Google+

L’altra giravolta con Barbara. Spinelli lascia Tsipras (e non saremo noi a fare della facile ironia)

maggio 12, 2015 Redazione

Volete voi che una che doveva tenere «alta la bandiera dei principi di giustizia e libertà» potesse privare l’Europarlamento del suo contributo? Certo che non poteva

Non che cambiare opinione in politica sia una cosa disdicevole di per sé, tuttavia fanno abbastanza impressione le giravolte con cui Barbara Spinelli ha caratterizzato la sua esperienza al Parlamento Europeo. Soprattutto desta una certa ilarità il fatto che questa vestale dei diritti e della moralità pubblica, sempre pronta ad alzare il ditino quando c’è da rimbrottare qualche Caimano (sì, Berlusconi, lui), poi si permetta tutto e il contrario di tutto senza batter ciglio.

IO LASCIO. Partiamo dalla fine. Ieri la giornalista ha annunciato di voler lasciare la lista Tsipras, ma non il suo seggio a Strasburgo. «L’Altra Europa – ha scritto Spinelli in una nota – nacque come progetto di superamento dei piccoli partiti di sinistra; come conquista di un elettorato deluso sia dal Pd e dal M5S sia dal voto stesso (astensionisti) – dunque un elettorato non esclusivamente di sinistra – e come elaborazione di nuove idee su un’Unione ecologicamente vigile, solidale, capace di metter fine alle politiche di austerità e ai nazionalismi xenofobi che esse hanno scatenato». Ora, poiché L’Altra Europa non è più «all’altezza di quel progetto», la giornalista ha deciso di abbandonarla, rimanendo tuttavia come indipendente tra gli scranni dell’Europarlamento.

IO RIMANGO. E vabbè. Solo che oggi fa piuttosto ridere andare a rileggersi le sue dichiarazioni in campagna elettorale quando assieme a Moni Ovadia, Spinelli si candidò con l’unico intento di trainare la lista e ripetendo più volte che, pur non essendo una «candidata di bandiera», ma la «protagonista di un progetto in cui crede fermamente» (distinzione la cui sottigliezza non è comprensibile a noi umani), si sarebbe dimessa un istante dopo essere risultata eletta. Solo che le dimissioni battibaleno non arrivarono mai. Almeno per Spinelli, perché Moni Ovadia, tenendo fede alla parola data, così fece, lasciando il seggio a Curzio Maltese. La nostra, invece, cogitando cogitando, arrivò alla conclusione che un posticino a Strasburgo non le faceva poi così ribrezzo. E così l’intellò che sta sempre dalla parte dei più deboli, lasciò a casa Marco Furfaro di Sinistra e Libertà, figlio di un operaio.

IO BIGIO. Ora, non saremo noi a fare della facile ironia su un siffatto modo di comportarsi, anche perché gli intenti della Spinelli erano dei più nobili. Era lei che voleva «raccogliere, rilanciare le lotte civili e sociali, di opinione e di piazza, che nel corso del ventennio berlusconiano, e di compromessi di potere tutt’altro che estinti, hanno tenuto alta la bandiera dei principi di giustizia e libertà della nostra Costituzione repubblicana, indicandola come la “via maestra” da realizzare, anziché una carta obsoleta da calpestare».
Quindi, volete voi che per un sì arduo compito il Parlamento Europeo dovesse privarsi dell’intelligenza Spinelliana? “Non sarò certo io a compiere questo delitto”, avrà pensato la nostra. E così non si è dimessa. Poi, che in questi mesi, come scrive oggi Libero, abbia partecipato a solo 3 votazioni su 39, è un dato di fatto che non dovrebbe inficiare la stima di nessuno dei suoi elettori.

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. yoyo scrive:

    Pensate alle meningi di chi la ha votata…per loro il muro di Berlino deve tornare in piedi.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana