Google+

La fine del Pdl esige un contrattacco di uomini e di cultura. Dal nord al sud

settembre 27, 2012 Luigi Amicone

Tra sei mesi saremo ancora sotto il Commissario Monti. Se va bene. Oppure su una mongolfiera vagante nello spread di patrimoniali e Gdf. C’è bisogno che spiri vento nuovo

La fine del Pdl è un problema. Non solo per quella parte del Paese che fu democristiana e a cui toccò essere berlusconiana per non essere schiava. Ma per tutta l’Italia che non ha gli anelli di Repubblica al naso e che nei poli delle libertà aveva sperato di rivedere, non diciamo un sole, ma almeno un’aurora di avvenire dopo il repulisti giudiziario. E invece, vent’anni dopo siamo ancora lì. E messi peggio di quando almeno eravamo una potenza (settima o ventitreesima fa niente, eravamo qualcosa nel mondo adesso siamo una virgola nell’Unione Europea).

Tra sei mesi saremo ancora sotto il Commissario Monti (se va bene). O su una mongolfiera vagante nello spread di una “ricostruzione” tutta patrimoniali e guardie di finanza, registri di coppie di fatto e adozioni gay. È un fatto che le famose “masse popolari” non sanno più a che santo votarsi. Votino Grillo o Mangiafuoco, fa lo stesso. Le danze le condurranno i banchieri, Berlino, i soliti dell’anello al naso. Naturalmente regioni come il Lazio resteranno in pieno autunno arabo (degne eredi dei Marrazzo, la differenza con le Polverini è che prima i pm erano in vacanza).

Mentre la pur declinante Lombardia resterà una Svezia con il Re azzoppato. Perciò si pone il problema non soltanto di un’eredità, ma di una cornice di libera iniziativa (culturale, produttiva, sanitaria) che nonostante il “sacco del Nord” (Ricolfi), il maglio delle procure, lo sfascismo mediatico, contrattacchi il disfacimento di un’educazione, l’imbarbarimento antropologico, il vuoto di visioni e di uomini. Chi regna al Nord ha il compito di aiutarsi e aiutare il resto d’Italia a riprendere in mano una politica degna di questo nome. Questo giornale ci sarà, lo promettiamo.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Rober scrive:

    Berlusconi quando scese in politica credo che abbia fatto una grande cosa, ma la creatura che aveva formato doveva passare ad altre mani e questo, specialmente alla luce di quanto paghiamo oggi certe scelte e le conseguenze che patiamo. Il Pdl si è formato intorno non intorno ad un progetto politico ma ad una persona, fermarsi ancora a questo personalismo significa prolungarne ancora l’agonia. Se fosse stato più intelligente, già molto tempo fa, rimanendo solamente come padre fondatore, avrebbe dovuto individuare un delfino. Ma il responsabile di un partito si sceglie, oggi si parla di primarie, particolarmente dentro ad un congresso, dove i vari candidati illustrano le linee guida di una visione politica. Questo avveniva una volta.
    Il tempo di Berlusconi è FINITO. E se non finisce ora lo sarà in seguito, proprio perché il partito si è fondato su una persona e, purtroppo, neanche all’altezza. Si può fare solo una cosa per pensare ad un centro moderato e prendendo il meglio della tradizione passata, anche se questo comporterà un periodo di forza di minoranza. AZZERARE e RIFONDARE intorno a persone veramente all’altezza del compito che la situazione oggi richiede. E a proposito del “Commissariamento di Monti”, siamo onesti! Se non ci fosse stato lui dove saremmo andati? E la notizia che arriva proprio oggi dagli Stati Uniti, sulla sua disponibilità, anche se a certe condizioni, è una buona notizia.
    Roberto

  2. Poppi.Pippo scrive:

    “Berlusconi quando scese in politica credo che abbia fatto una grande cosa” per i suoi interessi privati disicuro, per il bene del paese non credo proprio.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana