Google+

La Francia si culla nei discorsi soporiferi sull’amore e non s’accorge che sta cancellando mamma e papà

maggio 2, 2013 Lucetta Scaraffia

Dopo l’approvazione delle nozze gay, prosegue il dibattito (laico) su quali siano le conseguenze sociali e culturali della legge Hollande. Ne parlano due psicanalisti

di Lucetta Scaraffia, tratto dall’Osservatore Romano, “La trasmissione interrotta” – Come mai la richiesta di una minoranza fra gli omosessuali — cioè il matrimonio e la possibilità di filiazione — ha raccolto in Francia il sostegno di tanti politici e media, in un momento in cui altre questioni richiederebbero con urgenza la nostra vigilanza? L’identificazione di una parte consistente dei politici con questa battaglia è una questione difficile da capire, scrivono Monette Vacquin e Jean-Pierre Winter, due psicanalisti francesi, sull’ultimo numero della rivista «Débat», in parte dedicato proprio al tema del cosiddetto mariage pour tous.

È questa in fondo la vera domanda che ci si deve porre davanti alla pervicacia con cui si è voluto far approvare il matrimonio degli omosessuali — ricordiamo che nel Paese già era stata riconosciuta la legittimità dei Pacs (Patti civili di solidarietà) per persone dello stesso sesso — e la possibilità per i componenti la coppia di essere riconosciuti “genitori” di figli adottati o nati attraverso inseminazione artificiale.

In Francia il dibattito ha coinvolto anche gran parte della società laica, che si è opposta alla legge e ha aperto un confronto veramente interessante. La risposta che Vacquin e Winter danno alla domanda iniziale è che questa minoranza di attivisti «sa parlare il linguaggio che si vuole ascoltare oggi», quello cioè dell’ugualitarismo ideologico, sinonimo di indifferenziazione. Che viene bene accolto, anche se i politici, pur invocando senza sosta trasparenza e verità, iscrivono nel Codice civile affermazioni senza fondamento nella realtà e di cui chiunque può verificare l’inesattezza.

Il problema è dunque proprio il linguaggio, dal quale si vogliono eliminare tutti i termini che segnano la differenza fra uomo e donna, facendolo diventare un linguaggio neutro, in cui i vocaboli “papà” e “mamma” siano sostituiti da “congiunti” o “genitori”. Il colpo di scopa ideologico capace di rovesciare secoli di uso e di sopprimere le parole che designano coloro ai quali noi dobbiamo la trasmissione della vita deve appoggiarsi su delle ambivalenze molto antiche e molto condivise, scrivono i due psicanalisti, per avere suscitato tanto entusiasmo.

Dobbiamo quindi considerare questa deriva come un sintomo e una rivelazione di qualcosa che agita le nostre società e che prende la forma del “politicamente corretto”: cioè la confessione patetica di un mondo che non sa più ricevere, né trasmettere, né pensare, né gerarchizzare, né classificare. Ma che sa solo rompere e rivendicare. Per la nostra generazione sembra non avere mai fine l’esercizio di superare dei limiti o di distruggere ciò che li incarna, invece di trasmettere qualcosa alle generazioni successive.

Cosa significa l’accanimento della nostra epoca contro tutto ciò che è trasmesso? Certo in questo si intravvede una sorta di dittatura delle minoranze. Ma nella legalizzazione del matrimonio per gli omosessuali non si vede, come rivendicano in tanti, un allargamento dei diritti umani a una minoranza oppressa, quanto piuttosto una riedizione delle utopie del Novecento già rivelatesi fallimentari: quella dell’ugualitarismo, che qui sembra voler cancellare la differenza costitutiva dell’umanità in maschi e femmine, e quella della liberazione da ogni intralcio nella realizzazione dei nostri desideri, se pure impossibili.

Nella realtà, omosessuali ed eterosessuali non appartengono a ranghi separati, come sembra oggi, ma condividono lo stesso mondo, ed è insieme che hanno il compito di prendersi cura delle istituzioni che strutturano e organizzano i legami fra gli esseri umani e fra le generazioni. Ma i cittadini francesi, si chiede l’articolo dei due psicanalisti, «cullati dai discorsi soporiferi sull’amore e la generosità, e accecati da supposti esperti che affermano che non sta succedendo niente di nuovo, hanno preso coscienza dell’arcaica violenza che è all’opera nella cancellazione di padre e madre e della nascita, nei documenti che stabiliscono la nostra identità?».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. Liliana says:

    Due fratelli,due sorelle, due o piú amici o amiche,possono anche loro sposarsi? Tolto il vincolo del matrimonio frau un uomo e una donna tutto deve poter essere possibile altrimenti si puó lecitamente parlare di discriminazione

  2. fsd says:

    liliana se cè necessità per loro di sposarsi, si certo che possono… se devono sanare situazioni di carattere tecnico legislativo… anche se nel caso si fratelli non vedo bene il punto. lo sposarsi ti fa diventare parenti di primo grado e assumere diritti e doveri che questo status ti conferisce nei confronti dell’altra persona… i fratelli già sono parenti di primo grado

    • gmtubini says:

      Carlo Masi,
      hai perso l’ennesima occasione per star zitto: sposandosi non ci si imparenta. Somaro (con tutto il rispetto per il somaro, nobile quadrupede che nei millenni si è dimostrato assai più utile all’umano consesso di quelli come te).

      • Q.B. says:

        I coniugi godono di diritti che ai fratelli non sono riconosciuti.

        A titolo di esempio: perché il fratello o la sorella (non inabili) superstiti non possono godere della pensione di reversibilità del fratello o alla sorella deceduti? Più famiglia di quella! si conoscono e si amano sin dall’infanzia, legati da un vincolo di sangue che non si risolverà mai.

        Se il Carlomasi condanna la società vile e omofoba che non riconosce questo privilegium a favore di un suo amico al quale vuole tanto bene al punto da chiamarlo marito (sic), cosa dovrebbero dire due consanguinei?

        Propongo allora di lanciare finalmente una campagna democratica ed egualitaria a favore del matrimonio tra parenti? Chi mi segue?

        P.S. non sapevo che fsd fosse il proteiforme Carlomasi.
        P.P.S. Carlomasi non è cattivo; è solo disorientato.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

Al volante della SUV “low cost” che migliora nei contenuti e nella guida mantenendo invariato il prezzo. Dacia ha vinto di nuovo la scommessa e ora offre una Duster più appetibile che mai

L'articolo Prova Dacia Duster 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download