Google+

La guerra è dichiarata, quando l’amore lotta e vince contro la malattia

giugno 18, 2012 Simone Fortunato

Film dolorosissimo e durissimo, una sofferenza emotiva per lo spettatore soprattutto se padre o madre. Tratto dalla vicenda vera della regista e interprete Valérie Donzelli (che condivide il set con l’ex compagno e il figlioletto) è un film che non lascia scampo, almeno a livello emotivo. Due giovani si incontrano, in discoteca. È il colpo […]

Film dolorosissimo e durissimo, una sofferenza emotiva per lo spettatore soprattutto se padre o madre. Tratto dalla vicenda vera della regista e interprete Valérie Donzelli (che condivide il set con l’ex compagno e il figlioletto) è un film che non lascia scampo, almeno a livello emotivo. Due giovani si incontrano, in discoteca. È il colpo di fulmine a cui segue una bella storia che la Donzelli, memore della freschezza e della vitalità della stagione della Nouvelle Vague francese, racconta con poche sintetiche immagini quotidiani e solari: ragazzi che corrono, una gita in campagna, un gelato, la spensieratezza della vita davanti e l’incoscienza della giovane età. Si chiamano Romeo e Juliette e sono belli e forti e hanno il mondo in pugno. Poi, l’imprevisto di un bimbo a cui danno il nome di Adam. I primi momenti difficili: il piccolo che piange in continuazione, la coppia che fa quadrato perché “non vuole che Adam diventi il tiranno della loro vita”, la richiesta di aiuto ad una pediatra pure un po’ psicologa. La fatica normale ed eroica, insomma, del tirar grande un bambino e dell’imparare il mestiere più difficile del mondo, quello del papà e della mamma.

La svolta è brutale e imprevista e la Donzelli racconta con tratto sobrio ma anche senza dimenticar nessun dettaglio: il mondo che crolla, un abisso di dolore senza fine, la vita che cambia. Dal lettino di casa al letto di ospedale, il calvario delle Tac, la chemioterapia, le notti infinite nella sala d’aspetto, il cambio di protocollo perché la malattia è più grave e rara del previsto. E ancora: le infermiere che ti portano via il bambino ed è una ferita lancinante, molto più dolorosa del peggiore dei tumori, i soldi che non ci sono per tutte le cure, la compagnia degli amici che non regge. La guerra dichiarata è davvero una guerra, alla malattia ma anche a se stessi, alla propria debolezza e umana di genitori che vorrebbero scappare il più lontano possibile dal lettino del figlio ma non ci riescono perché l’istinto è più forte di tutto, anche della disperazione: è una guerra senza esclusioni di colpi che – come ricorda la voce fuori campo sul finale – segna irrimediabilmente e distrugge, al di là dell’esito della cura.

La regista dirige un film molto coraggioso, rinunciando alla spettacolarizzazione dei sentimenti e mantenendo una narrazione secca, per quanto ricca di svolte impreviste (nel film qua e là si sorride persino e non mancano piccole, significative canzoni d’amore a sottolineare la storia dei due) e la sua è una cronaca, attimo dopo attimo, anno dopo anno, della discesa nell’inferno della malattia e del dolore senza fine. Il suo è un punto di vista laico – anche se nel film, a un certo punto, entra in scena la preghiera – ma l’approccio non è nichilista o distruttivo, tutt’altro. La cosa che colpisce di più di questo film è il cambiamento di Romeo e Juliette. Perché è vero, la prova può distruggere e separare e anche su questo il film non fa sconti a nessuno e non nasconde le grosse fragilità e le cadute dei due genitori, ma può anche unire e far scoprire in noi un coraggio irragionevole eppure utile, eroico. L’azione dei due genitori di fronte alla malattia del figlio è commovente: nella dedizione e nella vicinanza al figlioletto, nella compagnia vicendevole, nelle decisioni più difficili, come quella di vendere casa per poter economicamente aiutare meglio il figlio. In questo modo il film si configura come una cronaca, quasi delle immagini dal dolore ricche di riflessioni e di domande esistenziali che colpiscono lo spettatore. Come quella più forte di tutte che agita il cuore di Romeo: «Perché una cosa del genere è successa a me? Io sono così piccolo di fronte a questa immensità! Perché?».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. I was more than happy to find this net-site.I needed to thanks to your time for this wonderful learn!! I positively having fun with each little bit of it and I’ve you bookmarked to take a look at new stuff you weblog post.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana