Google+

Kiryat Shmona. Il riscatto di questa terra israeliana passa dal pallone

aprile 2, 2012 Emmanuele Michela

I missili di Hezbollah spazzano da anni questo piccolo borgo nell’estremo nord d’Israele. E nel ’74 ci fu pure un terribile massacro, con 18 civili uccisi per mano di 3 libanesi. Ma oggi la squadra locale potrebbe vincere per la prima volta nella sua storia il campionato di calcio. È nata solo 12 anni fa, ma a suon di vittorie sta dando ai suoi cittadini un motivo per non fuggire.

Troppo occupati a discutere sul gol fantasma di Robinho e sulla conseguente abilità di Galliani e compagni nell’uso di Photoshop, è sfuggito a tanti una piccola singolare storia di calcio che arriva da un paesino israeliano, Kiryat Shmona. 22mila anime nel nord del paese ebreo, ultimo baluardo a confine con il Libano, un paesino spesso al centro dei fatti di cronaca del conflitto arabo-israeliano. Ma oggi con ogni probabilità potrebbe entrare nelle pagine dei giornali per qualcosa di glorioso: il suo piccolo club infatti, l’Hapoel Ironi Kiryat Shmona, è primo in classifica da inizio campionato, e stasera si gioca il suo match ball contro l’Hapoel Tel Aviv. Un pareggio potrebbe essere sufficiente per vincere il tanto ambito titolo, il primo nella sua bacheca.

E dire che il club ha una storia giovanissima: era solo il 2000 quando per iniziativa dell’industriale Izzy Shiratzky le due squadre della città, che allora militavano nelle serie minori del campionato israeliano, si fusero sotto un unico nome. Da allora la neonata compagine calcistica non ha fatto altro che alternare successi a successi: spinta dai grandi investimenti del suo presidente, ha inanellato in 12 anni 3 promozioni, una qualificazione alla Coppa Uefa, una Toto Cup (trofeo locale israeliano) e ora la seria candidatura per la vittoria finale in campionato, che pare difficile fallire visti i 16 punti di vantaggio sulla inseguitrice. Tutto questo in un piccolo borgo nel nord estremo del paese, sorto a metà secolo come campo d’accoglienza per i tanti ebrei che arrivavano in questa regione al termine della Seconda Guerra Mondiale. È terra aspra quella che lo circonda, e la vicinanza col Libano ha fatto sì che Kiryat Shmona pagasse a caro prezzo gli sviluppi del conflitto arabo-israeliano: tanti sono i razzi che hanno spazzato il suo territorio a più riprese, tanti i cittadini che hanno contato morti tra parenti e amici. Nel ’74 ci fu il fatto più angosciante: tre terroristi libanesi entrarono in un condominio della città, uccidendo i 18 inquilini, di cui 9 erano bambini. Tutto questo ha provocato una costante fuga da qui, rafforzata dalle difficili condizioni di vita e dalla distanza dal resto del paese. Per molti israeliani il nord del paese ormai non esiste più. «Là c’è il Libano, e di là le alture del Golan», dicono alcuni tifosi locali intervistati dal NY Times. «Non ci sono cinema qui, tutti sono chiusi. Ma ci pensa il football a divertire le persone».

Il calcio sa essere più di un semplice sport: se fino a qualche tempo fa in questa maledetta città nessuno ci voleva vivere, ora i suoi cittadini hanno qualcosa di cui poter essere fieri, qualcosa che gli faccia essere orgogliosi di appartenere a questa terra. È l’Hapoel Ironi Kiryat Shmona. Se vincono, prenotano un pass per i preliminari della prossima Champions League. Lo stadio locale è un po’ piccolo, meno di 6mila posti a sedere, e forse sarà inadeguato per i match più prestigiosi. Ma a questa terra maledetta il riconoscimento dell’Europa calcistica che conta non lo potrà togliere nessuno. 

Twitter: @LeleMichela

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Permette di registrare tragitti, monitorare lo stato del manto stradale, analizzare e condividere con altri appassionati informazioni e dati. Si scarica gratuitamente da Apple Store e Google Play

L'articolo Sicurezza in moto? Arriva Moto App proviene da RED Live.

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.