Google+

Non tutti festeggiano “La grande bellezza”. Per l’Osservatore romano «strizza l’occhio all’estetica degli spot pubblicitari»

marzo 3, 2014 Redazione

«Il film non ha molto da dire. Come storia di un personaggio che riflette malinconicamente su un’innocenza dissipata fra le maglie della più sciatta mondanità si rivela in molti momenti auto indulgente»

Articolo tratto dall’Osservatore Romano, di Emilio Ranzato – I premi assegnati dalla Academy quest’anno sembrano essere stati distribuiti a caso. 12 anni schiavo di Steve McQueen, che vince come miglior film, porta a casa in tutto soltanto tre statuette — compresa però quella per la miglior sceneggiatura non originale — mentre Gravity di Alfonso Cuaron ne vince sette, comprese quelle importantissime per regia, fotografia e montaggio, senza arrivare sul gradino più alto.

Un andamento caotico che riflette un’annata se possibile meno entusiasmante del solito per il cinema americano. Che un filmetto su una truffa alla Ocean’s eleven come American hustle di David O. Russell fosse stato candidato alla bellezza di dieci premi, era d’altronde un preoccupante segnale d’allarme. Ciò che spicca, in particolare, è una povertà di scrittura. Non a caso tre dei film principali in concorso — i due sopracitati di McQueen e Russell e Dallas buyers club di Jean-Marc Vallée — sono tratti da storie vere, che come si sa offrono allo spettatore un presupposto emotivo capace di sopperire a eventuali deficit drammaturgici. E così capita che un film carino ma senza troppe pretese come Lei di Spike Jonze arriva a vincere l’Oscar per la sceneggiatura originale.

Niente da eccepire invece sugli Oscar agli attori. Le mutazioni fisiche di Matthew McConaughey e Jared Leto per il film di Vallée non potevano non essere lodate, e lo stesso discorso vale per l’intensa interpretazione di Lupita Nyong’o in 12 anni schiavo e la straordinaria Cate Blanchett per Blue Jasmine di Woody Allen.

Che dire poi della vittoria de La grande bellezza? Il film di Paolo Sorrentino non aveva ricevuto una grande accoglienza da parte della critica italiana né al festival di Cannes dove era stato presentato. Il regista napoletano però ha evidentemente la fortuna di trovare sempre in qualche modo una sopravvalutazione del proprio lavoro. E stavolta era abbastanza prevedibile trovarla oltreoceano, dove si poteva rimanere incantati dall’ottima prova del direttore della fotografia Luca Bigazzi, che riesce in effetti nell’impresa di valorizzare ulteriormente una città come Roma.

Per il resto però il film non ha molto da dire. Come storia di un personaggio che riflette malinconicamente su un’innocenza dissipata fra le maglie della più sciatta mondanità, si rivela in molti momenti auto indulgente e incline a un poetismo che strizza l’occhio all’estetica degli spot pubblicitari. E quando nell’epilogo tenta addirittura di affrontare il tema del sacro e del suo svilimento — come aveva fatto in modo molto più velato e sottile il suo inarrivabile modello Fellini nell’incipit del capolavoro La dolce vita — si perde in una serie di sequenze inutilmente criptiche, dando l’impressione di una scarsa sincerità.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Giulio Dante Guerra scrive:

    Non ho visto il film, quindi non do un giudizio mio. Constato semplicemente la sostanziale coincidenza di questa stroncatura con quella che leggo sulla “Nuova Bussola Quotidiana”: “Oscar. Siamo fieri di parlar male di noi stessi!” di Rino Cammilleri. Diverso il punto di osservazione, ma analogo il giudizio negativo. Più complesso il giudizio di Marina Corradi, a cui non riesco a fare commenti perché, per ragioni a me non comprensibili, non compare la finestra dei commenti. Lì, tuttavia, mi sembra d’aver capito che le figure del “cardinale” e della “santa” siano esempi, rispettivamente, delle due “mondanità”, condannate da Papa Francesco: il primo della “mondanità materiale” di un certo clero, a parole “denunciata” da tutti; la seconda della “mondanità spirituale”, “Il danno peggiore che può capitare alla Chiesa”, come l’ha definita il Papa citando il card. de Lubac e, dietro di lui, dom Anscar Vonier.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana