Google+

La Francia si è dimenticata di Parigi

dicembre 23, 2015 Leone Grotti

Dopo gli attentati Hollande aveva promesso di «privare della nazionalità francese i cittadini che commettono atti di terrorismo». Ha già cambiato idea?

Era il 16 novembre, tre giorni dopo i terribili attentati di Parigi, e davanti ai parlamentari riuniti a Versailles il presidente della Repubblica François Hollande espose con durezza e solennità il suo progetto di riforma costituzionale per rispondere ai terroristi. «La revisione della Costituzione deve accompagnarsi ad altre misure – disse -. Noi dobbiamo poter privare della sua nazionalità francese un individuo condannato per aver attentato agli interessi fondamentali della nazione o aver commesso un atto di terrorismo, anche se è nato francese, quando benefici di un’altra nazionalità».

RISPOSTA STRAORDINARIA. La promessa di Hollande ha fatto scalpore, fuori e dentro il partito socialista, dal momento che la misura annunciata è considerata un vecchio cavallo di destra. Ma la situazione straordinaria, negli attentati sono morte 130 persone, richiedeva una risposta straordinaria. E tutti, anche i suoi nemici, hanno lodato Hollande per aver dato questa risposta. Oggi il Consiglio dei ministri francesi si riunisce per decidere sull’evoluzione dello stato di emergenza e sulla privazione della nazionalità, ma i toni dopo appena un mese sono già cambiati e si sono ammorbiditi.

«NON PORTA VOTI». Infatti, assicura il Le Figaro, il premier Manuel Valls e il ministro degli Interni Bernard Cazeneuve hanno convinto Hollande, con l’aiuto di Christiane Taubira, a mettere da parte la «patata bollente» della privazione della nazionalità. La misura, assicurano, non è popolare, «non sarebbe votata da tutta la sinistra» e non aiuterebbe a «recuperare consensi dalla destra». Dunque, salvo colpi di scena, non se ne fa più niente.

TUTTO DIMENTICATO. Passata la tragedia, insomma, esauritasi l’ondata emotiva, e dopo una consultazione elettorale negativa per il Ps, tutto torna come prima. La guerra da combattere in patria e fuori contro il terrorismo islamico è già dimenticata, come se nulla fosse accaduto. Il nemico va contrastato, ma senza offendere nessuno e senza sporcarsi troppo le mani. Hollande potrebbe averci ripensato di nuovo nella notte, ma resta l’impressione di un senso di impotenza e debolezza preoccupanti.

Foto Ansa
Foto Hollande-Siria Ansa/Ap


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Sebastiano says:

    Ihhh, quante storie. Non se ne fa più niente perché gli avranno detto che alle prossime elezioni quelli che vorrebbe (e dovrebbe) espellere votano tutti per loro.
    Mica possono segare il ramo su cui sono seduti, no?

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Delle monoposto a emissioni zero (245 cv in configurazione gara, per 225 km/h di velocità massima) che si sono sfidate il sabato 14 aprile lungo un tracciato cittadino di circa 2,8 km ricavato nel quartiere Eur, non si è parlato più di tanto, ancorché all’incontro capitolino del venerdì precedente abbia partecipato anche il Direttore del […]

L'articolo Renault: elettriche avanti tutta proviene da RED Live.

La Swift Sport punta a farsi largo tra le hot hatch puntando su un invidiabile bilanciamento tra telaio e meccanica. Anche il rapporto prezzo/dotazione è vincente

L'articolo Prova Suzuki Swift Sport <br> fame di curve proviene da RED Live.

Moto dotate di radar? Presto saranno realtà. Ducati ha in cantiere un ambizioso programma chiamato “Safety Road Map 2025” che prevede lo sviluppo di molti progetti a tema sicurezza, uno dei quali si chiama Ducati ARAS. Primi arrivi nel 2020

L'articolo Ducati ARAS, presto le moto con il radar proviene da RED Live.

Voglia di avventura, di scoprire nuove strade (bianche) in località toscane ricche di fascino. Senza fretta. La prima di tre tappe andrà in scena a Buonconvento il 29 aprile, in occasione della Nova Eroica

L'articolo Gravel Road Series, da aprile a ottobre. Info e iscrizioni proviene da RED Live.

Mini elettrizza la sua Countryman e si getta nel panorama delle ibride plug-in in modo speciale e a tratti unico. Pensate che le auto Ibride non siano ancora mature o non facciano per voi? Leggete la nostra prova su strada, ma siete avvisati: il rischio di ricredersi qui è alto

L'articolo Prova MINI Cooper S E Countryman ALL4 proviene da RED Live.