Google+

“L’estro delle maree”, l’esordio poetico di Alessandro Turci che ha «colpito a fondo» Claudio Magris

giugno 13, 2014 Redazione

“Dieci notturni” per gustare versi inediti di una «poesia strana, imprevedibile e intensa». Illustrata dalle tavole di Héctor Navarrete

alessandro-turci-l-estro-delle-maree-interlineaLo scrittore Claudio Magris l’ha definita una «poesia strana, imprevedibile e intensa, che colpisce a fondo. Quella luce blanda, quella prudente luna e quel vento crudo e tutto quel senso d’intrepido fissare il volto e lo sgomento della vita s’incidono fortemente. Come d’altronde quei neri meriggi e quegli inverni velieri veramente s’imprimono nella memoria».

L’Estro delle maree (Interlinea edizioni, 51 pagine, 14 euro) costituisce l’esordio poetico di Alessandro Turci, nato a Sanremo il 7 ottobre 1970 ma formatosi tra Milano, Parigi e Berlino. Un assaggio di poesia «imprevedibile e intensa» lo si trova subito nei versi di “Al largo”: «Di blanda luce l’ovest si colora/ dei tanti giorni amati senza scelta/ che infrangono sui moli e negli intarsi// scavando al mio coraggio una dimora./ L’anima cede, un fuoco l’ha divelta/ e sorpresa nel gesto di privarsi».

E da questi pochi versi è ben visibile quali sono state per l’autore le fonti d’ispirazioni: la Liguria, la classicità, il fascino di un certo ermetismo e, naturalmente, il mare. Accanto ai dieci sonetti notturni che compongono questa prima raccolta, Turci propone brevi prose che vogliono svelare in controluce la filigrana dei versi. Così come le dieci chine dell’artista argentino Héctor Navarrete che affiancano ogni poesia e che costituiscono un laconico e al tempo stesso evocativo controcanto.

Una sola nota per chi vorrà leggere queste pagine: questi versi chiedono d’essere ascoltati con un impegno: «Non chiedere alla voce di mentire/ i suoi ricordi».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Opel torna nel segmento delle SUV medie. E lo fa sbattendo la porta con tanta forza da far tremare i vetri. La nuova Grandland X, terzo atto della saga X dopo Mokka X e Crossland X, è una vettura concreta, spaziosa, confortevole e ben rifinita. Oltretutto forte di un design piacevole. Caratteristiche che, di per […]

L'articolo Prova Opel Grandland X proviene da RED Live.

L’ingresso di Fiat nel segmento dei Pick-up avviene grazie a una importante e strategica collaborazione con Mitsubishi di cui il Fullback è “figlio legittimo”. Stringendo una intelligente partnership con chi è stato ritenuto il miglior interprete di questa filosofia, Fiat ha infatti potuto entrare sul mercato dalla porta principale con un mezzo che, già in […]

L'articolo Prova Fiat Fullback LX 180 CV, buona la prima proviene da RED Live.

Pirelli ci riprova. Dopo il lancio degli pneumatici da bici P Zero Velo riparte dal ciclismo il progetto Pirelli Design, avviato dall’azienda per valorizzare il suo bacino di conoscenze in fatto di tecnologia. Procede dunque in questa direzione la nuova capsule collection con la collaborazione di Castelli, azienda italiana con più di quarant’anni di storia vissuta […]

L'articolo Pirelli Design e Castelli insieme per una collezione speciale proviene da RED Live.

Le due rappresentanti heritage della Casa di Iwata si tingono di nuovi colori e richiamano ancora di più il passato: sono le Yamaha XSR700 e XSR900 2018

L'articolo Yamaha XSR700 e XSR900 2018 proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. La prova della nuova gamma Softail comincia così, all’insegna di un motto indiscutibilmente americano. Oltre alle suggestioni culturali, però, c’è altro: otto modelli del tutto inediti, progettati ex novo per essere attuali oggi e soprattutto domani. Nel futuro di Harley-Davidson, infatti, ci saranno 100 nuovi modelli in 10 anni. […]

L'articolo Prova Harley-Davidson gamma Softail 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana