Google+

La battaglia contro l’utero in affitto non si ferma

novembre 24, 2016 Francesca Romana Poleggi

Conferenza stampa organizzata in Senato dall’associazione ProVita. Giovanardi ha elencato «i miserabili sette imbrogli del Governo» con la legge Cirinnà

utero-affitto-maternita-surrogata-shutterstock_214083580

«L’utero in affitto è una pratica definita da tutti, a livello europeo e internazionale, ignominiosa», ha detto il senatore Carlo Giovanardi durante la conferenza stampa organizzata questa mattina dall’Associazione ProVita onlus, con il senatore Lucio Malan, a Palazzo Madama. «Ma alle parole di condanna non seguono i fatti», ha aggiunto. Infatti, nella pratica si sta cercando di legittimare il mercimonio di donne e bambini: anzitutto attraverso le sentenze «pirotecniche» – le ha definite così la senatrice Maria Rizzotti – della magistratura; poi attraverso la pubblicità che i media danno ai noti personaggi – tra cui anche un senatore della Repubblica – che comprano bambini in America, e infine attraverso l’azione surrettizia del Governo.

Giovanardi ha elencato «i miserabili sette imbrogli del Governo», perpetrati in occasione dell’approvazione della legge sulle unioni civili: promesse non mantenute, delegittimazione delle Sezioni Unite della Suprema Corte, finto stralcio della stepchild adoption dalla legge Cirinnà, provvedimenti attuativi che impongono ideologicamente un’equiparazione sostanziale delle unioni civili al matrimonio… l’intento di legalizzare le adozioni gay e l’utero in affitto è evidente.

ProVita aveva già tentato, in un’altra conferenza stampa tenuta lo scorso 4 ottobre, di compattare un fronte trasversale che agisse concretamente in Parlamento per far valere la legge penale che attualmente vieta la pratica. Non è stato possibile: solo i senatori dell’opposizione hanno mostrato di voler far seguire alle parole i fatti, ha spiegato il presidente di ProVita Toni Brandi. Che ha poi ricordato che il 6 ottobre 2015 aveva presentato, inutilmente, una denuncia circostanziata alla Procura della Repubblica contro un’agenzia che a Milano, in pieno centro città, vendeva bambini e gameti, con tanto di listino prezzi.

Un anno dopo, pochi giorni fa, il senatore Malan ha presentato un’interrogazione al ministro della Giustizia in cui «si chiede di sapere se il Ministro in indirizzo sia a conoscenza dei fatti illustrati e se non ritenga opportuno attivare i propri poteri ispettivi per verificare il corretto funzionamento del citato ufficio giudiziario, in merito a quella che all’interrogante pare un’evidente inerzia rispetto alle notizie di reato ampiamente documentate».

Allora Malan ha presentato la seconda iniziativa intrapresa. Stanno elaborando un disegno di legge che specifica in modo chiaro ed inequivocabile il divieto di adozione da parte di single e di coppie omosessuali (anche nella forma della stepchild adoption), aggiungendo un art.44 bis alla legge 184/1983. La proposta prevede inoltre di modificare gli artt.600 bis, quinquies e 601 del codice penale, nonché la legge n.75 del 1958 (la legge Merlin) in modo da estendere le pene già previste per la riduzione in schiavitù, il turismo sessuale, lo sfruttamento sessuale di donne e bambini e il favoreggiamento della prostituzione a chi pratica promuove o favorisce l’utero in affitto e il commercio dei gameti. Il disegno di legge prevede inoltre di vietare all’anagrafe qualsiasi forma di registrazione di due “genitori” dello stesso sesso, nonché la responsabilità penale per istigazione di reato del pubblico ufficiale che ordini tale registrazione. Infine, si ribadisce il divieto di procreazione artificiale e utero in affitto per tutti i residenti in Italia, anche se la pratica fosse realizzata all’estero.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana