Google+

La Danimarca tassa i dolci. E i danesi golosi diventano contrabbandieri

novembre 13, 2012 Elisabetta Longo

Il balzello sui grassi diventa un boomerang: gli abitanti si recano in Germania per far scorte di provviste e le aziende soffrono il calo dei consumi

La Danimarca, noto stato illuminato e ecologista, nell’ottobre del 2011 ha deciso di tassare i grassi saturi, per cercare di deviare l’alimentazione dei cittadini danesi verso qualcosa considerato più sano. Tutto quello che contiene più del 2,3 per cento di grassi saturi ha subito un aumento di prezzo; sono stati tassati i latticini, la carne, i prodotti alimentari lavorati come biscotti, merendine e quant’altro. La tassa è stata approvata dalla maggioranza, ma il Washington Post sottolinea come il governo danese si stia pentendo di questa mossa salutista.

CONTRABBANDO DI DOLCI. Pare, infatti, che i danesi oltrepassino la frontiera come moderni contrabbandieri per recarsi in Germania e fare incontrollate scorte di dolci. Che la Danimarca debba introdurre guardie ai confini per controllare le refurtive nei portabagagli? Quest’imposta sta davvero colpendo l’economia danese, tanto che l’organizzazione che riunisce i lavoratori del settore alimentare ha denunciato che, a fine anno, saranno tagliati 1300 posti di lavoro nella produzione dei cibi “incriminati”.
Anche da un punto di vista dei risultati sulla salute c’è qualcosa da registrare: il 47 per cento dei danesi è in sovrappeso e il 13 per cento è obeso. Insomma, sembrano rimanere solo un auspicio le parole del ministro della salute che ha proposto la tassa, Axel Jacob Nielsen: «Tasse più alte per zucchero, grassi e tabacco sono passi importanti per una maggiore aspettativa di vita media, al di sotto dei 79 anni europei».

ALTRI STATI. Se a New York il sindaco Bloomberg ha vietato la vendita di bibite in formato extralarge, anche in Europa ci si sta attrezzando. In Francia è stato messo al bando l’olio di palma, l’Inghilterra sta pensando di introdurre un sovrapprezzo per i cibi grassi, mentre l’Ungheria la applica già da tempo.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download