Google+

La droga, il ragazzo di Lavagna e noi. Lettera a Roberto Saviano

febbraio 16, 2017 I responsabili di In-Presa

Lettera aperta dei responsabili della Cooperativa Sociale In-Presa al celebre scrittore a proposito di un suo articolo

Caro Roberto Saviano,
le scriviamo dopo aver letto il suo articolo dal titolo “I dieci grammi del ragazzo di Lavagna e i miliardi della mafia” (Repubblica, 15 febbraio 2017).

Il dramma del giovane che si è tolto la vita dopo essere stato perquisito dalla Guardia di Finanza ci ha colpito anche per una particolare circostanza. Proprio ieri anche presso la nostra scuola, “In-Presa” a Carate Brianza, c’è stata una perquisizione della Guardia di Finanza con il supporto dell’Unità Cinofila.

È una iniziativa che ripetiamo ogni anno, e lo facciamo non solo come un tassello di una necessaria lotta contro il fenomeno della droga; lo facciamo soprattutto per i nostri ragazzi, perché ci stanno a cuore le loro vite, il loro presente e il loro futuro, perché conosciamo tanti dei loro drammi e dei loro disagi, della violenza che hanno subito e delle sconfitte che hanno patito.

E vediamo quanti danni procura loro quella droga (pesante o leggera è solo un dettaglio secondario) in cui cercano una risposta che non arriva mai, anzi che rafforza i loro disagi, il loro sentirsi inadeguati ed estranei a tutto ciò che accade loro.

Lei scrive “Il fumo che si spaccia davanti alle scuole, nelle discoteche, negli stadi e ovunque ci siano ragazzi è fornito dai cartelli criminali. Il problema sono loro o sono gli studenti che fumano?”. Caro Saviano, noi crediamo che la questione sia mal posta. L’interrogativo è un altro: «Quando un ragazzo ruba una bicicletta che cosa importa alla società? La sorte della bicicletta o quella del ragazzo?» (G.Cesbron, “Cani perduti senza collare”).

La nostra scuola si rivolge soprattutto a ragazzi in dispersione scolastica, neet, giovani a rischio di disagio sociale… Sono ragazzi che hanno bisogno di essere voluti bene, di essere stimati, di sentire che la vita non è loro nemica, che c’è una possibilità buona. Non hanno bisogno di una droga che li stordisca e li affondi sempre di più nel fango da cui cercano di tirarsi fuori. Ne vediamo molti, che arrivano la mattina avendo già fumato il primo spinello: sono spenti, senza motivazioni, assenti…

Qualcuno gli ha fatto credere che il massimo che possono aspettarsi dalla vita è lo sballo, e lo cercano nello spinello o in sostanze più pesanti. Ma è una menzogna dietro cui si nasconde il desiderio più vero di ogni ragazzo: trovare qualcuno che li accompagni ad affrontare la vita e a godersela senza bisogno di fughe in benesseri creati artificialmente.

Lo ha detto benissimo la stessa mamma del ragazzo di Lavagna parlando ieri ai coetanei di suo figlio: “C’è qualcuno che vi vuole soffocare facendovi credere che sia normale fumare una canna, normale farlo fino a sballarvi. Diventate piuttosto veri protagonisti della vostra vita”.

Ma per questo c’è bisogno di amici e adulti che aiutino i ragazzi a guardare in faccia la realtà (e anche una ispezione può aiutare a farlo), a guardare in faccia il loro desiderio; amici e adulti che gli diano la possibilità di rialzarsi dopo un errore. La fondatrice della nostra scuola diceva: “Questi ragazzi meritano di più, c’è da fargli provare di più la bellezza della vita”.

È questo che si meritano i nostri ragazzi; non una scorciatoia che li stordisca, e nemmeno la complicità mortale di una droga liberalizzata che li renderebbe ancora più schiavi.

I responsabili di Cooperativa Sociale In-Presa
Davide Bartesaghi, Carla Garbelli, Chiara Frigeni, Evelina Cattaneo, Antonia Viganò, Caterina Cesana, Francesca Quattrocchi, Ian Farina

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
Sulle tracce di Cristo - Viaggio in Terrasanta con don Luigi Giussani

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nata dalla collaborazione con Toyota e sviluppata sulla base della piattaforma modulare EMP2 del Gruppo francese PSA, la monovolume Citroën SpaceTourer è in grado di ospitare sino a 9 persone complice la disponibilità di tre taglie – come le magliette – del corpo vettura. Tanta duttilità viene ora rafforzata dal debutto, in occasione del Salone […]

L'articolo Citroën SpaceTourer 4×4 Ë: spazio al fuoristrada proviene da RED Live.

Cilindrata inusuale, propulsore fuori dagli schemi: 5 cilindri in linea, 20V, 2.480 cc, distribuzione a doppio albero a camme in testa con variatori di fase a regolazione idraulica, iniezione diretta della benzina e sovralimentazione mediante turbocompressore a gas di scarico in grado di raggiungere una pressione massima di 1,2 bar. La nuova Audi RS3 Sportback è […]

L'articolo Audi RS3 Sportback scopre le zanne proviene da RED Live.

Arriverà a inizio autunno la nuova crossover Volvo XC40. Una vettura fondamentale nel processo di rilancio del marchio svedese messo in atto dalla cinese Geely. Concorrente diretta di Audi Q3, BMW X1 e Mercedes-Benz GLA, costituirà il punto d’approdo di un progetto globale, basato sull’inedita piattaforma CMA (Compact Modular Architecture) che consentirà di ospitare ogni […]

L'articolo Volvo XC40: la prima elettrica del marchio svedese proviene da RED Live.

La concept americana è la prima vettura elettrica a guida autonoma del Gruppo Fiat-Chrysler. Lo smartphone assume un ruolo dominante nella gestione dell’auto. Portata all’estremo la personalizzazione dei servizi a bordo.

L'articolo Chrysler Portal: immagina il futuro proviene da RED Live.

Il racing game di Slightly Mad Studios torna a rombare su console e PC con oltre 170 auto, 60 tracciati, meteo dinamico e nuove funzionalità.

L'articolo Project CARS 2: una marcia in più! proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana