Google+

Kadhim, l’unico sopravvissuto alla strage di Tikrit. «Isis ha sterminato 1.700 sciiti»

maggio 9, 2015 Redazione

È il più grande massacro mai compiuto dallo Stato islamico. I soldati sciiti sono stati tutti uccisi con un colpo alla testa. Oggi che l’esercito ha riconquistato Tikrit, quel luogo è meta di pellegrinaggio

Nel giugno del 2014, lo Stato islamico ha conquistato l’importante città irachena di Tikrit e ha portato a termine il più grande massacro mai compiuto finora, sterminando circa 1.700 soldati sciiti. Li ha prelevati dalla caserma Speicher, li ha fatti marciare in fila e li ha uccisi con un colpo alla testa. Uno a uno. Tutti. Tranne Ali Hussein Kadhim.

«CREDEVO DI ESSERE MORTO». Secondo quanto riportato dal New York Times, Kadhim potrebbe essere l’unico sopravvissuto e neanche lui sa bene come: «Credevo di essere morto, e invece ero vivo». Kadhim è stato prelevato dalla caserma come tutti gli altri: «Quando abbiamo saputo che l’Isis stava per arrivare, ci siamo vestiti in abiti civili e abbiamo cercato di scappare. Ma non abbiamo fatto in tempo». Quando hanno incontrato i terroristi, sono stati rassicurati: «Ci hanno detto: “Non vogliamo uccidervi”, ma mentivano».

TUTTI UCCISI. Hanno fatto sfilare tutti e 1.700 per la città, poi li hanno caricati su dei camion, per farli scendere sulle rive del fiume Tigri. «Ci hanno messi in fila e ci hanno uccisi tutti. Uno a uno. Io ero il quarto di una fila. Ho visto il sangue che sprizzava dalla testa del primo, del secondo, del terzo. E ho pensato: “È finita, sono morto”. Poi ho sentito lo sparo, giuro che l’ho sentito, l’uomo alla mia destra è caduto, quello alla mia sinistra pure e anch’io sono caduto. Ma ero vivo, non so dove fosse andato il proiettile».

META DI PELLEGRINAGGIO. Khadim è riuscito a sopravvivere, ad attraversare a nuoto il fiume in un punto favorevole e a tornare a casa dalla moglie e le due figlie. Sulle rive del fiume Tigri, invece, è rimasta una scia di sangue indelebile, che oggi è diventata quasi meta di pellegrinaggio da parte dei fedeli sciiti. L’esercito iracheno, con l’aiuto dell’Iran e degli Stati Uniti, ha strappato la città all’Isis nell’aprile scorso e ha trovato 11 fosse comuni piene di cadaveri. Sulle sponde del fiume si affollano fedeli, mazzi di fiori, foto di soldati, madri in lacrime e anche un cartellone che ricorda gli “eroi” sciiti: il grande ayatollah Ali Al-Sistani, quello iraniano Ali Khamenei, il leader militare mandato da Teheran per riprendere Tikrit, Qassim Suleimani. Centinaia di famiglie arrivano ora in questo luogo, con viaggi organizzati e pagati dal governo, per piangere i propri cari trucidati dallo Stato islamico. Si chiedono il perché di una violenza che non è certo sconosciuta all’Iraq, dove sunniti e sciiti continuano a combattersi a vicenda, a prescindere anche dall’Isis.


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana