Google+

La guerra dei droni di Obama ha già fatto 4.700 vittime, di cui 1100 civili

febbraio 22, 2013 Redazione

Obama ritira truppe da Iraq e Afghanistan ma conduce una spietata guerra dei droni che ha già fatto 4700 vittime, secondo il senatore americano Lindsey Graham.

Non è mai stato diffuso il numero delle vittime causato dagli attacchi dei droni americani in Pakistan, Yemen e paesi limitrofi. Ieri, per la prima volta, un senatore degli Stati Uniti, Lindsey Graham, ha affermato pubblicamente: «Abbiamo ucciso 4.700 persone. Talvolta gli attacchi colpiscono persone innocenti, e questo è odioso. Ma noi siamo in guerra e abbiamo ucciso numerosi leader di Al-Qaeda in questo modo».

GUERRA NASCOSTA. Il senatore Graham è conosciuto per essere un forte sostenitore della guerra portata avanti con i droni, aerei senza pilota telecomandati dall’America che possono attaccare in tutto il mondo. I raid dei droni sono diventati molto frequenti durante gli anni dell’amministrazione Obama, che mentre ritira soldati da Afghanistan e Iraq, combatte le guerre con gli aerei della Cia, che non danno l’impressione che gli Stati Uniti siano in guerra, non subendo perdite.

4.756 VITTIME. In realtà, i droni sono uno strumento molto potente, come dimostra il numero delle vittime citato da Graham. Secondo il suo entourage, non si tratta però di numeri ufficiali o segreti, quanto delle stime fatte da alcune Ong indipendenti. Secondo la New America Foundation, di Washington, dal 2004 sono stati effettuati 350 raid, soprattutto sotto la presidenza Obama. Il bilancio delle vittime sarebbe compreso tra i 1.963 e i 3.293, di cui tra i 261 e i 305 civili. Un’altra organizzazione, la britannica Bureau of Investigative Journalism, fornisce un bilancio tra i 3.072 e i 4.756 morti, di cui tra 556 e 1.128 civili, in Pakistan, Yemen e Somalia.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

“Voglio una sedia a sdraio sotto un ombrellone. Con quattro ruote, capace di portare due contadini e le loro mercanzie nel massimo della sicurezza e del comfort. Deve costare poco ed essere riparabile coi ferri con cui si aggiusta il trattore. Deve consumare non più di quattro litri per cento chilometri, essere facile da guidare […]

L'articolo Citroën 2CV Soleil, viaggio nel tempo proviene da RED Live.

Permette di registrare tragitti, monitorare lo stato del manto stradale, analizzare e condividere con altri appassionati informazioni e dati. Si scarica gratuitamente da Apple Store e Google Play

L'articolo Sicurezza in moto? Arriva Moto App proviene da RED Live.

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.