Google+

Italia, 40 mila neonati in meno in tre anni. «Ma i figli sono investimento “pubblico” da promuovere e tutelare»

novembre 28, 2013 Redazione

I dati Istat sulla fecondità nel paese confermano la tendenza alla denatalità. I commenti di Belletti (Forum associazioni familiari) e del demografo Blangiardo

Il rapporto annuale sulla natalità e fecondità in Italia presentato ieri dall’Istat conferma in modo sconsolante la crisi demografica del nostro paese. Nell’anno di riferimento dell’indagine, il 2012, sono nati in Italia 534.186 bambini, 12 mila in meno rispetto al 2011. Ma è, appunto, solo la conferma di un andazzo: dal 2009 le nascite sono infatti diminuite di 42 mila unità (54 mila se si considerano esclusivamente i figli di genitori entrambi italiani).

STRANIERI MENO PROLIFICI. Anche gli stranieri residenti qui, ormai, pur essendo ancora più prolifici degli italiani, contribuiscono sempre meno a “mitigare” le cifre di questo tracollo. I figli nati da coppie straniere nel 2012 sono stati 80 mila (15 per cento del totale), ovvero 2.800 in più rispetto al 2009; quelli di coppie miste 107 mila (20,1 per cento del totale). Tuttavia il tasso di fecondità degli immigrati, pari nel 2012 a 2,37 figli per donna, cioè quasi il doppio di quello degli italiani (1,29), sta diminuendo: nel 2008 infatti era di 2,65 figli per donna.

«NESSUN IMPEGNO DEL GOVERNO». In una intervista ad Avvenire Francesco Belletti, presidente del Forum nazionale delle associazioni familiari, osserva che i dati dell’Istat sono «indice di una grande paura del futuro». Ma sono anche la conseguenza della disattenzione dello Stato verso le famiglie. Nella legge di stabilità, spiega Belletti, «c’è forse qualcosa per le famiglie povere, ma nessun impegno concreto per una vera promozione della famiglia con figli». E il fatto che il tasso di fecondità diminuisca anche per le donne immigrate dimostra che ormai «l’Italia non è un paese per bambini»: perfino chi arriva nel nostro paese forte di una cultura aperta alla vita sempre più spesso «si trova nell’impossibilità di continuare a vivere secondo questo stile», dice Belletti.

ADDIO WELFARE. Del rapporto Istat sulla natalità in Italia si occupa anche, sempre su Avvenire, Gian Carlo Blangiardo, professore di Demografia nella Facoltà di Scienze politiche dell’Università degli studi di Milano. La rilevazione dell’istituto di statistica, scrive Blangiardo nel suo editoriale, «racconta il déjà vu di un Paese che non riesce a invertire la tendenza al ribasso. Una dinamica che ci ha portato a registrare nel 2012 il secondo peggior risultato in 152 anni di unità nazionale: solo nel 1995, ma con tre milioni di abitanti in meno, avevamo fatto di peggio». E questo non può essere un motivo di soddisfazione per nessuno, nemmeno per i più convinti sostenitori della cultura anti-natalista: «Chi si prenderà cura, o meglio, chi procurerà le risorse umane e materiali per fronteggiare l’inevitabile crescita della popolazione anziana che va prospettandosi?», domanda il demografo.

STATO DI ABBANDONO. Lo Stato sociale è destinato al collasso senza un adeguato equilibrio tra le generazioni. Spiega Blangiardo: «Le nuove generazioni dovrebbero entrare a far parte della popolazione secondo flussi di nascite numericamente adeguati. Vale a dire, secondo numeri ben superiori a quelli cui ci stiamo abituando e che ormai sembrano non fare più notizia». Per giunta i dati attestano che «non ci si può neppure illudere, come si è fatto per anni, che l’immigrazione compensi pienamente le carenze – ad esempio nel mercato del lavoro – o che le famiglie immigrate riempiano le culle lasciate vuote dagli italiani». Se è vero che «persino le autorità cinesi stanno lentamente cambiando rotta» e stanno smontando la famigerata legge sul figlio unico, allora anche l’Italia deve finalmente rendersi conto che «le nascite sono il mezzo con cui una popolazione costruisce e garantisce il suo futuro». Occorre interrompere lo «stato di abbandono in cui vengono lasciate le famiglie sul fronte del fisco, del welfare e dello stesso clima amichevole di contorno». I bambini, conclude Blangiardo, non sono solo «un bene da colmare di attenzione e affetto»: sono un vero e proprio «investimento “pubblico” che va adeguatamente promosso e tutelato».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

8 Commenti

  1. Orione scrive:

    Magari, invece di spedire in Svizzera ed Europa, 100 miliardi di euro, chi ha cuore le sorti demografiche italiane , potrebbe investirli qui,…..

  2. Gastone (ex Italo Sgrò) scrive:

    Buongiorno. Volevo solo comunicare che il vecchio nick “Italo Sgrò”, che usavo in precedenza, era solo uno pseudonimo (non era il vero nome e cognome). A seguito del trollaggio continuo di cui è stato fatto oggetto l’ho abbandonato e non lo utilizzo più, uso un altro nick. Quindi chi si diverte a fare questi scherzi continui pure, il nick “italo” è a sua completa disposizione. Ovviamente anche il nick “Gastone” che uso per scrivere questa precisazione, non lo userò piu perché probabilmente il nostro amico inizierà a vandalizzare anche questo. Approfitto per salutare Remo.

    Gastone (ex Italo Sgrò)

  3. giovanna scrive:

    Caro “italo” , ma non ti senti un pò un mentecatto a dover scrivere quelle cose che pensavi di leggere su questo sito e invece non trovi manco a pagamento?
    Ma alla fine la tua è un’opera meritoria, mostri la menzogna dell’ideologia , e fai pure abboccare un tot di sempliciotti che la pensano come te su come, secondo loro, la dovrebbero pensare i cattolici…peccato non ci sia uno straccio di prova , mentre le prove dell’intolleranza e del fascismo gay fioccano !
    Poi, fai assaggiare come sarà per i cattolici con la legge sull’omofobia, come saranno interpretate le loro parole sulla famiglia composta da uomo e donna: in completa e totale malafede, off course.

  4. orione scrive:

    Tassa per chi guadagna oltre 100.000 euro all’anno ( anche se ha gia’ 3 figli….).
    Allora possiamo proporre anche questo……

  5. mike scrive:

    o ti sei fatto qualcosa o hai bevuto un po’ troppo. per fare ciò che dici tu dobbiamo tornare ai matrimoni combinati e alla lapidazione per chi è adultero, vuoi questo? nella società attuale ciò è improponibile (chi sarebbe d’accordo?) oltre ad essere contro la dignità umana. ed io al rispetto per la dignità umana ci tengo. per dirla in modo pratico oggi molte persone vogliono solo divertirsi, non pensano a matrimonio e figli. casomai pensano all’aborto e al divorzio. le istituzioni poi non aiutano, salvo se non sei italiano e preferibilmente musulmano. in più, non da sottovalutare, capita una cosa “simpatica” a chi ha intenzioni serie: che se sei uomo e ti piacciono le donne puoi far caso che alcune donne cercano le donne (come credo chi è donna e cerca gli uomini può far caso che alcuni uomini cercano gli uomini). il quadro è discretamente (eufemismo) avvilente.

    ma in fondo mi sa che hai fatto solo dell’ironia per prendere in giro chi legge gli articoli di questo sito. non è una bella cosa.

  6. mike scrive:

    dimenticavo: sotto scrive “gastone”. cioè a che ti serve usare il “nome” di un altro?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Tempo di restyling per una delle vetture meno convenzionali – almeno esteticamente – degli ultimi anni. In occasione del Salone di Shangai, la crossover Lexus NX beneficia di un lifting di dettaglio cui si accompagnano affinamenti a livello tecnico volti a incrementare il comfort dei passeggeri e a rendere più dinamico il comportamento della vettura. […]

L'articolo Lexus NX: il restyling è sportivo proviene da RED Live.

Non è la prima volta che BMW utilizza la dicitura Rallye per la sua GS: accadde già nel 2013, quando fu una vistosa versione Rallye con telaio rosso e colori Motorsport a celebrare l’uscita di scena del motore ad aria. Ora la dicitura torna in auge sulla BMW R 1200 GS Rallye, che per la […]

L'articolo Prova BMW R 1200 GS Rallye 2017 proviene da RED Live.

Vi abbiamo già parlato del legame (inconsueto) che c’è tra l’ibericissima Seat e l’italianissima Ducati (entrambe con un tedeschissimo proprietario). Un po’ come se lo Jamon Serrano si gemellasse con il Prosciutto di Parma. L’accordo di collaborazione Seat-Ducati una delle tappe nella consegna di una Leon Cupra nuova fiammante ai piloti Ducati Dovizioso e Lorenzo. Nonostante un […]

L'articolo Un Leon di pilota, Dovizioso va in CUPRA proviene da RED Live.

COSA: BIKE FESTIVAL GARDA TRENTINO, quest’anno dura un giorno in più  DOVE E QUANDO: Riva del Garda, Trento, 28-30 aprire e 1° maggio Tra le più importanti rassegne outdoor del comparto ruote grasse il Bike Festival Garda Trentino quest’anno aggiunge un giorno in più al suo (sempre) ricco programma di iniziative. Eventi speciali, escursioni, gare, test, un […]

L'articolo RED Weekend 28-30 aprile e 1° maggio, idee per muoversi proviene da RED Live.

A volte ritornano. Oltretutto quando meno te lo aspetti. Dopo dodici anni di assenza dal panorama europeo, lo storico marchio inglese MG annuncia il rientro nel Vecchio Continente. Un’operazione che avrà inizio nel 2019 e che vedrà protagonista la cinese Saic, dal 2005 proprietaria del brand. Il successo con le spider negli Anni ‘60 La […]

L'articolo MG, il ritorno in Europa è in salsa cinese proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana