Google+

La Chiesa in Eritrea «dissanguata» da emigrazione e servizio militare

novembre 30, 2012 Redazione

Aiuto alla Chiesa che soffre racconta la situazione della Chiesa in Eritrea dove, a causa «dell’altissimo numero di eritrei sotto le armi è ormai impossibile formare nuovi sacerdoti».

(tratto da ZENIT.org) – «“Se rimani, sei stupido”. Nessuna frase è più appropriata per descrivere una visione largamente condivisa qui in Eritrea». È quanto dichiara ad Aiuto alla Chiesa che Soffre una voce interna alla Chiesa cattolica eritrea, che per motivi di sicurezza preferisce rimanere anonima. Sono più di un milione gli eritrei emigrati negli ultimi anni e la maggior parte dei 5.2 milioni rimasti desidererebbe seguirli. «Quasi tutti i nostri ragazzi progettano di andare a vivere all’estero». Il massiccio esodo ha ovviamente gravi ripercussioni sulla forza lavoro del Paese, dove è quasi impossibile trovare manodopera qualificata. E a questo si unisce l’obbligo di leva, che a causa del perenne stato di guerra con l’Etiopia, prevede la firma illimitata.

«IMPOSSIBILE FORMARE NUOVI SACERDOTI». «In realtà il governo ingigantisce il pericolo di un conflitto – continua la fonte – servendosene come scusa per non congedare i giovani al termine del servizio militare. Alcuni sono nell’esercito da ben sedici anni». La situazione drammatica influisce pesantemente sull’operato della Chiesa, «dissanguata» delle sue forze. «L’altissimo numero di eritrei sotto le armi rende ormai impossibile prestare servizio nelle parrocchie o formare nuovi sacerdoti».

SERVIZIO CIVILE PER I PRETI. Come evidenziato dal Rapporto 2012 sulla libertà religiosa nel mondo di Aiuto alla Chiesa che Soffre, in Eritrea il personale religioso non può esimersi dagli obblighi di leva. Ai sacerdoti e ai seminaristi cattolici è concessa la possibilità di sostituire il servizio militare con un anno di servizio civile, ma sono in molti ad essere trattenuti oltre il termine previsto. Nel 2011 solo la ferma opposizione della Chiesa e la pressione diplomatica esercitata da alcuni Paesi – fra cui l’Italia – hanno impedito ad Asmara di chiamare sotto le armi seminaristi, parroci, religiosi e religiose cattolici sotto i 30 anni.

«CI VOGLIONO NELLE SACRESTIE». La fonte anonima denuncia inoltre ad Acs gli ostacoli incontrati quotidianamente dalla Chiesa cattolica nel portare avanti il suo lavoro pastorale e caritativo. In Eritrea i cristiani – in maggioranza ortodossi – rappresentano il 47,3% della popolazione, i musulmani il 49,2%. I cattolici sono appena il 4%, ma l’opera della Chiesa è come sempre rivolta a tutti. «Il governo invece tenta di confinarci nelle sacrestie».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download