Google+

La Chiesa in Eritrea «dissanguata» da emigrazione e servizio militare

novembre 30, 2012 Redazione

Aiuto alla Chiesa che soffre racconta la situazione della Chiesa in Eritrea dove, a causa «dell’altissimo numero di eritrei sotto le armi è ormai impossibile formare nuovi sacerdoti».

(tratto da ZENIT.org) – «“Se rimani, sei stupido”. Nessuna frase è più appropriata per descrivere una visione largamente condivisa qui in Eritrea». È quanto dichiara ad Aiuto alla Chiesa che Soffre una voce interna alla Chiesa cattolica eritrea, che per motivi di sicurezza preferisce rimanere anonima. Sono più di un milione gli eritrei emigrati negli ultimi anni e la maggior parte dei 5.2 milioni rimasti desidererebbe seguirli. «Quasi tutti i nostri ragazzi progettano di andare a vivere all’estero». Il massiccio esodo ha ovviamente gravi ripercussioni sulla forza lavoro del Paese, dove è quasi impossibile trovare manodopera qualificata. E a questo si unisce l’obbligo di leva, che a causa del perenne stato di guerra con l’Etiopia, prevede la firma illimitata.

«IMPOSSIBILE FORMARE NUOVI SACERDOTI». «In realtà il governo ingigantisce il pericolo di un conflitto – continua la fonte – servendosene come scusa per non congedare i giovani al termine del servizio militare. Alcuni sono nell’esercito da ben sedici anni». La situazione drammatica influisce pesantemente sull’operato della Chiesa, «dissanguata» delle sue forze. «L’altissimo numero di eritrei sotto le armi rende ormai impossibile prestare servizio nelle parrocchie o formare nuovi sacerdoti».

SERVIZIO CIVILE PER I PRETI. Come evidenziato dal Rapporto 2012 sulla libertà religiosa nel mondo di Aiuto alla Chiesa che Soffre, in Eritrea il personale religioso non può esimersi dagli obblighi di leva. Ai sacerdoti e ai seminaristi cattolici è concessa la possibilità di sostituire il servizio militare con un anno di servizio civile, ma sono in molti ad essere trattenuti oltre il termine previsto. Nel 2011 solo la ferma opposizione della Chiesa e la pressione diplomatica esercitata da alcuni Paesi – fra cui l’Italia – hanno impedito ad Asmara di chiamare sotto le armi seminaristi, parroci, religiosi e religiose cattolici sotto i 30 anni.

«CI VOGLIONO NELLE SACRESTIE». La fonte anonima denuncia inoltre ad Acs gli ostacoli incontrati quotidianamente dalla Chiesa cattolica nel portare avanti il suo lavoro pastorale e caritativo. In Eritrea i cristiani – in maggioranza ortodossi – rappresentano il 47,3% della popolazione, i musulmani il 49,2%. I cattolici sono appena il 4%, ma l’opera della Chiesa è come sempre rivolta a tutti. «Il governo invece tenta di confinarci nelle sacrestie».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana