Google+

La Cdl muore. Tramonta la rivoluzione liberale proprio mentre il paese ne avrebbe più bisogno

gennaio 9, 2012 A Cura Del Clu

La Casa delle Libertà si sta decomponendo, inutile girarci intorno. E non sarà certo una piazza numerosa a invertire il trend. E neppure gli epinici settimanali che Baget Bozzo dall’altare di questa pagina eleva a Berlusconi. Le cause della decomposizione sono profonde. La vittoria del 2001 annunciava un periodo di liberalizzazioni, di destatalizzazione dell’economia, della […]

La Casa delle Libertà si sta decomponendo, inutile girarci intorno. E non sarà certo una piazza numerosa a invertire il trend. E neppure gli epinici settimanali che Baget Bozzo dall’altare di questa pagina eleva a Berlusconi. Le cause della decomposizione sono profonde. La vittoria del 2001 annunciava un periodo di liberalizzazioni, di destatalizzazione dell’economia, della società e dell’amministrazione pubblica: una rivoluzione liberale dura, alla Thatcher, o più dolce, alla Tony Blair. I riformisti di questo paese si attendevano un ridimensionamento dell’enorme potere che il sindacato esercita sul mercato del lavoro privato e pubblico e su istituzioni quali la scuola.
Restano la legge Biagi e la legge Moratti. La prima ha incominciato a radicarsi nel tessuto sociale e amministrativo, la seconda è arrivata tardi e male: con qualche colpo ben assestato di cacciavite l’intero meccano si è sfaldato. Restano lampi di una nuova cultura politica e poco altro. La riforma del ciclo secondario, vulgo della scuola media superiore, è rimasta al palo. Perché tanto fallimento? Intanto, la coalizione era molto eterogenea. C’erano ex dc, ex socialisti ed ex missini riformisti e liberali, dispersi sotto le varie sigle. Ma anche una forte minoranza di conservatori e statalisti, soprattutto tra gli ex dc e tra gli ex missini. Quanto alla Lega, era ed è rimasta conservatrice e populista nelle politiche sociali, liberal-federalista nelle politiche istituzionali. Tutte le coalizioni sono eterogenee per natura. Ma lo stile di direzione politica di Berlusconi e della sua classe dirigente è stato debole, oscillante e doroteo, innanzitutto sul piano culturale e programmatico, incapace di visione e di sintesi. I partiti della coalizione, ben lungi dall’essere strumenti di radicamento sociale, di battaglia culturale e di selezione della nuova classe dirigente, hanno funzionato come protesi artificiale dei leader. Né si vede al momento una capacità di fare un bilancio critico.
Dare la colpa dell’insuccesso alla rete corporativa dei poteri forti e all’inviluppo di procedure e leggi è patetico, una scarsa consolazione per coloro che avevano votato Cdl proprio per spezzare quella rete. Il paese ha un drammatico bisogno di rivoluzione liberale. Il turbinio e la moltiplicazione delle sigle politiche a destra e a sinistra continua a non rispondere a questa domanda. La politica si parla addosso. Il paese se ne allontana: il che è male per il paese e per la politica.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Permette di registrare tragitti, monitorare lo stato del manto stradale, analizzare e condividere con altri appassionati informazioni e dati. Si scarica gratuitamente da Apple Store e Google Play

L'articolo Sicurezza in moto? Arriva Moto App proviene da RED Live.

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.