Google+

Italicum. Cos’è, come funziona, a chi conviene e chi vuole affossare la legge elettorale

gennaio 22, 2014 Redazione

La nuova legge elettorale conviene a Renzi e Berlusconi (ma anche ad Alfano, se si allea)

È una legge elettorale che decide quanto sia importante il nostro voto. Con le nuove regole per l’assegnazione dei seggi parlamentari, nate dall’accordo fra il segretario del Pd, Matteo Renzi, e il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi (che prevede, fra l’altro, la riforma del bicameralismo perfetto e del Senato), la composizione del Parlamento potrebbe cambiare radicalmente.

ITALICUM, PROPOSTA DI LEGGE ELETTORALE. La nuova legge elettorale sulla quale si sono accordati Silvio Berlusconi e Matteo Renzi, dovrebbe essere tradotta in pochi giorni in testo di legge e entro fine gennaio sarà portata in Aula, per essere discussa e votata. Si tratta di una legge proporzionale, nella quale il numero di seggi conquistati viene attribuito in proporzione al numero di voti ottenuti dai partiti.

PREMIO DI MAGGIORANZA. La legge prevede un premio di maggioranza, ovvero seggi parlamentari extra, al partito o alla coalizione che ottengono più voti in tutta Italia. Il premio viene attribuito al primo partito, o coalizione, se supera il 35 per cento dei voti. Nel caso non accada, è previsto un secondo turno elettorale, nel quale il premio di maggioranza viene conteso dalle due forze maggiori. Contro il premio di maggioranza si esprime ovviamente il Movimento 5 Stelle, che avrebbe preferito come legge elettorale il porcellum “corretto”. Il non-partito non raggiunge il 35 per cento degli elettori e per statuto non può allearsi. Dunque difficilmente potrebbe anche arrivare al secondo turno.

MINI-LISTE BLOCCATE. Le regole elettorali, ispirate dal sondaggista Roberto D’Alimonte, prevedono le mini-liste bloccate. L’elettore non vota un politico, inserendo il suo nome, come avviene con le preferenze, ma soltanto il simbolo del partito. In questo caso ad obiettare è l’Ncd di Angelino Alfano, i cui componenti, storicamente, raccolgono un grande numero di preferenze sul territorio. Dall’altra parte, Ncd è favorevole al doppio turno di coalizione che gli permette di essere determinante in un’alleanza con Forza Italia.

SOGLIE DI SBARRAMENTO. I partiti che parteciperanno alle elezioni, per poter entrare in Parlamento, dovranno ottenere più del 5 per cento. L’8 per cento se non si alleano. Le coalizioni di partiti dovranno superare una soglia di sbarramento del 12 per cento. Lo sbarramento alto fa infuriare i piccoli partiti ma anche quelli in difficoltà, come la Lega Nord, che attualmente veleggia sotto il 5 per cento e che potrebbe dover rinunciare a Roma. Anche Ncd non è contenta delle soglie alte. Il partito rischierebbe di non farcela correndo alle elezioni da solo. Dunque sarebbe costretto ad allearsi con Berlusconi.

LA FRONDA DEL PD. Altri avversari della legge elettorale fanno parte della minoranza del Partito democratico, l’ala sinistra, gli ex bersaniani. Il motivo sembra per lo più opportunistico, visto che a scatenare le intemperanze sembra essere stata l’assenza delle preferenze nella legge elettorale, alle quali però il Pd, e gli ex bersaniani soprattutto, si sono sempre opposti. D’altra parte, Renzi ha rinunciato alla storica sintonia del Pd con una legge elettorale basata sui collegi uninominali (dove il voto viene dato direttamente all’unico candidato del partito e non al partito, attraverso preferenze o liste). Renzi lo ha fatto per venire incontro al centrodestra, che si è invece si è sempre opposto al sistema uninominale.

LA RIFORMA DEL SENATO. Renzi ha ottenuto senz’altro grandi vantaggi dall’accordo con Berlusconi. Ha potuto presentare una legge elettorale in breve tempo e ha ottenuto il via libera sulla riforma costituzionale del Senato, che eliminerà il problema del bicameralismo perfetto e dunque della doppia fiducia al governo. In altre parole, la riforma garantirà la governabilità e le elezioni daranno una maggioranza politica chiara, che permetterà a Renzi, nel caso vinca le elezioni, contro un avversario che non sarà sicuramente Berlusconi, di governare con una stabilità che nessuno dei governi repubblicani ha mai avuto.

LA VITTORIA DI BERLUSCONI.
Anche Berlusconi esce bene dall’accordo con Renzi. Anzitutto perché non ha dovuto rinunciare a nulla. Si vede riconosciuta l’importanza della riforma Calderoli, sostenuta dal suo governo e affossata dalla sinistra nel referendum del 2006, che prevedeva per il Senato le stesse modifiche proposte oggi da Renzi. Per quanto riguarda la legge elettorale, Berlusconi ha incassato una soglia bassa per la conquista del premio di maggioranza al primo turno. Con un tetto al 35 per cento può sperare che il centrodestra vinca senza andare al ballottaggio, una noiosa ripresentazione alle urne che storicamente gli elettori del centrodestra non paiono gradire, e che dunque avvantaggia la sinistra.

NUOVO CENTRODESTRA. Il fronte dei governativi di Ncd non si frega le mani ma nemmeno accoglie l’accordo con delusione (leggi l’intervista al ministro Gaetano Quagliariello). Sia perché si sancisce definitivamente la salvezza del governo, e si evitano le urne a maggio, sia perché si varerà la riforma del Senato, tanto auspicata in primis dal ministro Quagliariello. Inoltre gli esponenti del nuovo partito di centro destra avranno il tempo di organizzarsi e preparare il partito in vista delle future elezioni, e anche giocarsi una possibile alleanza con Forza Italia.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

6 Commenti

  1. mike scrive:

    non è che ci si capisca molto. renzi all’inizio mi sembrava un democristiano a sinistra, poi un comunista estremo, poi torna a sembrarmi un democristiano (per non dire uno a servizio del papa, e non che mi dispiaccia se fosse). il ncd non è chiaro da che parte stiano. ora son quasi contenti dell’Italicum proposto da renzi che era per abolire la bossi/fini che sarebbe una catastrofe. non se ne è parlato e si vedrà. poi erano contro la legge anti-omofobia e minacciano di andarsene, solo che la legge sta ancora andando avanti e il ncd pare voglia non votare quest’anno (se ho letto bene l’articolo). se la legge viene approvata nella versione peggiore poi voglio vedere che racconteranno agli elettori. o forse anche loro in fondo vogliono le nozze gay ma cercano di non darlo ad intendere. o forse lo sbarramento serve per intimorire gente come i 5 stelle che hanno introdotto un emendamento pesante, in vista di future elezioni. solo che mi pare inutile infatti per me il m5s prenderebbe più dell’8%. inoltre l’Italicum serve per la governabilità, ma il pd credo sia prossimo ad una spaccatura. e dopo? 2 partiti a sinistra con già due a destra? e con il m5s che comunque starebbe lì. e che è il pentapartito? torniamo agli anni ottanta? ero piccolo ma mi ricordo che già all’epoca era tutto molto incasinato.
    chi ci capisce qualcosa è proprio bravo.

    • Sasso Luigi scrive:

      In politica le cose non sono mai semplici. È sempre una guerra. La differenza della democrazia che invece di uccidere il re, possiamo votare contro di lui.

  2. Terrùn scrive:

    Nella storia della nostra repubblica governi poco stabili hanno fatto delle riforme, mentre governi stabilissimi (vedi Berlusconi 2008) non hanno fatto nulla.

    • Sasso Luigi scrive:

      Vero!

      • Terrùn scrive:

        E’ vero,
        perchè le liste erano fatte dai partiti con in testa i vari servi e zerbini che del bene comune se ne fregavano, pensando solo agli interessi del loro padrone.
        W la preferenza anzi le preferenze.

  3. Sasso Luigi scrive:

    Questo articolo è un’ottima sintesi di tutti gli interessi in gioco. Speriamo che prevalga il bene comune.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

No, decisamente la Volkswagen non poteva restare a guardare. Il segmento delle B-Suv, vale a dire delle sport utility compatte, vive un momento di grande fermento e successo. La Casa tedesca, che sinora aveva nella Tiguan la proposta più “piccola”, doveva correre ai ripari. Ecco dunque avvicinarsi la presentazione ufficiale, prevista in occasione del Salone […]

L'articolo Volkswagen T-Roc: pronta alla battaglia proviene da RED Live.

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana