Google+

La Apple ha così tanti soldi da potersi comprare Eni, Deutsche Bank o tutto il Qatar

febbraio 6, 2012 Redazione

Nelle casseforti delle grandi corporation americane c’è tanto cash da poter acquistare il Canada. La Apple, con i suoi 97,6 miliardi di dollari, potrebbe comprare l’Eni, l’intero emirato del Qatar o qualche banca. Obama dovrebbe esserne contento, peccato che a causa delle tasse molto alte 64 di questi miliardi la Apple li tenga in banche estere.

Nelle casse delle grandi corporation statunitensi ci sono oltre 1.700 miliardi di dollari. Con una cifra simile, le aziende americane sarebbero in grado di pareggiare l’intera economia di un paese come il Canada, scrive il Corriere economia. Questi dati, pur elevatissimi, non riescono a far sorridere il presidente degli States Barack Obama. Questa liquidità, infatti, non viene reinvestita, ma macera nelle casseforti, senza creare posti di lavoro che possano arginare la difficile situazione economica. Inoltre, i capitali guadagnati all’estero spesso non sono importati in patria, a causa del pesante ostruzionismo delle tasse americane sui redditi aziendali (pari al 35 per cento, peggio c’è solo il Giappone).

Tra queste enormi società, la sola Apple ha una liquidità che si aggira sui 97,6 miliardi di dollari. Per intenderci, potrebbe comprarsi l’intero emirato arabo del Qatar, che ha un Pil di 98 miliardi. Oppure, potrebbe rilevare due banche come Ubs e Deutsche Bank (rispettivamente 51,43 e 38,34 miliardi di dollari). Se volesse essere più filantropica, la Apple potrebbe assorbire l’intero debito pubblico delle Filippine. Altrimenti, potrebbe buttarsi a capofitto nel mercato energetico italiano comprando l’Eni (valutata 80 miliardi di dollari).

Dell’intero patrimonio della ditta co-fondata da Steve Jobs, ben 64 miliardi stagnano nelle banche estere. Importarli sarebbe, di fatto, sconveniente. Il pensatoio conservatore Heritage foundation sta pensando una riforma generale del sistema di tassazione delle aziende per incentivare gli investimenti in patria e, di conseguenza, il ritorno di capitali. Chissà cosa ne pensa Mario Monti.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.