Google+

La leggenda del grande Torino

maggio 12, 1999 Perrone Roberto

Sport über alles

Il 4 maggio del 1949 c’era nebbia su Torino. L’aereo che trasportava la squadra più famosa d’Italia si infilò in quel grigiore e non ne uscì più. Quel giorno, senza tv satellitari, telefoni cellulari, radio one nation one station, il Paese seppe tutto in poco tempo e si fermò, distrutto. L’emozione fu grande e dura da 50 anni, spesso anche sostenuta da un bizzarro feticismo: per anni, nella stanza accanto all’anticamera degli spogliatoi del vecchio Filadelfia, ora raso al suolo, giacevano, in attesa di sistemazione in un museo che non è stato mai aperto, un pezzo di fusoliera, il carrello dell‘aereo, resti vari del disastro. Il telefono pubblico l‘avevano messo lì in mezzo e quando andavi a telefonare restavi impressionato. La forza evocativa del Grande Torino è una di quelle incredibili sensazioni che trapassano il tempo e la storia. Però è anche una condanna, perché i tifosi del Torino, come quelli del Genoa, del Bologna, di altre squadre che hanno un grande avvenire dietro le spalle, stanno sempre arrabbiati col presente, con dirigenti e giocatori che non riescono ad avvicinarsi a quel radioso passato. Poi ci sono i moralisti per cui il 4 maggio bisogna stare tutti a casa contriti, perduti nel ricordo, in una specie di giorno del silenzio, oppure bisogna ricostruire il Filadelfia ed è uno scandalo che nessuno l’abbia ancora fatto, oppure bisognerebbe fare della collina di Superga un parco nazionale. Combinazione (o no?), quella sera, gli ultrà della Juve hanno organizzato una festa per la presentazione di un libro che racconta le loro gesta. Non ci sarebbe niente da festeggiare nelle gesta di un ultrà, però se la Leggenda diventa un obbligo, allora vado anch’io alla festa degli juventini.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

A Ginevra con 520 CV, per 312 km/h di punta e uno scatto da 0 a 100 km/h bruciato in 3,2 secondi. Con lei la magica triade delle 911 da corsa - sono state appena rinnovate 911 GT3 e GT2 RS - si completa

L'articolo Nuova Porsche 911 GT3 RS, aspirato da sogno proviene da RED Live.

Riparte da Alberobello il 25 febbraio il "contenitore" di prove che si disputerà in cinque province, tra Puglia e Basilicata. L'abbonamento alle 10 tappe costa 145 euro

L'articolo Iron Bike – Da febbraio a ottobre – Info e iscrizioni proviene da RED Live.

Altro che semplice restyling: la C4 Cactus 2018 ha una linea nuova per il 90%, adotta Airbump più piccoli e ora punta al cuore del segmento C. I prezzi partono da 17.600 euro

L'articolo Prova Citroën C4 Cactus 2018 sospensioni “magiche” proviene da RED Live.

La Casa americana invoglia i giovani all'acquisto della moto dei sogni proponendo i modelli Street 750, Street Rod e Sportster Iron 883 a condizioni vantaggiose. Le promozioni scadranno il 30 aprile

L'articolo Il mondo Harley alla portata dei giovani proviene da RED Live.

Il 24 e il 25 marzo, se siete in zona capitale, non prendete impegni: ci sono gli Honda Days 2018 all’autodromo di Vallelunga. Si possono provare auto, moto e non solo…

L'articolo Honda Days 2018: 24 e 25 marzo, tutti a Vallelunga proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi