anni di Primavera araba: «Dividete il paese in tre o rubiamo il petrolio»

ottobre 28, 2013 Redazione

Ibrahim Al Jathran, a capo della brigata Hamza, ha sequestrato i porti petroliferi di Es Sider, Brega e Ras Lanuf, ha dichiarato la Cirenaica indipendente e si è messo a capo di un governo ombra

La Libia ha da poco festeggiato (20 ottobre) il secondo anniversario dell’uccisione di Gheddafi e della “Primavera araba” e per capire il suo stato di salute basta leggere le parole pronunciate a Reuters da Ibrahim Al Jathran, eroe di guerra di 33 anni che ha contribuito alla caduta del rais e che oggi sfida frontalmente la capitale Tripoli chiedendo la divisione in tre del paese.

PRESA DEI PORTI PETROLIFERI. Per essersi opposto a Gheddafi e aver passato sette anni in prigione, dopo la rivoluzione Al Jathran è stato nominato a capo del Corpo di guardia del petrolio, con il compito di proteggere dalle bande armate che scorrazzano liberamente per la Libia porti e impianti petroliferi.
Scontento di come i proventi del petrolio vengono spartiti tra le diverse parti del paese, Al Jathran, che guida la brigata Hamza composta da diverse migliaia di uomini armati, ha conquistato i porti petroliferi di Es Sider, Brega e Ras Lanuf, bloccando le vendite di petrolio, facendo perdere al suo paese circa 5 miliardi di dollari: «Rubare il petrolio non è un delitto, se fatto in nome della giustizia», ha dichiarato.

DIVISIONE IN TRE DELLA LIBIA. Forte delle sue conquiste, si è messo a capo di un movimento indipendentista che ha dichiarato autonoma la Cirenaica, la parte orientale del paese dove si trovano il 60 per cento dei pozzi petroliferi, e si è messo a capo del governo ombra che la comanda. «Dobbiamo tornare alla Costituzione del 1951 che prevede un sistema federale e dividere la Libia in tre: la Tripolitania, la Cirenaica e il Fezzan al sud. Ora abbiamo un governo a Tripoli centralizzato e controllato dai Fratelli Musulmani. Non ci sarà mai stabilità senza un governo federale», ha dichiarato a Reuters.
Secondo Al Jathran, Tripoli vende il petrolio estratto in Cirenaica ma non restituisce poi alla regione abbastanza di quanto guadagnato: «Il petrolio dovrebbe beneficiare tutto il popolo libico, ma non è così».

STATO FUORI CONTROLLO. Mentre Al Jathran minaccia di vendere privatamente il petrolio di cui è in possesso a investitori esteri, il paese è nel caos più totale. La scorsa settimana il governo ha chiesto alle comunità religiose cattoliche di lasciare il paese perché lo Stato non è più in grado di garantire la loro incolumità, bersagliati come sono da milizie islamiste. Due settimane fa il premier Ali Zeidan è stato sequestrato da gruppi armati e l’esercito è troppo debole per garantire la sicurezza nel paese. I ministeri nella capitale vengono spesso occupati da brigate armate, che non li lasciano fino a quando il Parlamento non soddisfa le richieste dei guerriglieri.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. marzio says:

    La Libia “liberata”, uno dei tanti grandi atti eroici compiuti dai vari sarkozy ,cameron, ecc

    • cosimo says:

      e l’intervento di Napolitano che ha trascinato Berlusconi che giustamente se ne stava in disparte?? Ecco che sanno fare questi vecchi saggi dopo una gioventu’ sinistrata

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Ridisegnata nei dettagli e capace di offrire un allestimento più ricco, la Ford Ecosport sta riuscendo a ritagliarsi una fetta importante del mercato SUV. Il motore TDCi da 100 cv è il cuore giusto per lei? Scopriamolo in questa prova

L'articolo Prova Ford Ecosport 2018 <br> il bello della concretezza proviene da RED Live.

Nasce sulla base del Crafter e promette praticità e abitabilità da camper. A fine agosto ne sapremo di più

L'articolo Volkswagen Grand California, perché la vita è un viaggio proviene da RED Live.

Piegano come una moto (a volte pure di più) ma offrono più sicurezza e abitabilità. Con un buon "allestimento" possono essere una valida alternativa all'auto offrendo velocità e agilità da scooter e protezione (anche dei vestiti) da auto. Sono i mezzi a tre ruote, sia scooter sia moto, con sistema di basculamento. Quasi tutti scooter hanno però una guest star. Ecco quali sono e come vanno.

L'articolo Moto e scooter, quando due ruote non bastano. Ecco i migliori tre ruote proviene da RED Live.

I prezzi partono da 24.650 euro, quattro gli allestimenti disponibili

L'articolo Peugeot 2008, arriva il 1.5 BlueHDi con cambio automatico proviene da RED Live.

Per chi vuole qualcosa in più della solita Sport Utility, con l'accento sulla sportività. Farà il suo debutto ufficiale al Salone di Parigi, in ottobre

L'articolo Skoda Karoq Sportline, la SUV che va di fretta proviene da RED Live.