Google+

La Hp Sauce non è più prodotta in Inghilterra dal 2005. Ma i consumatori se ne accorgono solo ora

ottobre 30, 2012 Elisabetta Longo

I consumatori si indignano oggi per lo spostamento di produzione della Hp Sauce. Avvenuto nel 2005, ad opera del colosso alimentare Heinz

Immaginate che il pesto più venduto in Liguria fosse fatto dai cinesi. Ci sarebbe un’insurrezione popolare, ma poi probabilmente si continuerebbe a comprare perché è il più buono in circolazione. È quello che sta accadendo in Gran Bretagna, dove la Hp Sauce si sta attirando le ire dei suoi fedelissimi consumatori.

LEGGENDA. L’Hp sauce è la salsa più consumata oltremanica, è di colore marrone, dolciastra e abbinabile a qualsiasi cosa. Leggenda vuole che sia stata commerciata da un certo Garton, dopo averla apprezzata e vista servire al ristorante della House of Parliament. Di qui il nome “Hp” e il profilo del parlamento inglese sulla bottiglia. La ricetta è ovviamente segreta dal 1903, ma non è più di proprietà britannica, visto che l’azienda originale è stata acquistata da colosso del food americano Heinz, che ha spostato gli stabilimenti produttivi dalla Gran Bretagna all’Olanda.

L’ACQUISIZIONE HEINZ. La cosa era nota dal 2005, ma solo ora i consumatori sembrano essersene accorti, a causa di un nuovo spot televisivo che promuove questo grande classico e tutte le nuove varianti (con sapore fruttoso, in stile barbecue, alla Guinness). E così sono iniziate le grane, a suon di proteste via social network e lettere all’azienda. «Se non riporterete la produzione in Gran Bretagna non comprerò più l’Hp», dice uno. «Una volta tanto che ero orgoglioso di vedere il Parlamento», fa eco un altro facendo allusione all’inconfondibile etichetta azzurra. «La vostra nuova campagna pubblicitaria, in cui proponete il “manwitch”, cioè un sandwich da uomini veri, è allucinante. Tanto quanto il fatto che non sia più inglese», dice un terzo, facendo seguito ad altrettanti commenti simili. Dall’azienda fanno sapere che davvero non capiscono di cosa ci si stia stupendo, visto che nel 2005, se non si fosse effettuato questo cambio di sede, si sarebbe andati incontro a chiusura certa. E allora gli inglesi si sarebbero lamentati di essere rimasti senza la loro salsa preferita.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana