Google+

Juventus campione d’inverno (anche perché dell’anti-Juve non v’è traccia)

dicembre 17, 2012 Emmanuele Michela

Cinquantacinque volte chi ha vinto il titolo d’inverno si è aggiudicato lo scudetto. Quest’anno i bianconeri hanno perso più partite, ma le inseguitrici arrancano. È già finito il campionato?

Otto giorni a Natale e la Juve è già campione d’inverno. Certo, il titolo in questione vale solo per riempire i titoli di giornale e non ha alcuna validità in termini di risultati, ma è indice del benessere di una squadra in piena forma, ieri brava a regolare l’Atalanta in meno di mezz’ora. E ancor di più è foriero di alcuni dati interessanti, che non possono che far sorridere i bianconeri.

UNO SGUARDO ALLA STORIA. Innanzitutto, la storia. Chi arriva al giro di boa da primo in classifica di rado perde il primato a fine anno. È successo 55 volte da quando in Italia esiste una massima serie a girone unico: quasi il 70 per cento dei campionati a maggio ha dato ragione a chi a gennaio si trovava primo in classifica. E quel titolo, “Campione d’inverno”, per forza di cose è un marchio estremamente familiare alla Juventus, di cui è stata insignita ben 27 volte: raramente non è riuscita poi mantenere il primato anche a fine stagione, unico dei club di Serie A (insieme al Torino) ad avere il conto in attivo, coi suoi 28 scudetti. D’altronde la Vecchia Signora ha nel dna le grandi cavalcate trionfanti, con successi costruiti a settembre e lunghe strisce vincenti fino a maggio.

LA JUVE PERDE DI PIÙ, MA FA PIÙ PUNTI. Ma ancor più singolare è guardare alla quantità di punti totalizzata dalla Juve: 41, ad ora, la stessa quantità raccolta un anno fa alla 19esima giornata. Questo sebbene lo scorso anno la Juve non abbia mai perso, ma a fine anno si sia trovata con 23 vittorie e 15 pareggi. Se anche i bianconeri dovessero fare bottino pieno dalle due giornate che restano arriverebbero a 47 e non riuscirebbero a battere i 52 punti totalizzati nel 2005/06, record del miglior rendimento in Serie A nel girone d’andata. Ma la cosa conta poco: vincere il titolo invernale con due giornate d’anticipo è cosa rara, e fa ancor più notizia alla luce delle difficoltà incontrate dai bianconeri, quest’anno costretti a fare i conti anche con gli impegni in Europa e non sempre ottimali in campionato. La Juve perde di più, ma pareggia meno e fa più punti, specie per le tante difficoltà delle inseguitrici.

DIFFICILE TROVARE L’ANTI-JUVE. Un anno fa i bianconeri vincevano il titolo solo alla 19esima giornata, con un punto di vantaggio sul Milan, salito poi a 4 a fine anno. Difficile invece capire chi sia ora la vera anti-Juve: brillano poco Inter e Napoli, le cui sconfitte in questo weekend sono solo le ultime avvisaglie della scarsa maturità di due club nettamente inferiori rispetto ai bianconeri, il Milan solo ora sta recuperando un inizio di stagione da dimenticare, la Roma cade sul più bello quando sembra avvicinarsi al secondo posto, Fiorentina e Lazio stupiscono così avanti in classifica, sebbene ne passi da qui a indicarle come candidate scudetto. Campionato già deciso? No, anche se poco ci manca. Un problema c’è, e si chiama Champions League: i bianconeri hanno fatto fatica a gestire il doppio impegno, e a febbraio sarà un’ulteriore prova di maturità faticosa, cui le altre squadre potranno approfittare. Altrimenti che noia, prepariamoci ad un girone di ritorno già deciso, dove avremo da esaltarci solo per la gara al secondo posto e per la lotta per non retrocedere.

Seguici su Tempi Sport

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Franco says:

    Scusate se mi permetto di essere contento se vi annoiate. Sono Juventino e non mi annoio affatto a vedere come gioca questa squadra da due anni…
    Penso proprio che non ci sia trippa per gatti.
    Ossequi.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi