Google+

L’Italia convalescente rischia l’aumento delle tasse

febbraio 15, 2017 Mariarosaria Marchesano

Ne “Il mondo nel 2017″, l’instant book di Nomisma, i contributi di Goldstein, Cottarelli, Gros Pietro, Giavazzi. La previsione di un aumento delle tasse come nel 2011

mondo-2017-nomisma

Come si presenta il mondo nel 2017? I paesi occidentali sono appesantiti da un crescente debito pubblico e sempre più impegnati a gestire megatrend di forte impatto come i flussi migratori e i cambiamenti climatici. I paesi emergenti, Cina, Brasile, Russia, India, Sud Africa, Turchia, Israele e Palestina, appaiono nettamente più dinamici ma esposti ad instabilità geopolitiche. In questo contesto l’Italia è il quarto paese più indebitato del mondo, dopo lo Zimbabwe, la Grecia e il Giappone, ed è un “malato convalescente” che cerca di superare la patologia della crescita quasi zero degli ultimi anni. Potrebbe essere questa l’estrema sintesi dell’instant book Il mondo nel 2017 presentato oggi a Roma da Nomisma e curato dal suo managing director Andrea E. Goldstein. Si tratta di un’ampia ricerca che, attraverso i contributi di economisti, accademici, banchieri e manager pubblici, prova a fare il punto sulla realtà socio-economica del pianeta nell’anno in corso.

Riferendosi all’Italia, Goldstein commenta così le ultime previsioni ottimistiche sul prodotto interno lordo: «La strada per la crescita è tracciata? Certo, nel 2016 il pil è aumentato dell’1,%, finalmente lasciando alle spalle, anche se di pochissimo, la lunga parentesi dello zero virgola. Ma di ben altra crescita ha bisogno l’Italia per ripianare le devastazioni della Grande Recessione. I conti pubblici sono in mani esperte e sagge, dieci anni dopo le lenzuolate di Prodi e Bersani attendiamo ancora la sferzata 2.0 nelle riforme di struttura».

Tra i contributi degli esperti italiani all’istant book di Nomisma, spiccano quelli di Carlo Cottarelli, uno dei direttori esecutivi del Fondo monetario internazionale ed ex commissario alla spending review sotto il governo Renzi, di Gian Maria Gros Pietro, presidente di Intesa Sanpaolo, e di Francesco Giavazzi, professore di economia alla Bocconi. Quest’ultimo, in particolare, si spinge a prevedere un aumento generalizzato della tassazione in Italia, con modalità analoghe a quelle del 2011. E questo perché, secondo Giavazzi, starebbe per terminare l’effetto “anestesia” sui conti pubblici dello Stato che negli ultimi anni hanno beneficiato della riduzione del costo del debito dovuto ai bassi tassi d’interesse.

Ebbene, in una previsione di tassi in aumento e con una prospettiva di crescita dell’inflazione più bassa rispetto agli altri paesi dell’Eurozona, l’Italia vedrà probabilmente di nuovo aumentare il costo del debito. Come vi farà fronte? Un aumento del peso fiscale potrebbe rivelarsi inevitabile. Con quali effetti? Giavazzi su questo punto è lapidario: «Basta guardare a che cosa è accaduto dopo l’aumento delle tasse nel 2011: c’è stata una crescita negativa del pil pari a -2% nei due anni successivi». Insomma, per la convalescente Italia, che si è appena buttata la crescita zero alle spalle, le ricadute sono dietro l’angolo.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Si infiamma il segmento delle hatchback sportive. La Renault non resta a guardare e risponde alle rivali più agguerrite del momento, vale a dire Ford Focus RS e Volkswagen Golf R, con la nuova generazione della Mégane RS. Attesa al debutto in occasione dell’imminente Gran Premio di F1 di Montecarlo, la media ad alte prestazioni […]

L'articolo Renault Mégane RS 2017: debutta a Montecarlo proviene da RED Live.

Con la nuova Micra, Nissan ha voltato pagina. La più recente generazione dell’utilitaria giapponese, presentata nel 2016, è infatti cresciuta nelle dimensioni – è più lunga di 17 cm e larga di 7 cm rispetto al vecchio modello – si è ispirata esteticamente alle SUV Qashqai e X-Trail, ha beneficiato di una linea aggressiva e […]

L'articolo Nissan Micra, si amplia la gamma proviene da RED Live.

Come uno scultore affina le proprie opere, così MINI dedica una serie di aggiornamenti ai modelli in gamma, concentrati principalmente sull’ampliamento delle dotazioni, delle combinazioni di colori e dell’offerta di motori. Protagonista principale è la crossover Countryman, ma beneficiano di una ventata di novità anche la hatchback e la Clubman. Le vetture in configurazione 2017 […]

L'articolo MINI model year 2017: una ventata di novità proviene da RED Live.

Ti guarda attraverso il finestrino semi abbassato, sorridendo sornione. Stringe tra le mani il volante di una Classe E (serie W211) del 2007 e, con malcelato orgoglio, ti dice che lui, con quell’auto, ha percorso 500.000 km limitandosi alla manutenzione ordinaria. Poi, quando scatta il verde, saluta con la manina e ti lascia lì, impietrito. […]

L'articolo Long run Mercedes-Benz E220d proviene da RED Live.

Continua l’offensiva Skoda nel segmento delle SUV. Dopo la Kodiaq, ecco debuttare in veste definitiva la Karoq, erede della conosciuta Yeti. Quest’ultima, sul mercato dal 2009, esce definitivamente di scena, cedendo il passo a una moderna, ma esteticamente più convenzionale, crossover dalle dimensioni compatte. 32 cm più corta della Kodiaq La nuova Karoq, “gemella diversa” […]

L'articolo Skoda Karoq: profumo di Tiguan proviene da RED Live.

Strategie di Content Marketing - Video Academy di MailUp - banner iscrizione
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana