Google+

Juve da applausi col Chelsea. Ma il big match è domenica sera

novembre 21, 2012 Emmanuele Michela

I bianconeri giocano un match battagliero e affamato contro i londinesi. Ma la vera prova di maturità è la prossima partita, contro il Milan. Per inseguire ciò che fino ad ora è mancato: la continuità.

3-0 secco, per di più contro i Campioni d’Europa in carica. Basterebbero questi due dati a offrire i tratti chiari della bella prova offerta dalla Juve contro il Chelsea ieri sera. Ad entrambe serviva vincere, ma le prestazioni delle due squadre sono state decisamente opposte: battagliera e affamata la gara dei bianconeri, difensiva e impaurita quella dei londinesi. E il bel tris calato ieri allo Juventus Stadium ha dato una grossa spinta alla Vecchia Signora verso gli ottavi di Champions.

ATTACCO PRESENTE. Ha risposto nel migliore dei modi l’attacco, spesso sotto accusa di inconcludenza contro le grandi squadre. È evidente che quando Vucinic è in palla la squadra gira in tutt’altra maniera, sebbene al montenegrino ieri sia mancato il gol più per imprecisione che per sfortuna. Il suo ritorno al centro dell’attacco (mancava contro la Lazio per un’influenza) ha dato altro brio al pacchetto offensivo, più cattivo e graffiante. Quagliarella si conferma inarrestabile, Vidal dimostra ancora una volta l’utilità degli inserimenti da centrocampo nello schema di Conte e finalmente anche Giovinco riesce a trovare il tanto atteso “gol importante” (anche se esige spiegazioni l’uscita avventata di Cech sull’azione dell’ex-parmigiano).

DOMENICA BIG MATCH A SAN SIRO. Insomma, applausi meritati per la Juventus. La prova di maturità non è però ancora superata. Il vero esame è quello di domenica, giorno in cui i bianconeri saranno in scena a San Siro, contro il Milan. È vero, la crisi di gioco e risultati dei rossoneri non spinge a catalogare questo match come una grande partita: in pochi mesi di calcio Milan-Juve è passato da crocevia fondamentale per il campionato (ricordate il gol di Muntari?) a partita di prestigio tra una Vecchia Signora tornata super e una regina del pallone in cerca di se stessa. Ma il fascino di un incrocio simile non decade, e si fonde insieme ad una parola per ora poco familiare alla Juve 2012-13: la continuità dei risultati.

SQUADRA FORTE, MA INCOSTANTE. Calendario alla mano, appare evidente la scarsa capacità dei bianconeri di confermarsi nelle grandi partite, nel continuo intreccio di match decisivi tra campionato e Champions. Le tre vittorie arrembanti con cui i bianconeri aprivano la Serie A s’interrompevano a Stamford Bridge, dove il solito Quagliarella rimediava allo scioccante ritorno bianconero in Coppa Campioni, passati sotto 2-0 dopo pochi minuti. E se il poker rifilato alla Roma erano quattro schiaffi sonori a Zeman, le sue critiche e il suo gioco “spumeggiante” (o pseudo tale), tre giorni dopo la Juve rischiava grosso contro la sorpresa Shakhtar, rimediando un 1-1 sudatissimo. Il 20 ottobre poi, ecco la lezione di calcio alla diretta inseguitrice in campionato, il Napoli, non pervenuto praticamente a Torino nel brillante 2-0 firmato Caceres-Pogba; ma nemmeno 3 giorni dopo ci vuole Vucinic per non perdere in Danimarca contro il Nordsjaelland.

LA STRADA PER TORNARE AL TOP. Danesi superati poi senza troppi grattacapi col 4-0 dello scorso 7 novembre; ma quella vittoria arrivava proprio subito dopo la prima sconfitta della Juve, quando l’Inter violava per la prima volta lo Juventus Stadium e interrompeva l’imbattibilità da record della Vecchia Signora. Era chiaro a inizio stagione per Buffon e compagni: il doppio impegno in campionato e in Europa sarebbe stato difficile da seguire, le gambe si sarebbero appesantite, la pressione psicologica sarebbe stata alta, le avversarie sarebbero cresciute di valore e cattiveria. Ma una squadra matura deve saper rimbalzare bene su entrambi i fronti, dando il meglio di sé ogni 3-4 giorni. A partire da domenica, contro il fragile (ma voglioso di vendetta) Milan.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. ragnar scrive:

    Se una giustizia esiste allora il milan dovrebbe vincere 1-0 nel seguente modo: tiro che non entra in porta per 30 cm ma l’arbitro convalida lo stesso.

  2. Carlo Candiani scrive:

    Ma guarda un pò: e io che pensavo che la prova di maturità la juve l’avesse già svolta contro l’Inter, perdendo rovinosamente, in casa, per 3 a 1. A quanti punti indietro è il Milan dai bianconeri?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana