Google+

L’irresponsabilità civile dei magistrati è incostituzionale, direbbe un magistrato

dicembre 8, 2013 Luigi Amicone

Se sono incostituzionali le leggi che hanno ripristinato il finanziamento pubblico ai partiti, abolito via referendum, allora lo sono anche quelle che hanno cancellato la responsabilità civile dei magistrati

«I 2,7 miliardi ai partiti sono incostituzionali». Questa sarebbe la notizia bomba con cui ha aperto la prima pagina il Fatto quotidiano sabato 30 novembre e sulla quale si sono buttati a pesce tutti i giornali sollevando un importante “dibbattito” e una coraggiosa “ddenuncia” alla Rizzo&Stella.

Fonte della “notizia bomba”? Il procuratore della Corte dei conti del Lazio, Raffale De Dominicis, che ha sollevato la questione di legittimità davanti alla Consulta contro vent’anni di leggi che hanno abusivamente ripristinato il finanziamento pubblico dei partiti cancellato dagli italiani con il referendum radicale del 1993.

Se questa è la ratio delle nostre corti e giornali, siano coerenti fino in fondo e, por favor de Constitucion y Estado italiano mediatico-judiciario de las bananas, sollecitino il procurator De Dominicis e los fattistas, y Stella, y Rizzo and Gabanellas, a sollevare la questione di legittimità davanti alla Consulta contro ventisei anni di leggi che hanno abusivamente ripristinato l’irresponsabilità civile dei magistrati cancellata dal referendum radicale del 1987.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. francesco taddei scrive:

    in questo paese gli ordini professionali sono così potenti che nessuno li può contrastare. se riforme ve ne saranno, ciò avverrà sotto dettatura di tali ordini. così dopo il referendum del 1987, così per la vendita dei farmaci. purtroppo solo lo scontro e una nuova costituzione porteranno a qualcosa. ma per adesso le truppe armate ce l’hanno solo loro.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana