Google+

La Corte Suprema americana difende ancora la libertà religiosa: il Wheaton College non deve pagare l’aborto ai dipendenti

luglio 8, 2014 Benedetta Frigerio

La sentenza temporanea è arrivata a tre giorni da quella definitiva a favore della catena di negozi Hobby Lobby, che pur essendo un ente for profit potrà fare obiezione di coscienza

america-wheaton-college-obama“Per Cristo e il suo Regno”. È il motto di studenti, docenti e personale del College di Wheaton, che hanno festeggiato insieme a chi da due anni si batte per il rispetto del primo emendamento della Costituzione americana. Il 3 luglio scorso la Corte Suprema degli Stati Uniti si è pronunciata a favore della libertà religiosa del College evangelico dell’Illinois contro il cosiddetto “Obama mandate”, la norma inserita nella riforma sanitaria ideata dal presidente Barack Obama che costringe anche gli enti religiosi a pagare per la contraccezione e l’aborto dei propri dipendenti. L’esenzione temporanea è arrivata tre giorni dopo la sentenza definitiva della Corte Suprema a favore della catena di negozi Hobby Lobby, che, pur essendo un ente for profit, potrà fare obiezione di coscienza.

NIENTE CONTRACCEZIONE. «Non è necessario che sia utilizzata la forma prescritta dal governo», hanno stabilito giovedì i giudici in via temporanea in attesa di ascoltare più argomenti e decidere in via definitiva, sottolineando che non si possono «far valere le disposizioni inserite nella legge (…) e i relativi regolamenti fino alla decisione finale sul ricorso in appello». Per ora, dunque, il Wheaton College potrà continuare a rifiutarsi di pagare piani assicurativi inclusivi di aborto e contraccezione, senza dover pagare multe milionarie. La Corte Suprema ha usato le stesse argomentazioni che hanno portato all’esenzione definitiva delle aziende for profit, spiegando che «la presente ordinanza provvisoria non vieta ai lavoratori e agli studenti della ricorrente di ottenere, senza spese, l’intera gamma di contraccettivi approvati dalla Food and drug administration».

«PROTETTA LA LIBERTÀ RELIGIOSA». «La Corte ha giustamente riconosciuto che la comunità religiosa del Wheaton College deve poter praticare liberamente la propria fede», ha dichiarato Mark Rienzi, avvocato difensore del college. Ma la decisione riguarda anche gli altri 122 enti non profit che hanno denunciato il governo. Attaccando la scelta dei suoi colleghi, Sonia Sotomayor, fra i tre giudici su nove che hanno votato contro l’esenzione, ha sottolineato che «non sono assolutamente d’accordo», dato che «l’ingiunzione emessa in questo caso darà presumibilmente il diritto di obiezione ad altri centinaia o migliaia di enti».
Philip Ryken, presidente del Wheaton College, ha tirato un sospiro di sollievo: «Siamo grati a Dio che la Corte Suprema abbia preso una decisione saggia nel proteggere la nostra libertà religiosa, almeno fino a quando il nostro caso non sarà risolto definitivamente. Continuiamo a credere che una comunità che afferma la sacralità della vita umana dalla culla fino alla tomba non dovrebbe mai essere costretta dal governo a facilitare l’accesso all’aborto».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Ale says:

    Gli USA sono un Paese zeppo di contrasti. Nel North Carolina hanno introdotto regole per il voto nelle elezioni che di fatto limitano gli afroamericani. La Corte Suprema e’ composta da gente di destra, repubblicana che non regalerebbe un centesimo ad alcuno se deve essere tolto di tasca a gente ricca. Infatti non si sono battuti solo contro l’Aborto ma contro la riforma sanitaria che imponeva loro di pagare anche i preservativi.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi