Google+

La fissa della trasparenza produce solo liste di proscrizione e oligarchie

ottobre 27, 2012 Luigi Amicone

Come sul Corriere della Sera che nell’edizione di Bergamo ha pubblicato una lista di professionisti ciellini “affiliati” al “sistema di potere” formigoniano

Se l’ideale di democrazia diventa la trasparenza per liberare il mondo da ogni male, stiamo freschi. Ci sarà gente giù nei bunker a controllare che i selezionati in rete e poi gli eletti – secondo l’originale visione di democrazia che ha il comico che spopola nei sondaggi – puntino il mouse dalla parte buona e facciano leggi buone. Soprattutto, niente inceneritori. E, giustamente, viva le sentenze che mandano in galera gli scienziati per complicità con i terremoti! Manca qualcosa? Sì, manca che secondo il nuovo ddl anticorruzione potrebbe presto darsi il caso che dove c’è un ciellino, è sospetto. Dove ce ne sono due, è monitorato. Dove ce ne sono tre, è “traffico di influenze”. Esagerazioni? Prendete il Corriere della Sera che nell’edizione di Bergamo del 17 ottobre scorso ha pubblicato una lista di professionisti ciellini “affiliati” al “sistema di potere” formigoniano. In effetti, si sta producendo una bella generazione di gente che sa contare solo fino a due. E credete che l’ossessione a scoperchiare il vaso di Pandora porterà il mondo nel verso giusto? Già nel mito greco accadeva che, scoperchiato ogni male, solo la speranza non fa in tempo a liberarsi prima che il vaso venga chiuso di nuovo.

Ps. La Repubblica esige una stretta di bulloni alla legge anticorruzione approvata in Senato. Il Corriere della Sera la completa tosatura della Casta. Domanda: perché i due club insistono in queste campagne? Credono alla demagogia o puntano a creare filtri all’ingresso dei politici in parlamento e degli investitori in Italia? Il dubbio resta. Perché con l’uno si finisce nell’oligarchia (solo i ricchi possono fare politica), con l’altro in bur(l)ocrazia (solo i matti possono fare impresa).

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Daniele, Napoli scrive:

    è logico, anche doveroso, che ognuno presenti le elezioni a modo suo e cerchi di dare criteri per la scelta dei candidati che più sente vicini a sé.
    Al di là di questo un po’ di cambiamento credo ci voglia. Un amico mi dice che non serve perché non si presentano loro, ma trovano il modo di fare eleggere un loro amico che dirà e farà le stesse cose. Ma è comunque una persona diversa, forse un po’ di cambiamento comunque si riuscirebbe ad avere.
    Quando la CdO darà le indicazioni di voto mi piacerebbe ci fosse scritto:
    1) che sia un cattolico normalmente praticante [non solo Natale e Pasqua, per intenderci], sensibile alle indicazioni della Chiesa.
    2) che abbia dato prova di sapere reagire alle pressioni di conoscenti, amici e parenti.
    3) Comunione e Liberazione è un movimento ecclesiale la cui preoccupazione fondamentale è quella di dar vita ad ambiti in cui sia possibile una reale esperienza cristiana e un lavoro di educazione alla vita della fede. Noi crediamo che l’esperienza della fede non sia un fatto intimistico, relegabile alla sfera della coscienza privata, ma un principio che tende ad informare di sé ogni aspetto della vita. Anche le scelte culturali e politiche, che pure restano scelte storiche, contingenti e modificabili, non possono non essere determinate in modo dialettico a partire dall’esperienza viva della fede. Il cristianesimo infatti, pur non essendo un discorso politico, ha inevitabilmente una rilevanza politica e un’incidenza sul sociale. (don Giussani, 5 febbraio 1975).
    Perdonatemi se dico cose sempre un po’ strane. Non completamente allineate con il pensiero di C.L. e CdO. Ma – per me – fare parte del movimento significa partecipare, non obbedire passivamente. Anche perché so che si obbedisce in materia di fede alla Chiesa, non ad altri.

  2. luigi lupo scrive:

    Bergamo Bergamo Bergamo, c’è una cosa che non mi viene in mente….
    Ora ricordo! C’è un ospedale, frutto dell’eccellente sistema lombardo, che viaggia con quattro anni di ritardo anche perchè è in costruzione su un terreno paludoso.
    Adesso vedo se nel sito di Tempi trovo notizie al riguardo non posso certo cercarle su Repubblica o Corriere, sono troppo di parte.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana