Google+

A Kukës il buonismo rischia grossoA Kukës il buonismo rischia grosso

aprile 21, 1999 Casadei Rodolfo

Quando la retorica dell’intervento umanitario si scontra con la dura realtà

Franco Barberi, sottosegretario alla protezione civile, e Rosa Russo Jervolino, ministro degli interni, hanno un diavolo per capello: perché a Kukës solo gli italiani si danno da fare? Perché l’Alto Commissariato per i rifugiati non mantiene la sua promessa di alzare una tendopoli da 12 mila posti? Perché gli svizzeri non aprono il loro campo? Perché nella vicina Spitall i tedeschi hanno insediato pochissime tende? Perché continuiamo a restare soli col nostro campo da3.200 posti, affollato da 6 mila anime disperate, e solo noi ci muoviamo per crearne un altro da 5 mila? Forse perché siamo più generosi ed efficienti di tutti gli altri? No, solo più incoscienti e inesperti. Checché ne dicano il ministro e il suo sottosegretario, Kukës è esattamente il posto dove non dovrebbe mai essere creato un campo profughi stabile: è una località in piena zona di guerra, a meno di mezz’ora dal confine col Kosovo; è situata in alta montagna in una valle priva di acqua potabile, fogne e linee telefoniche; è quasi inaccessibile per via di terra (per portarci un carico da Tirana ci vogliono 14 ore di strade sterrate) e per via aerea è accessibile solo agli elicotteri.

I costi per gestire un campo profughi in un posto del genere sono e saranno altissimi, e in caso di operazioni militari l’evacuazione della zona avrà contorni catastrofici: i rifugiati attualmente sono 135 mila in un’area che prima era abitata da 5 mila persone. Scrive il Corsera che “l’idea iniziale era che i kosovari se ne andassero da Kukës. Ma loro vogliono rimanere qui. E allora il mondo sta a guardare questa gente accampata, senza intervenire troppo, aspettando che siano loro a decidere di autodeportarsi di nuovo”. Noi italiani, invece, per bocca del presidente del Lazio Piero Badaloni annunciamo la creazione di un “villaggio delle Regioni” da 5 mila posti. Kukës ha tutti i numeri per diventare la Caporetto del buonismo italiano.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.