Google+

Chi era Junipero Serra, “l’apostolo della California” che sarà canonizzato oggi da papa Francesco

settembre 23, 2015 Redazione

Frate francescano e grande predicatore, svolse anche un’importante opera di promozione umana tra i popoli nativi della regione. «Sentiva la responsabilità di avere generato alla fede in Cristo queste genti. Come un padre con i figli»

junipero-serra-california-canonizzazione-ansa-apQuesto pomeriggio (quando in Italia sarà già notte), papa Francesco presiederà a Washington la Santa Messa per la canonizzazione del beato padre Junipero Serra, apostolo della California. Il postulatore generale della sua causa, padre Giovanni Giuseppe Califano, ha concesso un’intervista alla Radio Vaticana per raccontare la figura di un santo che secondo il Pontefice non è solo all’origine della storia moderna della California, ma è addirittura un padre fondatore degli Stati Uniti

«INNAMORATO DEL VANGELO». Frate minore francescano e professore di teologia, Junipero Serra era nato nel 1713 a Maiorca. La enorme opera di evangelizzazione che lo porta oggi all’onore degli altari cominciò a 35 anni, quando fu mandato nella regione oggi divisa tra Messico e California, appunto. Nel Nuovo Mondo il religioso fondò numerose missioni. Secondo padre Califano, Junipero Serra era «un innamorato del Vangelo», e infatti «fu un instancabile predicatore della Parola di Dio» tanto nei 35 anni trascorsi a Maiorca quanto negli altrettanti anni passati oltreoceano. Il suo impeto missionario – ricorda il postulatore – nacque dalla lettura delle gesta di grandi predecessori come san Francesco Solano e il venerabile Antonio Margil, e la sua «prima azione» avvenne «nel territorio della Sierra Gorda, oltre duecento chilometri a nord di Città del Messico», per estendersi negli anni verso nord, per tutta l’attuale California.

LA LINGUA DEI PAME. Secondo padre Califano, fra’ Junipero seguì scrupolosamente il processo di “inculturazione” per poter incontrare i nativi e annunciare loro il Vangelo. «Non ebbe difficoltà – racconta – ad apprendere in breve tempo la lingua dei Pame», il popolo indigeno che all’epoca abitava la Sierra Gorda. E proprio questo sforzo, dice ancora Califano, è stato «il primo atto di carità di padre Junipero verso quelle popolazioni, cioè il desiderio di sentirsi uno di loro per essere vicino a tutti, con cuore di francescano per comprendere, per sostenere. E questo desiderio di immedesimarsi con i popoli, con le culture, lo accompagnerà per il resto della sua vita, anche negli anni successivi, nell’azione in California».

PROMOZIONE UMANA. Ma come molti missionari dell’epoca (e del presente), padre Junipero svolse fra gli indiani d’America anche «un’autentica opera di promozione umana», continua padre Califano. «I frati minori che raggiungevano queste nuove terre insegnavano alla popolazioni nativa l’agricoltura, l’allevamento del bestiame, le arti, la musica e l’architettura. Era un modo per stabilire condizioni di vita più dignitose per quelle popolazioni che certamente erano ancora senza il Vangelo, ma che avrebbero potuto anche essere facili prede di una colonizzazione senza scrupoli. Sono rimasti a noi come esempi mirabili di questa attività “artistica”, di promozione, le grandi chiese delle missioni di Sierra Gorda che oggi sono considerate patrimonio mondiale dell’umanità».

5.309 CRESIME. Il santo missionario inoltre «moderò la metodologia di approccio che i militari gli spagnoli erano soliti condurre quando si stabilivano in quelle terre», e allo scopo fu sempre pronto a battersi: «Non ebbe rispetti umani per chi osava attaccare, approfittare o soggiogare gli indiani. Per questo amore viscerale e intelligente, non ebbe timore di affrontare a viso aperto le autorità politiche e militari che volevano sottrarre alla Chiesa il compito dell’evangelizzazione». Secondo il postulatore, tra lui e i Pame c’era «rapporto tra padre e figli. Padre Junipero aveva la consapevolezza di avere generato alla fede in Cristo questi popoli e quindi desiderava amministrare personalmente il Battesimo quasi per assumersi nei loro confronti una responsabilità, una responsabilità di padre». Altra prova di questo rapporto paterno, racconta Califano, è il fatto che il francescano, una volta ottenuta l’autorizzazione ad amministrare la cresima (cosa «del tutto eccezionale» poiché normalmente solo i vescovi ne hanno l’autorità), «si mise in viaggio per donare questo Sacramento alle popolazioni di California e si calcola che il numero delle Cresime gli egli riuscì a distribuire sia stato 5.309!».

junipero-serra-canonizzazione-ansa-apIL “CAMINO REAL”. Basta mettere in fila i nomi delle principali città della California per rendersi conto di quanto siano state importanti l’influenza del cristianesimo e l’opera di fra’ Junipero per la storia di questa zona del mondo: «Risalendo dal sud verso il nord – elenca padre Califano – incontriamo San Diego, San Juan Capistrano, Los Angeles, San Buenaventura, Sant’Antonio, Santa Clara, San Francisco… Sono città che hanno avuto origine dalle stazioni missionarie stabilite dai francescani lungo il cosiddetto “Camino Real”. Questa vasta area geografica in cui san Junipero operò».

LA PIAGA. Califano sottolinea la grande umiltà del nuovo santo, che si considerò sempre un «servo inutile». A testimonianza di questa sua virtù Califano porta la radicale ubbidienza del frate alle indicazioni dei superiori e della Chiesa, e naturalmente la sopportazione della sua “celebre” piaga. «La piaga alla gamba – racconta il postulatore alla Radio Vaticana – si era formata al suo arrivo in Messico, procurata probabilmente da una puntura d’insetto. Portò infezione e lui l’ha portata pazientemente, questa piaga, per i 35 anni in cui è stato missionario. Ha viaggiato sempre a piedi: solo in una circostanza gli fu prestata una lettiga, proprio negli ultimi anni, quando era sofferente, ma ha camminato sempre sul dolore e questo certamente per un desiderio di conformità a Cristo, per un’offerta più autentica della sua vita e proprio perché si riteneva un nulla».

Foto Ansa/Ap


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana