Google+

Jfk, a 50 anni dall’omicidio un’intervista inedita a Castro: «Non fu ucciso da Oswald»

novembre 21, 2013 Chiara Rizzo

Pubblicata postuma uno spezzone di un’intervista al lìder Maximo: «Abbiamo provato a simulare l’omicidio con i nostri migliori tiratori cubani, ma nessuno riusciva»

Tra qualche ora saranno cinquant’anni dal momento in cui il presidente Usa John Fitzgerald Kennedy è stato ucciso e fin da oggi si susseguono trasmissioni, film o documentari per ricordare cosa avvenne il 22 novembre 1963 a Dallas, Texas. A far clamore c’è anche un’intervista inedita a Fidel Castro che nel 2010 ha dichiarato ad un giornalista statunitense, Jeffrey Goldberg (che aveva invitato lui stesso a Cuba per un’intervista) che «Non fu Lee Harvey Oswald ad uccidere Kennedy».

LE DUE INCHIESTE. Secondo una delle due ipotesi ufficiali sull’omicidio Kennedy, convalidata dalla commissione Warren nel 1964, sarebbe stato un dipendente del deposito di libri sulla Delay Plaza di Dallas a far fuoco, da solo, sul presidente e sul governatore che viaggiava con lui sulla decappotabile quel 22 novembre: tre colpi con un fucile semiautomatico, in meno di sei secondi, di cui quello con una pallottola che avrebbe ferito Kennedy e il governatore del Texas Connally. L’altra ipotesi, sostenuta ufficialmente dall’United states house select commitee (una commissione di inchiesta parlamentare nominata dal presidente Gerald Ford nel 1976) Kennedy sarebbe stato invece vittima del fuoco incrociato di più cecchini. Un’ipotesi portata avanti anche dalle inchieste del procuratore di New Orleans Jim Garrison, che esplicitamente ha ipotizzato tra i mandanti la Cia. È su queste ultime due ipotesi che avrebbe concordato anche il lìder Maximo.

DOPO LA BAIA DEI PORCI. Si tratta di un particolare molto interessante, perché nel primo caso, quello dell’omicida solitario, in qualche modo si era ritagliato un ruolo di mandante quanto meno putativo del delitto proprio a Castro: una sorta di vendetta dei cubani per il tentato sbarco nell’isola, conclusosi con la Baia dei porci. Nella seconda teoria, quella del complotto, comunque Castro è tirato in ballo, ma come movente: nel complotto sarebbero stati coinvolti anche alcuni anti-castristi. Nell’intervista, conservata dal giornalista in un cassetto, Castro ha dichiarato che l’omicidio fu «una cosa tristissima: tristissimo il giorno in cui è successo. Non lo dimenticherò mai. Come sentimmo la notizia, ci attaccammo alla radio». Ha quindi rivelato perché ritiene assolutamente non plausibile la teoria dell’omicida solitario: «Durante la Rivoluzione avevamo addestrato i nostri uomini nelle montagne a sparare così. Abbiamo cercato di ricreare l’omicidio e ci siamo confermati nella tesi che non poteva esserci stato un unico assassino: quel fucile italiano non avrebbe potuto sparare tre colpi così rapidamente».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana