Google+

La Germania adotta il salario minimo e potrebbe farlo anche l’Italia, «se non ci fossero i sindacati a scrivere i contratti di lavoro»

luglio 16, 2014 Matteo Rigamonti

L’ex ministro delle finanze Francesco Forte spiega perché l’Italia oggi non può adottare il salario minimo: «Senza il contratto di diritto privato tedesco, otterremmo solo più rigidità nei contratti, più disoccupazione e cassa integrazione»

A partire dal 1° gennaio 2015, la Germania della cancelliera Angela Merkel adotterà il salario minimo di otto euro e cinquanta centesimi l’ora per tutti i lavoratori. «Un modo per sostenere e rilanciare la domanda interna», secondo il vicedirettore di Repubblica Massimo Giannini: «Una svolta importante» già attuata da Francia, Gran Bretagna e Olanda a cui l’Italia dovrebbe guardare. Ma per l’ex ministro delle finanze Francesco Forte, «il salario minimo in Italia farebbe crescere la spesa pubblica». A tempi.it spiega che se «adottassimo il salario minimo, senza però avere il contratto di diritto privato che ha la Germania, otterremmo solo più rigidità nei contratti, più disoccupazione e di conseguenza maggiore ricorso alla cassa integrazione straordinaria».

Professore, Giannini scrive: «Se un Paese come la Germania si muove in questa direzione, dovrà pur esserci un motivo».
Sì, ma la Germania prima di aver introdotto il salario minimo ha adottato il contratto di diritto privato. Ciò significa che c’è libertà contrattuale completa: i contratti di lavoro, e non solo quelli part time, possono essere stipulati direttamente tra datore di lavoro e dipendente, senza che intervengano né il sindacato nazionale né quello locale. Sono un puro patto tra privati. La legge sul salario minimo garantisce così quello che non può essere garantito dai sindacati.

L’Italia non può fare come la Germania?
Certamente. Ma senza adottare prima il contratto di diritto privato, il salario minimo non servirebbe a nulla. Anzi, avrebbe effetti addirittura negativi sull’economia reale. Un paese come il nostro, infatti, non soltanto ha già i minimi salariali stabiliti dai sindacati, ma ha anche l’articolo 18, che è interpretato in maniera distorta dalla magistratura, introducendo garanzie che nessun altro paese al mondo ha, anche sul lavoro part time. E poi c’è la riforma Fornero, che ingessa e complica ogni forma di lavoro a termine. In un simile scenario, l’inserimento del salario minimo risulterebbe essere né più né meno che un’ulteriore rigidità sui contratti di lavoro. Senza contare che con i salari fissi e i tassi di cambio rigidi la disoccupazione rimarrebbe strutturale.

Cosa dobbiamo fare?
È la flessibilità dei contratti quello che conta. Altrimenti rimaniamo la “Repubblica delle banane”. Il salario minimo, infatti, ha senso dove esiste la libertà contrattuale, non nei paesi come il nostro dove i sindacati hanno un enorme potere negoziale. Non è un caso se da noi tutti i contratti previsti dalla legge Biagi, partite Iva e non, sono stati sostanzialmente abrogati. Da noi il salario minimo segnerebbe un ulteriore passo verso maggiore rigidità, disoccupazione e cassa integrazione straordinaria. L’alternativa, invece, è piuttosto semplice: contratti di lavoro flessibile, tipo quelli siglati dalla Fiat di Sergio Marchionne e quelli previsti dalla legge Biagi. Questa è la strada da seguire anche per evitare di creare ulteriore economia sommersa. Dopo di che, potremo parlare anche di salario minimo.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

8 Commenti

  1. Giovanni Cattivo scrive:

    Belinate. In Italia la disoccupazione dipende principalmente dal fatto che abbiamo una classe imprenditoriale inadeguata che invece di produrre Mercedes (che san fare solo i suprspecializzati e ben pagati operai tedeschi) produce seggiole( che le sa fare anche un contadino indiano analfabeta. invece di puntare sul prodotto, san solo cercare di ridurre i costi del processo pensando di poter far concorrenza a chi lavora per una ciotola di riso. Da che non possono più contare sulle svalutazioni competitive non fanno altro che piagnucolare.

    • sindar scrive:

      Immagino che tu ti occupi di scissione dell’atomo a freddo….

    • Cisco scrive:

      @Giovanni Cattivo
      In parte concordo: oltre ai contratti di diritto privato occorre maggiore competitività a livello di prodotto e organizzazione. Marchionne lo sta facendo molto faticosamente (grazie ai sindacati e alla politica…), mentre Merloni (riconoscendo i propri limiti) lo fa fare a chi lo sa fare (si spera), cioè gli americani della Whirlpool. Purtroppo in Italia la produzione di fascia alta ha dimensioni ancora artigianali, il che è un limite in molti settori.

  2. francesco taddei scrive:

    i fratelli merloni hanno venduto l’azienda e i dipendenti per un pacco di soldi.

  3. sindar scrive:

    Il salario minimo è uno dei (pochi) tasselli che mancano per la completa realizzazione dello “stato servile”.
    Vedi Belloc; 1912.

  4. claudio68 scrive:

    Il problema non sono i sindacati ma l’assurda fiscalità sui redditi da lavoro. I sindacati servono come servono le imprese che creano ricchezza e lavoro. Non serve invece la casta e la voragine dei conti pubblici. E’ veramente sciocco pensare che la causa della disoccupazione siano i sindacati o le imprese. E’ ora di dire basta a questo stato tartassatore.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana