Google+

La Libia comincia a dividersi. La Cirenaica (ricca di petrolio) si dichiara semiautonoma

marzo 8, 2012 Redazione

Ieri a Bengasi, città da cui è partita la rivolta contro il regime di Gheddafi, migliaia di rappresentanti di leader tribali, milizie e politici hanno partecipato a una cerimonia che ha dichiarato la Cirenaica semiautonoma. Nella regione orientale si concentrano la grande maggioranza dei giacimenti di petrolio libici. Ma Tripoli protesta.

Non si diradano le nuvole sul futuro della Libia. Che la rivolta per abbattere Muammar Gheddafi avrebbe potuto portare a scontri sanguinosi si sapeva, che l’appoggio della Nato ai ribelli di Bengasi avrebbe diviso la Libia lo temevano in molti. Evidentemente, non a torto. Alcuni leader tribali, insieme a comandanti di milizie armate, hanno dichiarato ieri “regione semiautonoma” la Cirenaica, da dove la rivolta contro Gheddafi è partita. Proprio il giorno prima, il Consiglio transitorio nazionale libico (Cnt) si era opposto alla creazione di una regione parzialmente autonoma, temendo che questo avrebbe potuto dividere il paese in un futuro non troppo lontano.

Nonostante la presa di posizione da parte di Tripoli, ieri migliaia di rappresentanti dei maggiori leader tribali, soldati e politici hanno dato vita a una cerimonia nella città di Bengasi per decretare che la regione ricca di petrolio avrà un consiglio autonomo con il compito di amministrare al meglio gli affari della regione, che si estende dalla città costiera di Sirte fino al confine orientale con l’Egitto. A capo del nuovo consiglio è stato nominato Ahmed Zubair Senussi, a lungo prigioniero politico sotto il regime di Gheddafi e membro del Cnt, che ha promesso di proteggere i diritti della Cirenaica e che ha assicurato di riconoscere il Cnt a capo della politica internazionale della Libia. Durante la cerimonia è stata anche respinta la legge elettorale che prevedeva 60 posti su 200 per la Cirenaica nell’assemblea che dovrà essere eletta a giugno.

Il Cnt, dal canto suo, «rifiuta uno Stato federale – ha detto ieri il primo ministro ad interim libico Abdurrahim al-Keib -. Abbiamo già proposto una legge che prevede il principio della decentralizzazione». Secondo il presidente del Cnt Mustafa Abdul Jalil, i consigli locali avranno competenze economiche e amministrative: «Spazzeremo via il sistema centralista che tanto ha fatto soffrire il nostro popolo». Ma niente Stato federale: «I libici hanno combattuto per una Libia unita». Ma la volontà del popolo della Cirenaica di essere più indipendente non è dettata solo da un desiderio di indipendenza dal governo centrale. La stragrande maggioranza delle riserve petrolifere libiche infatti si trovano nella regione orientale e la più grande compagnia petrolifera statale è di stanza a Bengasi.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana