Google+

La bambina che avrà (per sentenza) tre genitori: due lesbiche e un gay

febbraio 11, 2013 Benedetta Frigerio

Un donatore omosessuale rivendica il suo «desiderio di paternità». Così la piccola avrà un padre gay, una madre biologica lesbica e una seconda madre adottiva lesbica

«Avere tre genitori è addirittura meglio». Questa la convinzione che ha portato un uomo a chiedere di essere il terzo genitore di una bambina di 23 mesi figlia di due lesbiche residenti negli Stati Uniti.
La storia comincia quando due donne italo-americane, Maria Italiano, di 42 anni e Cher Filippazzo, di 37, sposate legalmente nello Stato americano del Connecticut si rivolgono a Massimiliano Gerina, trentacinquenne italiano gay residente a Miami, per chiedergli di diventare il donatore di seme e avere così un figlio tramite fecondazione assistita. La legge della Florida vieta ogni diritto di paternità al donatore, ma Gerina si è rivolto a una corte distrettuale di Miami per rivendicare il suo diritto di paternità. Sì perché, racconta l’uomo, «quando ho visto questa pargoletta correre è stata un’esplosione di emozioni». Questo grande trasporto emotivo, ha spiegato Gerina, si è amplificato nel pensare a suo padre che se ne era andato di casa quando lui aveva 9 anni: «Non voglio fare i suoi stessi errori», ha dichiarato. E non importa se la piccola avrà un padre omosessuale, una madre biologica lesbica (chiamata per legge “genitore 1”) e una seconda madre adottiva lesbica (chiamata per legge “genitore 2”).

DESIDERIO. A valere è «il mio desiderio di paternità», ha dichiarato. L’uomo vorrebbe avere altri figli, magari con un altro compagno se «troverò la persona giusta». Perché quello che conta, a stare a sentire Gerina, non è innanzitutto il bene del bambino, ma «quello che conta è se sono amati».

LA SENTENZA. Ad essere particolare è l’iter giudiziario della vicenda. La denuncia dell’uomo è partita nel 2011 subito dopo la nascita della piccola, nata il 10 marzo di quell’anno. Il processo avrebbe avuto inizio il 31 gennaio, ma stranamente le due donne hanno cambiato repentinamente idea. Hanno deciso di ritrattare, di non far decidere al giudice ma di accordarsi con Gerina, stipulando un contratto giuridico mai visto prima a cui il giudice ha dovuto solo apporre una firma. Così, per la prima volta, una bambina avrà tre genitori: le due “mamme” avranno la potestà sulla piccola, mentre l’uomo potrà visitarla due volte la settimana a casa loro. Ma perché la necessità di legalizzare questo status creando un precedente quando, come dichiara l’uomo, «la vedo già tutti i giorni e stiamo progettando le vacanze in Sardegna tutti insieme»?

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

41 Commenti

  1. ErikaT scrive:

    Tutte e tre le figure sono importanti. I genitori biologici ma anche la compagna della madre.

    • pius scrive:

      sei proprio berlusconiana. usate la testa allo stesso modo. quanto ti paga? sei la sua autrice per tutte le cazzate che sta sparando? tutti dovrebbero avere tre genitori. facciamo una petizione. chi non vorrobbe due mamme lessbiche e un padre gay. sentiamo la mancanza di figure carismatiche come stalin e hitler. però siamo sulla buona strada. ma uno zio tossicodipendente non lo procuriamo?!

    • Quercia scrive:

      Al giorno d’oggi i lobbisti lgbt che passano la loro giornate nei forum in internet quando gli si faceva notare che se si accettano i matrimoni gay non c’è motivo per escludere quelli poligamici o incestuosi facevano gli offesi e dicevano che erano pseudo-argomenti, provocazioni dettate da odio omofobo ecc ecc. Lo stesso succede nei maggiori parlamenti europei (es. francia e inghilterra).

      Tanto per farvi un esempio guardate cosa scriveva erika 20 giorni fa e cosa dice oggi

      http://www.tempi.it/tutti-i-ponti-di-francia-gridano-no-al-matrimonio-gay-link-urlhttpwww-tempi-itfotogallerytutti-gli-striscioni-sui-ponti-di-parigi-uqkv7epudiafotolink#.URpDxPJWLh4

      il 30gennaio “la poligamia non è un diritto per nessuno in Italia! Esiste solo la monogamia e di qui nasce la discriminazione !!!!” oggi 12 febbraio “Sinceramente a me non importa nulla del sesso dei genitori o se siano 1, 2 o 3 , mi importa che siano bravi e sensibili.”

      • ErikaT scrive:

        1) Ho solo affermato una verità, al momento attuale in Italia la poligamia non è riconosciuta come diritto per nessuno, è riconosciuta solo la monogamia, questo è un dato di fatto, non capisco quindi la sua osservazione.
        2) Nel caso in questione in questo articolo non c’è nessuna poligamia nè nei fatti nè a livello legale. Nei fatti c’è una coppia lesbica ( 2 persone ) e un ragazzo ma da quanto mi pare di capire non ci sono relazioni fra il ragazzo e le due donne, quindi non c’è nessuna poligamia. Inoltre non c’è un matrimonio fra le due donne e l’ uomo e non credo proprio che lo vorrebbero dal momento che le due donne sono una coppia a sè e l’ uomo da quanto capisco è gay.
        Quindi cosa va dicendo???

    • Bruno scrive:

      Chissà, magari anche il salumiere che ha il negozio sotto casa della bimba è affezionato a lei!

  2. Bruno scrive:

    Come diceva Goya, “Il sonno della ragione genera mostri”.

    • ErikaT scrive:

      è vero, soprattutto il sonno della ragione di chi discrimina.

      • Pius scrive:

        basta con questo vittimismo. siete patetici. gli omosessuali seri chiedono cose ragionevoli ma soprattutto, davanti all’abominio di cose simili a quelle dell’articolo, si vergognano di esponenti dell’omosessualità come te EricaT. sei ridicola. di fronte alla catastrofe ideologicamente continui per la tua strada. ecco stalin. ecco hitler. nulla da imparare da loro. sei già come loro. VERGOGNA!!!
        p.s. di mezzo c’è la vita e la salute mentale di un bambino. ma a quelli come te non gliene fotte nulla…chiaro!!!

        • ruggero scrive:

          D’accordo con il lettore Pius,la cultura nichilista ci sta portando verso il baratro, chi dice il contrario vive nel mondo dei sogni, e non facciamo esperimenti idioti sulla pelle dei ragazzini!

        • ErikaT scrive:

          Occorre ricordare che le offese non sono argomentazioni e che :
          L’ American Psychiatric Association
          L’ American Psychological Association
          L’ American Academy of Pediatrics
          non sono contrarie alle adozioni per le coppie dello stesso sesso

          Saluti!

          • ruggero scrive:

            Invece mio nonno e’ contrario, alle adozioni da parte delle coppie gay, pensa un po’!

          • Su Connottu scrive:

            Occorre ricordare che:
            L’ American Psychiatric Association
            L’ American Psychological Association
            L’ American Academy of Pediatrics

            non sono contrarie a:
            adozione di bambini da parte di altri bambini
            adozione di adolescenti maschi da parte di volpi maculate
            adozione di gemelli da parte di ferri da stiro

            Erika,
            tu pensi che qui qualcuno abbia l’anello al naso ma ti devo dare una brutta notizia:
            a furia di propinare puttanate Google ti sta indicizzando come cazzara del mese.
            E dammi atto che sto rispettando la tua identità di genere.

            • ErikaT scrive:

              Lei non porta nessuna argomentazione, denigrare me non è un’ argomentazione.
              Se le dà fastidio che le associazioni che ho citato non sono contro le adozioni per coppie dello stesso sesso non è un buon motivo per offendermi.

      • Enrico scrive:

        Erika mi sei simpatica, davvero. Ma non ne azzecchi una. Ciao

        • ErikaT scrive:

          Leggi sopra i nomi delle grandi associazioni americane di psichiatri, psicologi e pediatri che non sono contrarie alle adozioni per le coppie dello stesso sesso.
          E poi io non ne azzeccherei una?? :-)

          • Bruno scrive:

            Al tempo di Galileo tutti gli altri scenziati dicevano che il sole girava intorno alla terra.

          • francesco scrive:

            …le stesse associazioni che hanno reso gli Americani un branco di psicofarmaci-dipendenti.

            • Su Connottu scrive:

              Per esempio drogando i bambini col Ritalin

              • Su Connottu scrive:

                Ecco l’autorevolezza delle associazioni che non si oppongono alle adozioni gay:

                “10/01/2001

                Pediatricians approve Ritalin treatment plan
                By Marilyn Elias, USA TODAY

                The American Academy of Pediatrics (AAP) today endorsed the use of Ritalin and other stimulants on children with attention deficit/hyperactivity disorder (ADHD), so long as there are clear treatment goals and the kids are carefully monitored.
                It’s the first time the nation’s pediatricians have weighed in with guidelines on how to treat ADHD. “Our doctors have been clamoring for guidance on this,” says Harvard Medical School pediatrician James Perrin, co-chair of the panel issuing the new policy.
                Last year, the group advised doctors to diagnose the disorder only by using the DSM-IV, a precise summary of behaviors developed by the American Psychiatric Association to identify ADHD. …”

                Ci hanno messo più di 10 anni per capire il disastro, e nel frattempo hanno intossicato un’intera generazione.
                E questi bastardi adesso ci vogliono vendere che non sono contrari alle adozioni di coppie omosessuali. Ma che si fottano.

                • ErikaT scrive:

                  Sbaglio o la Spagna e la Finlandia hanno ritirato l’ Aulin dal commercio? Come mai l’ Italia no??? Sbaglio o ci sono persone che sono state costrette a trapianto di fegato per grave insufficienza epatica mentre erano sotto Aulin ? Quindi secondo il suo ragionamento la Spagna è avanti a noi? E la Spagna ha sia i matrimoni sia le adozioni per coppie dello stesso sesso!
                  Questo per dirle che ci sono vari casi nel mondo di farmaci ritirati dal commercio e la cosa non c’entra proprio nulla con le adozioni per coppie dello stesso sesso, trovi altri argomenti.

                  • Su Connottu scrive:

                    L’aulin le ha dato alla testa. E infatti non ha capito un tubo di quanto ho scritto.
                    Cosa c’entra la tossicità di un farmaco? Il ritalin non è stato ritirato dal commercio perchè tossico. Il ritalin è parte dell’approccio terapeutico con cui le associazioni mediche da lei tirate in ballo hanno considerato e considerano i minori dei minorati, da curare.
                    Ovviamente, chi tratta i bimbi come oggetti quando fanno i capricci, che scrupolo può avere nell’affidarli a coppie o gruppi di persone con gravi problemi di accettazione della propria identità? Nessuno.
                    Cosa vuole che gliene freghi a quel gruppo di psicologi, dopo che hanno acconsentito a un’intossicazionme epidemica?
                    A questi aspiranti nazistelli non affiderei nemmeno un cane.
                    Per la cronaca dell’aulin, da lei citata a sproposito (come quasi tutte le sue argomentazioni): nel 2002 la Spagna era governata da Aznar, contrario ai matrimoni gay e ad altre aberrazioni. In quel momento la Spagna era in un periodo relativamente felice, al passo col resto d’Europa e ancora lontana dai disastri in cui è stat precipitata dallo zapaterismo.
                    Erika, si trovi altre argomentazioni.

                • ErikaT scrive:

                  I pediatri italiani cosa dicono dell’ aulin???

                  • Su Connottu scrive:

                    Quello che direbbe qualunque medico. Tutti i farmaci sono tossici.
                    Qualunque farmaco, per essere utilizzabile, deve apportare un beneficio maggiore rispetto agli effetti della sua tossicità.
                    Questo rapporto costituisce una soglia che non è uguale ovunque.
                    Anche perchè le indicazioni terapeutiche, i dosaggi e le posologie possono far variare gli effetti in modo drammatico.
                    Ma nessun pediatra italiano, a livello di categoria, ha sinora affermato che se un bambino piange con insistenza va drogato.
                    Se li scelga meglio i suoi sponsor americani, prima di venire qui a fare figure di m.

          • ruggero scrive:

            erika, allora per te il parere di mio nonno turco non conta niente, sei razzista?

  3. Daniela Perrone scrive:

    La coppia (omo) è diventata una troppia. Forse c’è un po’ di confusione…o no?

    • Bruno scrive:

      Lo chiamerei tris.
      A seguire arriveranno la doppiacoppia, il full, la scala, il poker, colore e scala reale.

  4. Filarete scrive:

    Questi maiali vanno presi, portati in un campo di rieducazione e curati in modo da guarirli definitivamente dalla loro aberrazione, anceh con l’uso della forza.
    Pene durissime per chi permette che dei poveri bambini siano in mano di questi mostri abominevoli.

    • ErikaT scrive:

      I nazisti mandavano gli omosessuali nei campi di sterminio, lo sa?

      • Pius scrive:

        si può essere nazista in molti modi. e ritengo che la vita con tre genitori (per precisare: 2 lesbiche e un gay) sia una pena non troppo lontana a quella dei lager tedeschi. anzi le persone internate sapevano perchè erano lì. per l’odio di altre persone. quel bambino invece dovrà sapere invece un giorno che è cresciuto in quelle condizioni per l’egoismo di 3 stronzi che volevano a tutti i costi un bambino. ma non potevano comprarsi un cane, invece?

  5. Bruno scrive:

    Pare che il cane dell’uomo si senta discriminato e sia intenzionato a fare ricorso perchè non è stata riconosciuta la sua potestà genitoriale sulla bimba.

    • ErikaT scrive:

      Informazione di servizio: gli esseri umani non sono cani.

      • Bruno scrive:

        Discrimini?

        • sindar scrive:

          “gli esseri umani non sono cani”

          Razzista. Il mio cane ha molto più buon senso di te.

          • Pius scrive:

            @EricaT: ti stai attaccando ad alcune dichiarazioni di autorità che hanno fatto nella storia della medicina cazzate enormi. non guardare solo l’1% delle cose. guarda l’intero complesso. su questo, ripeto, sei veramente berlusconiana. ti attacchi a delle cazzate…berlusconi dice: tra il 5 e l’8 gennaio il pil dell’italia ha superato quello della germania. ti sembra un dato certo? forse lo è. ma quindi possiamo dire che stiamo meglio della germania? allo stesso modo riporti una affermazioni di un’autorità che ha rovinato intere famiglie. se un medico sbaglia una diagnosi su un’unghia incallita solo un pazzo tornerebbe dallo stesso per un tumore. ma forte gente come te, ideologizzate, sarebbe capace. e poi, come RUGGERO, anche io ho parenti stranieri. RAZZISTA HITLERIANA.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana