Google+

La guerra dei droni di Obama ha già fatto 4.700 vittime, di cui 1100 civili

febbraio 22, 2013 Redazione

Obama ritira truppe da Iraq e Afghanistan ma conduce una spietata guerra dei droni che ha già fatto 4700 vittime, secondo il senatore americano Lindsey Graham.

Non è mai stato diffuso il numero delle vittime causato dagli attacchi dei droni americani in Pakistan, Yemen e paesi limitrofi. Ieri, per la prima volta, un senatore degli Stati Uniti, Lindsey Graham, ha affermato pubblicamente: «Abbiamo ucciso 4.700 persone. Talvolta gli attacchi colpiscono persone innocenti, e questo è odioso. Ma noi siamo in guerra e abbiamo ucciso numerosi leader di Al-Qaeda in questo modo».

GUERRA NASCOSTA. Il senatore Graham è conosciuto per essere un forte sostenitore della guerra portata avanti con i droni, aerei senza pilota telecomandati dall’America che possono attaccare in tutto il mondo. I raid dei droni sono diventati molto frequenti durante gli anni dell’amministrazione Obama, che mentre ritira soldati da Afghanistan e Iraq, combatte le guerre con gli aerei della Cia, che non danno l’impressione che gli Stati Uniti siano in guerra, non subendo perdite.

4.756 VITTIME. In realtà, i droni sono uno strumento molto potente, come dimostra il numero delle vittime citato da Graham. Secondo il suo entourage, non si tratta però di numeri ufficiali o segreti, quanto delle stime fatte da alcune Ong indipendenti. Secondo la New America Foundation, di Washington, dal 2004 sono stati effettuati 350 raid, soprattutto sotto la presidenza Obama. Il bilancio delle vittime sarebbe compreso tra i 1.963 e i 3.293, di cui tra i 261 e i 305 civili. Un’altra organizzazione, la britannica Bureau of Investigative Journalism, fornisce un bilancio tra i 3.072 e i 4.756 morti, di cui tra 556 e 1.128 civili, in Pakistan, Yemen e Somalia.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi