Google+

L’Egitto sarà una repubblica islamica? Ora della verità per i Fratelli Musulmani

dicembre 12, 2011 Rodolfo Casadei

I ballottaggi del primo turno ridimensionano il risultato degli estremisti salafiti e migliorano quello dei Fratelli Musulmani, che avranno circa la metà dei seggi in Parlamento. Ma non possono allearsi con i salafiti, sono troppo diversi. L’unico modo per non diventare subalterni dei militari è allearsi con le forze democratiche che hanno lottato in piazza Tahrir

Molti media hanno presentato i risultati delle elezioni in Egitto come la prova della grande forza dell’islam politico, che nelle sue diverse espressioni partitiche avrebbe assorbito i due terzi dei voti degli elettori egiziani. Le cose non stanno così, perché ciò che divide i Fratelli Musulmani dai salafiti è molto più importante di ciò che li accomuna, e una coalizione di governo fra queste due forze è da escludere.

Inoltre i risultati dei ballottaggi del 6 dicembre hanno modificato significativamente il quadro politico egiziano così come era uscito dalla tornata elettorale del 28-29 novembre. Conquistando, secondo varie fonti, 34 dei 52 seggi in palio nei collegi uninominali, il partito della Libertà e della Giustizia, espressione dei Fratelli Musulmani, ha consolidato il suo vantaggio sugli altri partiti nel Parlamento che si costituirà dopo il voto del 3 gennaio 2012, ultimo appuntamento delle elezioni parlamentari in tre fasi che si stanno svolgendo. Secondo le proiezioni ora si trova a disporre di quasi la metà di tutti i seggi, mentre ai salafiti non ne toccherebbero più del 20 per cento e ai partiti democratici, nazionalisti, di sinistra, liberali, ecc. il restante 30 per cento. Il responso del voto proporzionale era stato decisamente diverso, col partito dei Fratelli Musulmani poco sopra il 36 per cento e al Nour, espressione dei salafiti, al 24 per cento. Quest’ultima era stata la grande sorpresa: nessuno si aspettava che i salafiti, privi di esperienza politica e portatori di un discorso incentrato quasi esclusivamente sull’osservanza di precetti religiosi, potessero ottenere un tale risultato. Col loro ridimensionamento ai ballottaggi e la rivalutazione del partito della Libertà e della Giustizia, la formazione storica degli islamisti egiziani appare meno condizionabile dai nuovi arrivati.


A questo punto i Fratelli Musulmani saranno costretti a uscire dalle loro ambiguità. Nei mesi successivi alla rivoluzione del 25 gennaio hanno ripetuto decine di volte che il loro programma politico non prevede la trasformazione dell’Egitto in una repubblica islamica, ma il rafforzamento di uno Stato civile con diritti uguali per tutti i cittadini, ispirato alla sharia ma non ricalcato su di essa. Hanno polemizzato a più riprese coi salafiti, coi quali si sono scontrati fisicamente in un certo numero di seggi elettorali il 28-29 novembre scorsi e il 6 dicembre. Ma si sono anche mostrati molto arrendevoli nei confronti dei militari, che hanno deluso gli egiziani per l’attaccamento al potere, la persistente inclinazione alla repressione dei dissidenti politici e i ripetuti tentativi di manipolare la transizione a proprio vantaggio. Questa collusione potebbe essere una delle ragioni del risultato meno brillante del previsto al voto proporzionale. La componente democratica, liberale e di sinistra della rivoluzione e i salafiti li hanno accusati di volersi accordare coi militari per una spartizione del potere. A elezioni concluse e nuovo Parlamento in carica si vedrà se la politica sin qui seguita dagli islamisti era puramente tattica, volta ad accelerare la marcia verso le urne e dunque verso la legittimità politica che a loro sarebbe derivata da esse, oppure se l’arrendevolezza verso i militari è strategica, fondata sulla convinzione che la sfera d’azione dei partiti in Egitto continuerà ad essere limitata e a svolgersi all’ombra del potere reale delle forze armate, e che dunque è meglio accordarsi con loro che con le altre forze politiche.

A tentare i Fratelli Musulmani a questo patto diabolico è anche un’altra riflessione: i salafiti possono essere infiltrati facilmente e usati in termini di destabilizzazione da parte dell’esercito e dei servizi segreti; se gli islamisti storici non accettano di rinunciare al progetto di privare i militari dei loro privilegi, questi ultimi potrebbero in vari modi spingere gruppi salafiti verso la lotta armata e il terrorismo, creando una situazione ingovernabile per il potere civile uscito dalle urne e generando a livello nazionale e internazionale richieste di ritorno all’ordine. L’unica alternativa all’accettazione della subalternità nei riguardi delle forze armate sarebbe quella di rivolgere lo sguardo ai grandi perdenti delle elezioni: quei partiti democratici i cui militanti sono stati la spina dorsale della rivoluzione del 25 gennaio, ma che non hanno saputo tradurre la stima degli egiziani nei loro confronti in consenso elettorale. Al di là delle differenze sulla questione del rapporto fra religione e politica, Fratelli Musulmani e democratici hanno in comune l’opposizione al vecchio regime di Mubarak e la partecipazione ai moti di gennaio e febbraio. La ricomposizione dell’alleanza vista in piazza Tahrir è indubbiamente l’unica strada per ridare speranza al processo di democratizzazione e di liberalizzazione che quelle proteste sembravano aver innescato. Diversamente, militari e salafiti avranno buon gioco nel riportare indietro l’orologio della storia in riva al Nilo.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana