Google+

La fredda luce del giorno, poche idee e confuse

maggio 24, 2012 Simone Fortunato

Thriller mediocre di bassa fattura e poche idee. Diretto dal regista francese di origine tunisina Mabrouk El Mechri, che nel 2008 aveva presentato il curioso JCVD – Nessuna verità, in cui Jean-Claude Van Damme (da qui il titolo) nei panni di se stesso finiva tra gli ostaggi presi da alcuni banditi,  La fredda luce del giorno, […]

Thriller mediocre di bassa fattura e poche idee. Diretto dal regista francese di origine tunisina Mabrouk El Mechri, che nel 2008 aveva presentato il curioso JCVD – Nessuna veritàin cui Jean-Claude Van Damme (da qui il titolo) nei panni di se stesso finiva tra gli ostaggi presi da alcuni banditi,  La fredda luce del giorno, uscito il 18 maggio, è un film che sconta una pessima sceneggiatura che ricicla molti luoghi comuni del genere, dalla valigetta al ruolo dei servizi segreti fino al tema dell’identità, espressi meglio in ben altre pellicole, Ronin di Frankenheimer su tutte. L’incipit è promettente e ricorda un grande thriller degli anni 80, l’indimenticato Frantic di Roman Polanski. Giunto in Spagna a trovare la famiglia in vacanza, il giovane Will (il poco carismatico Henry Cavill) si ritrova la famiglia rapita da misteriosi individui, forse terroristi, in un paese straniero di cui non conosce lingua e leggi. Soprattutto, senza l’aiuto delle forze dell’ordine che sono pronti ad addossargli ogni colpa.

Inizio non malvagio con un uso intelligente della suspense (carina la sequenza col motoscafo che porta al rapimento della famiglia). Per il resto, eccezion fatta per Sigourney Weaver, tostissima e credibile, il film inanella una serie di banalità. Troppe le inverosimiglianze nella narrazione (su tutte il rapporto con la bella Lucia interpretata da Véronica Echegui), bassissimo il livello di caratterizzazione dei cattivi e dei buoni: gli aiutanti della coppia Will/Lucia sono davvero poca cosa in termini di psicologia e di efficacia narrativa. Lo spazio che da metà film in avanti concede El Mechri è tutto all’azione, concitata, non disprezzabile in sé come nelle sequenze degli inseguimenti, in più di un momento però confusionaria e che non tappa i troppi buchi narrativi e svia l’attenzione da alcune scelte di sceneggiatura altamente discutibili, come quella di rinunciare dopo pochi minuti al carisma e alla forza scenica di un attore come Willis. Le svolte sono deboli e anche l’ambiguità di un personaggio forte come quello della Weaver viene liquidato in poche battute. Regia altalenante: efficace quando si tratta di sparare e di correre ma quando la scena richiede maggiore complessità, tipo quella del blitz architettato da Roschdy Zem (bravo, faccia perfetta) e compagni, il tasso di spettacolarità scende paurosamente.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi