Google+

La Grecia può uscire dall’Euro? E dall’Unione Europea? La Germania può cacciarla? Ecco cosa dicono i Trattati

gennaio 8, 2015 Leone Grotti

Anche volendo, dare un calcio alla moneta unica, tornare alla dracma e salutare Bruxelles sarà tutt’altro che facile per Atene, se non impossibile


La Grecia può uscire dall’Unione Europea, può rinunciare all’Euro e tornare alla Dracma, può essere cacciata dagli altri membri dell’Eurozona? Queste sono solo alcune delle domande che circolano in questi giorni, alla vigilia delle elezioni del 25 gennaio che potrebbero portare al governo ad Atene un partito che davvero realizzi “GrExit”: l’uscita della Grecia dalla zona euro. Ma anche volendo, andarsene dall’Eurozona e tornare indietro nel tempo non è così facile, almeno stando ai trattati firmati da tutti i Paesi membri.

SI PUÒ ABBANDONARE L’UNIONE EUROPEA?
Sì. Secondo l’articolo 50 del Trattato di Lisbona, entrato in vigore l’1 dicembre 2009, «ogni Stato membro può decidere, conformemente alle proprie norme costituzionali, di recedere dall’Unione». Per farlo è necessario notificare «tale intenzione al Consiglio europeo» e negoziare un «accordo» con il Consiglio sulle «modalità del recesso, tenendo conto del quadro delle future relazioni con
l’Unione». L’accordo «è concluso a nome dell’Unione dal Consiglio, che delibera a maggioranza qualificata previa approvazione del Parlamento europeo».

SI PUÒ RIENTRARE NELL’UE DOPO AVERLA ABBANDONATA?
Sì, seguendo la normale procedura prevista per qualunque Stato. Come dice l’articolo 49 del Trattato di Lisbona: «Lo Stato richiedente trasmette la sua domanda al Consiglio, che si pronuncia all’unanimità, previa consultazione della Commissione e previa approvazione del Parlamento europeo, che si pronuncia a maggioranza dei membri che lo compongono. Si tiene conto dei criteri di ammissibilità convenuti dal Consiglio europeo».

SI PUÒ USCIRE DALL’EUROZONA?
Teoricamente no. Secondo la specialista dell’Istituto francese di relazioni internazionali (Ifri) Vivien Pertusot, intervistata da Le Figaro, «nessun Trattato prevede questa possibilità, perché non è mai stata ipotizzata». Nonostante questo, uscire dall’Eurozona non dovrebbe essere impossibile perché «l’unica cosa “irrevocabile”, come precisato nell’articolo 140 comma 3 del Trattato di Lisbona, è il tasso al quale l’euro subentra alla moneta dello Stato membro».

SI PUÒ ABBANDONARE L’EURO E RESTARE NELL’UNIONE EUROPEA?
Secondo l’interpretazione della Commissione europea, «non si può lasciare l’Eurozona senza abbandonare l’Unione Europea». Per l’esperta dell’Ifri, «da un punto di vista puramente legale, non c’è un rapporto di causa-effetto tra i due fenomeni. Siccome non esiste un quadro giuridico per l’uscita dall’Eurozona, uno Stato membro può chiedere di abbandonare l’Euro pur restando nell’Ue e viceversa». Il problema è: a chi presentare concretamente la domanda di uscita dall’Eurozona? In teoria alla Commissione europea, che però non è autorizzata da nessun Trattato a decidere su questo tema. Ecco perché, per il momento, per abbandonare l’Eurozona bisogna lasciare l’Ue.

SI PUÒ ESSERE CACCIATI DALL’UNIONE EUROPEA?
No, i Trattati europei non consentono di cacciare uno Stato dall’Unione Europea. «Anche se un Paese membro non rispetta gli impegni economici, l’opzione di una cacciata dall’Ue non è contemplata», spiega la ricercatrice dell’Ifri. Nonostante questo, i membri dell’Ue potrebbero interrompere il versamento degli aiuti e la Banca centrale europea potrebbe bloccare i prestiti alle banche di Atene, costringendo così indirettamente la Grecia a dire addio, o perlomeno arrivederci, a Bruxelles.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. recarlos79 scrive:

    ci sono paesi ad est della germania che sono membri dell’ue ma fuori dall’euro, perché la grecia no?

  2. Antonio Patania scrive:

    I trattati sarebbero viziati di nullità poiché innanzitutto ci sono state delle cessioni di sovranità e non delle limitazioni come dice la nostra costituzione a parità con gli altri stati cosa che non e assolutamente avvenuta.Altresì il titolo della proprietà dell.euro alla.atto dell emissione e viziato da nullità poiché la BCE non può essere indipendente ne proprietaria dell euro poiché non e uno stato sovrano .La moneta e un bene giuridico pubblico e deve essere di proprietà solo degli stati che sono persone giuridiche di diritto pubblico.La BCE e persona giuridica privata .I trattati violerebbero la ius cogens le norme imperative e consuetudinarie internazionali e sarebbero in contrasto con altri trattati internazionali che enunciano principi inviolabili di parita uguaglianza sovrana degli stati che nel caso dell.unione europea non avviene.La forma istituzionale dell.U.E.non somiglia affatto a una forma europea repubblicana.Gli stati non hanno tutti gli stessi seggi in parlamento.La commissione europea non e formata da membri eletti dai popoli europei cosi gli altri organi europei .Il parlamento stesso non ha ampi poteri .Sarebbe questa la democrazia europea? Non vale l.autodeterminazione dei popoli per poter uscire dalla unione europea così come sancito dalle leggi internazionali? E giusto che il nostro parlamento interno non può decidere le politiche monetarie e le riforme autonomamente? E giusto che gli stati sovrani devono chiedere prestiti e indebitarsi sempre di più a una moneta che loro stessi hanno istituito?

  3. Antonio Patania scrive:

    Non si capisce pero quale giudice competente in caso di violazione della ius cogens internazionale dei trattati se riguardano violazioni contro i cittadini europei…dato che alla corte di giustizia civile internazionale possono adire solo gli stati alcune organizzazioni per la liberazione di territori o la rivendicazione di essi.Mi sembra che ci sii un vuoto legislativo internazionale e dunque alla fine il singolo cittadino deve ricorrere al giudice costituzionale se i trattati violano la costituzione oppure alla corte penale internazionale se trattasi di reati penali di un certo rango e alla corte dei diritti dell.uomo solo per alcune violazioni . la corte di giustizia europea non apparirebbe in grado di redimere ogni controversia in merito.

  4. Antonio Patania scrive:

    la convenzione di Montevideo indica l.indipendenza di uno stato una qualità esclusiva…l.indipendenza sovrana appartiene agli stati.perche questa qualità e stata data anche alla BCE? Perche la convenzione di Vienna dice che gli stati devono essere uguali e sovrani perche nella.U.E non avviene? Art .11 costituzione la cessione di sovranità e concessa a condizione di parità con gli altri stati.Anche questa volta non vedo in linea L.U.E. e ancora i trattati sono in linea con la Ius cogens? Non mi dilungò ma ci sarebbero innumerevoli vizi – illogicità che non possono essere trascurati .Fatto sta che l.imposizione dell.austerity non porta ne pace ne sicurezza vedi carta Onu

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana