Google+

L’incontro

dicembre 3, 2013 Marcella Manghi

Nascondino, la Yamaha R6 e l’ultimo bacio della mamma. Paradisiaco dialogo immaginario tra due bambini nell’era dell’eutanasia di Stato per i minori

– Ehi, tu, dove vai di fretta? Hai voglia di giocare?
– Non sono Tu: mi chiamo Armand. Va bene, giochiamo. Vuoi fare una partita a scacchi?
– Io sono Luc. Gli scacchi no… Facciamo qualcosa di più divertente. Tipo nascondino.
– Non ti piacciono gli scacchi o non sei capace?
– Ma no, è che sono rimasto sdraiato per tre anni. Ho voglia di correre.
– Cavolo, tre anni! Io no, solo otto-nove mesi credo. Comunque, se vuoi giocare a nascondino, dobbiamo trovare altri compagni.
– Ho visto qualche altro ragazzino laggiù. Andiamo verso, magari li becchiamo.
– Ma non è che mi stai prendendo in giro?
– E perché dovrei?
– Scusa, ma è che ci sono appena rimasto male per una bugia che mi hanno raccontato.
– E chi te l’ha detta?
– Mio papà. È successo tempo fa, quando ero a Liegi. Ma ho capito solo da poco che mentiva. È stato mentre ero in clinica da pochi giorni. A un certo punto, ha detto che non avrei mai più visto la mamma. E invece, me la sono trovata davanti proprio poco fa! Era bella come il giorno prima dell’incidente, nemmeno un graffio.
– Quando l’hai vista!?
– Quando?? Prima! Che ne so qui che ora è. Vuoi che cerchiamo la tua, Luc?
– No, secondo me non c’è qui. L’ultima volta che l’ho vista, però mi ha dato un bacio. Poi mi ha domandato se non volevo soffrire più. Diceva che bastava spegnere la macchinetta accanto. Tipo quando ti rasano i capelli cortissimi e tu non vedi l’ora che stacchino quella dannata corrente dal rasoio?? Mi capisci? Insomma, ho annuito col capo. Poi basta. Mi sono risvegliato qui tutto d’un tratto. Come un albero strappato dal vento.
– Anche a me hanno chiesto la stessa cosa. Io, lì per lì, speravo mi domandassero tutt’altro!
– Cosa volevi che ti chiedessero?
– Se volevo una moto! Solo che non potevo. Bisogna essere maggiorenni per guidarla…
– Però ti hanno dato il permesso di arrivare fin quassù da solo.
– Sì, infatti. Non l’ho mica capita questa. Potevo decidere di venirmene fin quassù da solo, ma sulla sella della moto, no e poi no…
– Ti capisco bene, Armand;  a me piace la Yamaha R6, ce l’hai in mente? Comunque, dai: qui è bellissimo! Secondo me, mia mamma – quando l’ho vista piangere l’ultima volta – mica immaginava che sarei capitato un posto così figo. Probabilmente, non ne sapeva proprio nulla. Lei penserà che adesso io non ci sia più, finito nel nulla. E invece, ci sono eccome!
– Dobbiamo dirglielo ai nostri genitori, secondo te Luc? Così cambiano un po’ posto per le vacanze. Mio padre ne avrebbe bisogno, di riposo intendo. A volte, mi pare di vederlo: stanco, confuso. Io sono vivo e lui pare morto. Non spegne più nemmeno la luce per dormire. Spero solo che col tempo non finisca anche lui come me.
– Vuoi dire morire in un incidente? Mah…, sarebbe molto difficile…
– No, io non sono stato ucciso dall’incidente. Ma dalla fine della speranza.
– Comunque non credo si riesca a tornare indietro da qui. Secondo me Armand, dobbiamo aspettare che arrivino loro. Hai ancora fretta?
– No, adesso non più.

Il Belgio sta per estendere l’eutanasia ai minori. Le commissioni competenti del Senato hanno adottato a larghissima maggioranza il testo di legge che consente  la morte volontaria anche ai bambini. I piccoli incurabili di qualsiasi età potranno scegliere – con l’accordo dei genitori – di mettere fine alla propria vita.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Laura scrive:

    Se non ci fosse Gesù ad attenderci nel suo splendido castello, la vita, per molti di noi, si risolverebbe in un autentico schifo !

  2. Jack scrive:

    Che la Madonna ci protegga!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana